Aprile 17, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Dopo la morte del padre è intervenuto uno sconosciuto: NPR

Dopo la morte del padre è intervenuto uno sconosciuto: NPR

Roxanne Olson e suo padre, Richard.

Rossana Olson


Nascondi didascalia

Attiva/disattiva didascalia

Rossana Olson

Roxanne Olson e suo padre, Richard.

Rossana Olson

Questa storia fa parte della serie My Unsung Hero, del team Hidden Brain. Presenta storie di persone la cui gentilezza ha lasciato un'impressione duratura su un'altra persona.

Nel 1999, quando Roxanne Olson aveva 23 anni, lasciò la sua casa a Eureka, in California, per perseguire il lavoro dei suoi sogni, come assistente alla produzione in un tour reggae attraverso il paese. Ma nel bel mezzo del tour ha ricevuto una notizia terribile: suo padre è morto per un improvviso attacco di cuore.

“Ero abbastanza giovane da non capire che la morte faceva parte del mio mondo”, ricorda Olson, “quindi fu uno shock pazzesco”.

Olson riuscì a procurarsi un biglietto aereo per tornare a casa, ma quando arrivò all'aeroporto internazionale di Chicago O'Hare le cose peggiorarono. Qualcuno ha passato i controlli di sicurezza con una borsa, chiudendo una parte dell'aeroporto.

“Si scopre che più di 6.000 persone sono state evacuate dall'aeroporto O'Hare quel giorno”, ha detto Olson.

Ricorda di essere rimasta sul marciapiede, circondata da migliaia di sconosciuti, mentre gli elicotteri volavano sopra di lei.

“È stata la cosa più folle e surreale che sia mai capitata a mio padre [had died]”, Lei disse.

Dopo ore di attesa, Olson e gli altri viaggiatori furono autorizzati a tornare. Ma l'aeroporto era nel caos più completo.

READ  Spirali di luce blu nel cielo notturno della Nuova Zelanda lasciano gli osservatori 'un po' spaventati' | Nuova Zelanda

“Non sapevo dove andare, chi chiamare, cosa fare. Sembrava che tutti fossero impegnati a correre in giro”, ha detto Olson.

Mentre era lì, sentendosi sempre più esausta, una donna le si avvicinò, spingendo una sedia a rotelle vuota.

“Lei si è avvicinata a me e mi ha detto: 'Sono qui per aiutare le persone come te'”, ha detto Olson.

Olson si sentì sollevato e si sedette sulla sedia a rotelle. Mentre la donna li accompagnava attraverso l'aeroporto, Olson le raccontò della morte di suo padre e dei suoi tentativi di tornare a casa sua in California.

“Sembrava aver capito il mio problema, ha parlato con le persone giuste e mi ha portato sul mio primo volo.”

Olson tornò a casa quel giorno. Dice che non dimenticherà mai la donna che lo ha reso possibile.

“C'era qualcosa in me che vedeva che ero distrutto e avevo bisogno di aiuto. E lei mi ha salvato.”

My Unsung Hero è anche un podcast – Nuovi episodi vengono rilasciati ogni martedì. Per condividere la storia del tuo eroe sconosciuto con il team di Hidden Brain, registra un memo vocale sul tuo telefono e invialo a myunsunghero@hiddenbrain.org.