Maggio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Dopo essere stata colpita da un attacco informatico, Christie’s dice che le vendite nelle Marche continueranno

Dopo essere stata colpita da un attacco informatico, Christie’s dice che le vendite nelle Marche continueranno

Alla vigilia di una grande settimana di aste di arte moderna e contemporanea che inizierà lunedì sera, Guillaume Cerruti, amministratore delegato di Christie’s, ha confermato che tutte le opere dell’azienda sono live. Le aste proseguiranno come previsto, con offerte che si svolgeranno di persona e per telefono, nonostante l’hacking che ha messo in ginocchio il suo sito ufficiale da giovedì scorso. L’hacking sta mettendo alla prova la fedeltà dei suoi clienti ultra-ricchi durante le aste primaverili, dove le vendite rappresentano quasi la metà delle entrate annuali di Christie.

Domenica sera, nella sua prima dichiarazione pubblica dopo l’attacco informatico, Cerruti ha scritto in una email: “Non vediamo l’ora di darvi il benvenuto nei nostri showroom e di registrarvi per partecipare a queste aste”. Né Cerruti né un portavoce della casa d’aste hanno risposto alle domande su come si svolgerà la parte online dell’asta.

Giovedì, Christie ha sperimentato quello che ha definito un “problema di sicurezza tecnologica” che ha portato offline il sito web dell’azienda, lasciando delle scuse e promettendo di fornire “ulteriori aggiornamenti ai nostri clienti, se appropriato”. Domenica il sito era ancora inattivo.

Questa era la seconda volta in meno di un anno che Christie’s subiva una violazione. Ad agosto, una società tedesca di sicurezza informatica Rilevata una violazione dei dati Nella casa d’aste che ha fatto trapelare l’ubicazione delle opere d’arte possedute da alcuni dei più ricchi collezionisti d’arte del mondo.

Se la prima grande vendita di Christie avrà luogo martedì sera, come promette Cerruti – la collezione Rosa de la Cruz della casa del mecenate di Miami, la 21st Century Evening Auction – sarà strettamente coreografata perché la maggior parte delle offerte garantisce garanzie finanziarie prima la vendita. Christie’s in genere negozia questi accordi fino all’inizio dell’asta, cosa che secondo gli esperti di mercato potrebbe portare a una situazione insolita in cui non sono necessarie offerte esterne affinché l’azienda possa affermare che le sue aste del martedì sera hanno avuto un alto tasso di vendita.

READ  L'inflazione in Cina rende difficile per la People's Bank of China (PBOC) tagliare i tassi di interesse la Federal Reserve statunitense

Durante il fine settimana, dozzine di potenziali acquirenti si sono riuniti presso le gallerie dell’azienda al Rockefeller Center di Manhattan per vedere le costose opere d’arte, con stime per un totale di circa 840 milioni di dollari, e per discutere le offerte. I dipendenti hanno condotto tour privati ​​davanti al gigantesco dipinto serigrafato “Flowers” di Andy Warhol del 1964, che ha una stima elevata di 30 milioni di dollari, fino alle vendite giornaliere a prezzi più modesti, con un’opera d’arte di Barbara Kruger che dice: “Non puoi ritirare i tuoi soldi. “”The Money Is With You in the Grave” aveva una stima elevata di $ 600.000.

Lo staff di Christie’s ha assicurato ad alcuni clienti negli showroom che il suo sito web sarebbe stato sistemato “presto”, ma sabato pomeriggio, quando l’azienda non aveva ancora ripreso il controllo, ha sostituito da giovedì una landing page temporanea del sito con un altro sito web temporaneo prodotto da Free design del sito web chiamato Shorthand. Il sito temporaneo consente agli utenti di sfogliare i cataloghi online per le vendite imminenti, ma non consente offerte o registrazioni online.

Dietro le quinte, due dipendenti della casa d’aste, che hanno chiesto l’anonimato perché non erano autorizzati a parlare pubblicamente, hanno descritto uno stato di panico mentre i dirigenti senior sono rimasti in silenzio sui dettagli della violazione della sicurezza e non hanno risposto alle domande dei dipendenti sul fatto se gli hacker avessero avuto accesso informazioni riservate. Convertire i clienti e trattenerli per ottenere un riscatto.

Thomas C. ha detto: “Un attacco informatico come questo è l’equivalente del 21° secolo di una bomba a mano in una piccola stanza”, afferma Danziger, avvocato del mercato dell’arte, che spesso rappresenta i clienti alle aste. “Venticinque anni fa ci sarebbe stata un’alluvione o un uragano”.

Wendy Cromwell, consulente d’arte, ha affermato che gli acquirenti seri troveranno il modo di interagire con la casa d’aste anche se incontra difficoltà tecniche.

“È chiaramente un incubo, con tutti i dati relativi ai pagamenti e agli acquirenti di cui dispongono, non ho sentito Christie riguardo al mio account aziendale”, ha scritto in un’e-mail.

Ma per quanto riguarda le prossime aste, ha detto: “Ho intenzione di partecipare alle vendite serali di persona. Di solito non faccio offerte online”.

Sabato pomeriggio, mentre i collezionisti d’arte vagavano per le gallerie, l’addetto alla reception disse che Cerruti non era in ufficio. Cerruti ha preso le redini dell’azienda nel 2016 in un momento in cui le case d’asta faticavano a trovare proprietà e forti inventari per attirare nuovi acquirenti.

Il tempismo dell’hacking è stato pessimo, non solo per i dirigenti di Christie’s, ma anche per la famiglia Pineau, che controlla la casa d’aste attraverso Groupe Artémis, una holding. Artémis controlla anche Kering, il conglomerato del lusso che possiede marchi di moda come Gucci e Balenciaga ed è gestito dal miliardario. François-Henri Pinaultche è anche il socio amministratore di Artemis (insieme a suo padre, François Pinault, il patriarca della famiglia).

A marzo Kering Emettere un avviso di profitto Che prevede un calo del 10% dei ricavi del gruppo nei primi tre mesi del 2024, con le vendite di Gucci, il suo marchio più grande, in calo di quasi il 20% su base annua nel primo trimestre.

READ  La PMA afferma che i lavoratori portuali della costa occidentale degli Stati Uniti hanno chiuso il porto di Seattle. Il sindacato nega la richiesta

La svolta di Christie è avvenuta anche nel bel mezzo di una transizione di leadership: François-Louis Nicolas Pinault, il nipote 26enne di François Pinault, ha preso il posto del magnate nel consiglio di amministrazione della casa d’aste. All’inizio di quest’anno. I rappresentanti della sua famiglia non hanno risposto immediatamente ad una richiesta di commento sabato.

Sotheby’s e Phillips – le altre due grandi case d’asta – hanno dichiarato di non aver subito alcun attacco informatico nelle ultime settimane.

Chelsea Baines, esperta di criminalità informatica che insegna al John Jay College of Criminal Justice di Manhattan, ha affermato che la maggior parte delle aziende non è preparata ad affrontare gli hacker e dovrebbe prepararsi conducendo corsi di formazione e formulando un piano di backup.

“Ma è solo questione di tempo”, ha detto. “C’è poca negazione della realtà.”

Report aggiuntivi di Julia Halperin e Vanessa Friedman a New York.