Giugno 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

“Dune: Part 2” dà alla Silicon Valley ossessionata dalla fantascienza un motivo per festeggiare

“Dune: Part 2” dà alla Silicon Valley ossessionata dalla fantascienza un motivo per festeggiare

Giovedì sera, in un atrio al piano superiore nel centro di San Francisco, i tecnici di Google, Slack, X e Mozilla si sono mescolati accanto a un paio di ritagli di cartone di Timothée Chalamet e Zendaya.

Il fondatore di Facebook Dustin Moskovitz ha chiacchierato mentre altri sorseggiavano cocktail con nomi interessanti come Freemen's Mirage (gin, cocco Campari e vermut dolce) e Arrakis Palms (purè di pere alla vaniglia, gin e tonica Fever Tree). Era presente Tim O'Reilly, un veterano del settore tecnologico. È stato avvistato anche Alex Stamos, ex capo della sicurezza di Facebook.

«Pensi che mi permetteranno di portarne uno a casa? I secchi di popcorn dei vermi della sabbia sono straniQualcuno tra la folla ha riso e i secchi dal design suggestivo hanno suscitato scalpore sui social media.

I tecnici erano lì per celebrare l'ultima mania della Silicon Valley: “Dune: Part 2”, l'ultimo adattamento cinematografico dell'epica fantascientifica di Frank Herbert, che ha contribuito a ispirare molti di loro a interessarsi alla tecnologia. Il film, che segue “Dune” del 2021, ha venduto circa 81,5 milioni di dollari in biglietti negli Stati Uniti e in Canada durante il fine settimana, la più grande apertura per un film di Hollywood dai tempi di “Barbie”.

La proiezione privata, solo su invito, in un cinema IMAX nel centro di San Francisco è stata ospitata da due dirigenti tecnologici diventati podcaster per “Piano di fuga“, uno spettacolo settimanale incentrato su film di fantascienza e fantasy. E non era l'unico gioco in città.

In tutta la Silicon Valley, dalle società di venture capital ai circoli dei dirigenti tecnologici, le persone hanno prenotato le proprie proiezioni per il film, diretto da Denis Villeneuve. Giovedì la società del progetto 50 anni Ha invitato fondatori, amici e investitori a “venirci e alimentare la tua immaginazione con la grande fantascienza” durante l'acquisizione del teatro.

READ  Harry e Meghan esclusi dal matrimonio del padrino di Archie: rapporto

Fondo dei Fondatori, una società di venture capital co-creata da Peter Thiel, ha affittato l'Alamo Drafthouse Theatre nel Mission District di San Francisco per la serata di apertura del film venerdì, con open bar e cibo gratuito. Alcune persone sono venute da tutto il paese per partecipare.

“Se sei un VC e non stai ospitando una proiezione speciale di Dune II, sei un VC?” Ashley Vance, giornalista tecnologica di lunga data, ha scritto in un articolo Condividi su X Lo scorso mese.

Anche se le aziende tecnologiche hanno tagliato posti di lavoro e benefici negli ultimi mesi, la tradizione della première del film di fantascienza è ancora viva e vegeta. Film come “Star Wars”, “Dune” e “Ready Player One” sono stati tra gli elementi che hanno contribuito a suscitare l'interesse degli tecnologi nel campo dell'informatica. Non più contenti di guardare semplicemente il futuro svolgersi sullo schermo, i dipendenti di aziende come Meta, Google e Palantir stanno iniziando a sfruttare direttamente i loro film preferiti per costruire i prodotti di domani.

Agli albori di Google, la società acquistava regolarmente interi cinema per guardare l'ultimo film sui supereroi. Quando Blade Runner 2049 ha debuttato nel 2017, la società di investment banking tecnologico… Consulenti di codice Ho assunto l'Alamo Drafthouse per una proiezione privata e ho fatto una sessione di domande e risposte con l'antagonista del film, Jared Leto. Le società di venture capital hanno ripetuto la pratica con altri film e serie futuri, tra cui The Martian, Arrival e Westworld della HBO.

“È uno degli esercizi originali di costruzione del mondo nel genere fantasy, e tutto ciò che ci interessa è costruire il mondo qui”, ha detto Jason Goldman, l'ex dirigente di Twitter che si è unito a Matt Herrero, un amico tecnologico, per creare “Escape Hatch”. .” “Podcast durante i blocchi pandemici.

Gli eventi di visualizzazione di “Dune: Part Two” sono serviti anche come una sorta di spazio sicuro per i tecnici per allontanarsi, anche se solo per breve tempo, dalle guerre culturali tecnologiche che infuriano online e offline.

“Vent'anni fa, la maggior parte delle persone che si sono avvicinate alla tecnologia erano idealisti e avevano sogni utopici”, ha detto l'esperto di tecnologia Tom Coates al cocktail party di Escape Hatch. “Ovviamente questo non è più vero – ora per molti è solo un lavoro, un lavoro che ha attratto un certo tipo di 'fratello tecnologico'. Ma penso che sia interessante il fatto che non siamo tutti qui stasera per vedere la filmografia di Ayn Rand.

Goldman ha detto che parte del fascino della Silicon Valley per “Dune” potrebbe essere dovuto a personaggi come Paul Atreides di Chalamet, una figura messianica che guida un gruppo tribale oppresso a sollevarsi e sconfiggere i loro malvagi padroni.

“Ciò che le persone vogliono, e ciò che cercano sempre di ricreare, è quel leader carismatico che abbia la capacità di vedere il futuro”, ha detto Goldman. “Il culto dell'eroe di Steve Jobs è proprio allo stesso livello dell'elogio fanatico di Paul Atreides.”

“Il tutto si basa su un mondo in cui l'intelligenza artificiale è stata completamente spazzata via”, ha affermato Cal Henderson, co-fondatore e CTO di Slack, che ha partecipato all'evento di giovedì.

(Quella mattina, Elon Musk ha intentato una causa contro OpenAI, la società che ha creato ChatGPT, per le accuse secondo cui la società antepone i propri interessi commerciali al futuro dell'umanità. “Meta non riesce nemmeno a descriverlo”, ha detto un'altra persona al festa.)

Tuttavia, i partecipanti erano determinati a divertirsi. Qualcuno ha regalato al signor Herrero e al signor Goldman un poster lucido, stampato appositamente, intitolato “Dune: Parte 2”, con i volti dei conduttori ritoccati con Photoshop sui volti delle celebrità del film. Sui tavoli erano impilati vassoi di semifreddo Nebula Nebula (mousse al cioccolato speziato e vaniglia) e prelibatezze Atreides (spaghetti di riso, harissa, olio di sesamo).

Dopo il film di 2 ore e 46 minuti, il gruppo si è diretto nella sala VIP per registrare un podcast dal vivo su ciò che avevano appena visto. L'uscita è continuata dopo mezzanotte.

Poco dopo, il signor Goldman acquistò i biglietti per una matinée del lunedì chiamata “Dune: Parte 2”.

“Non vedo l'ora di rivederlo”, ha detto.