Gennaio 29, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Cosa si nasconde sotto il vulcano Yellowstone?  Il doppio di quanto pensava Magma

Cosa si nasconde sotto il vulcano Yellowstone? Il doppio di quanto pensava Magma

La caldera di Yellowstone, a volte indicata come il supervulcano di Yellowstone, è una caldera vulcanica e un supervulcano nel Parco Nazionale di Yellowstone negli Stati Uniti occidentali. La caldera misura 43 per 28 miglia (70 per 45 chilometri).

L’esperienza, l’energia e la compassione dello studioso lasciano un’eredità.

Il defunto ricercatore della Michigan State University Min Chen ha contribuito con una nuova tomografia sismica dei depositi di magma sotto il vulcano Yellowstone.

Quando Ross Maguire era un ricercatore post-dottorato presso la Michigan State University (MSU), voleva studiare il volume e la distribuzione del magma fuso sotto il vulcano Yellowstone. Maguire ha utilizzato una tecnica chiamata tomografia sismica, che utilizza le vibrazioni del suolo note come onde sismiche per creare un’immagine 3D di ciò che accade sotto la superficie terrestre. Usando questo metodo, Maguire è stato in grado di creare un’immagine della finestra della camera magmatica che mostra dove si trovava il magma. Ma queste non sono immagini del tutto chiare.

Come risultato di queste nuove immagini, e con i contributi chiave di Chen, Maguire e il suo team sono stati in grado di vedere il doppio del magma rispetto a quello presente nel sistema magmatico di Yellowstone.

“Stavo cercando persone esperte in un tipo specifico di tomografia sismica basata su computer chiamata tomografia a forma d’onda”, ha detto Maguire, ora assistente professore presso l’Università dell’Illinois Urbana-Champaign (UIUC). “Min Chen era davvero un esperto di livello mondiale in questa materia.”

Min Chen è stato professore assistente presso la MSU presso il Dipartimento di Matematica Computazionale, Scienze e Ingegneria e presso il Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Ambiente presso il College of Natural Sciences. Utilizzando il potere del supercalcolo, Chen ha sviluppato il metodo applicato alle immagini di Maguire per modellare in modo più accurato il modo in cui le onde sismiche si propagano attraverso la Terra. L’ingegnosità e l’abilità di Chen hanno portato queste immagini a essere messe a fuoco più nitide, rivelando maggiori informazioni sulla quantità di magma fuso sotto il vulcano Yellowstone.

“Non abbiamo visto un aumento della quantità di magma”, ha detto Maguire. “Abbiamo appena visto un’immagine più chiara di ciò che era realmente lì.”

Maine Chen

Maine Chen. Credito: Michigan State University

Le immagini precedenti hanno mostrato che il vulcano Yellowstone ha una bassa concentrazione di magma – solo il 10% – circondato da una solida struttura cristallina. Come risultato di queste nuove immagini, e con i contributi chiave di Chen, Maguire e il suo team sono stati in grado di vedere il doppio del magma rispetto a quello presente nel sistema magmatico di Yellowstone.

“Per essere chiari, la nuova scoperta non indica la possibilità di una futura eruzione”, ha detto Maguire. “Eventuali segni di cambiamento nel sistema saranno rilevati dalla rete di strumenti geofisici che monitorano costantemente Yellowstone”.

Sfortunatamente, Chen non ha potuto vedere i risultati finali. La sua morte inaspettata nel 2021 continua a sconvolgere la comunità scientifica della Terra, che sta soffrendo per la perdita della sua passione e competenza.

“La sismologia computazionale è ancora relativamente nuova alla MSU”, ha detto Songqiao “Shawn” Wei, un talentuoso assistente professore di geoscienze presso il Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Ambiente della MSU, che era un collega di Chen. “Una volta che la pandemia ha colpito, Chen ha reso disponibili su Zoom le sue lezioni e discussioni di ricerca, a cui potevano partecipare ricercatori e studenti di tutto il mondo. È così che molti sismologi in tutto il mondo hanno conosciuto MSU”.

I suoi incontri erano un luogo in cui gli studenti universitari di talento, i candidati postdoc o semplicemente chiunque fosse interessato erano invitati a partecipare. Chen ha invitato potenziali studenti laureati e sismologi esperti di tutto il mondo a unirsi alle sue chiamate virtuali.

Chen si preoccupava profondamente del benessere e della carriera dei suoi studenti. Ha promosso un ambiente olistico e interdisciplinare in cui incoraggia i suoi studenti e candidati post-dottorato a diventare studiosi ben informati e costruire collaborazioni a lungo termine. Ha persino tenuto seminari virtuali sulla vita al di fuori del mondo accademico per aiutare gli studenti a coltivare la loro carriera e i loro hobby. Chen ha fatto un esempio: era un’appassionata giocatrice di calcio e sapeva ballare il tango.

La diversità nelle scienze era un’altra area a cui Chen teneva molto. Ha sostenuto e sostenuto opportunità di ricerca per donne e gruppi sottorappresentati. Per onorare Chen, i suoi compagni di classe hanno creato Compagnia commemorativa Nel suo nome per fornire supporto agli studenti laureati per aumentare la diversità nelle scienze computazionali e nelle scienze della terra. In un altro tributo alla sua vita e al suo amore per il giardinaggio, i suoi compagni di classe hanno anche piantato un albero commemorativo nel cortile dell’edificio di ingegneria nel campus della MSU.

Chen è stata davvero una pioniera nel suo campo ed è stata insignita del premio Early CAREER della National Science Foundation destinatario nel 2020 per eseguire un’immagine sismica dettagliata del Nord America per studiare il solido guscio esterno della Terra.

“Aveva molta energia”, ha detto Maguire. “Si è concentrata sul garantire che le persone avessero successo mentre lei aveva un incredibile successo”.

La ricerca di Maguire, che presenta parte dell’eredità di Chen, viene pubblicata sulla rivista Scienze.

Riferimenti:

“Magna accrescimento nelle profondità dell’ex deposito di riolite sotto la caldera di Yellowstone” di Ross Maguire, Brandon Schmandt, Jiaki Li, Chengxin Jiang, Juliang Li, Justin Wilgus e Min Chen, 1 dicembre 2012, disponibile qui. Scienze.
DOI: 10.1126/science.ade0347

“Cosa si nasconde sotto Yellowstone? C’è più magma di quanto precedentemente riconosciuto, ma potrebbe non essere eruttabile “, di Carrie M. Cooper, 1 dicembre 2012, disponibile qui. Scienze.
DOI: 10.1126/science.ade8435

READ  Esopianeti: la ricerca di pianeti abitabili potrebbe essere appena svanita