Aprile 16, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Come vedere una cometa verde sfrecciare verso di noi per la prima volta in 50.000 anni

Come vedere una cometa verde sfrecciare verso di noi per la prima volta in 50.000 anni

Cape Canaveral, Florida (AP) – Le strisce di comete hanno tracciato la nostra strada indietro di 50.000 anni.

Dirty Snowball è stato visitato l’ultima volta durante i giorni dei Neanderthal, secondo la NASA. Arriverà entro 26 milioni di miglia (42 milioni di chilometri) dalla Terra mercoledì prima di allontanarsi di nuovo ed è improbabile che ritorni per milioni di anni.

Quindi guarda in alto, in contrasto con il titolo Killer-Comet “Don’t Look Up”.

Scoperta meno di un anno fa, questa innocua cometa verde è già visibile nel cielo notturno settentrionale con binocoli, piccoli telescopi e forse ad occhio nudo negli angoli più bui dell’emisfero settentrionale.

Si prevede che si schiarisca man mano che si avvicina e si alzi più in alto sopra l’orizzonte fino alla fine di gennaio, e si vede meglio nelle ore che precedono l’alba. Entro il 10 febbraio sarà vicino a Marte, che è un buon punto di riferimento. Gli osservatori del cielo nell’emisfero australe dovranno aspettare fino al prossimo mese per dare un’occhiata.

Mentre molte comete hanno abbellito il cielo nell’ultimo anno, “sembra che questa probabilmente sembri un po’ più grande e quindi un po’ più luminosa, e si sta avvicinando un po’ di più all’orbita terrestre”, ha detto l’esperto di asteroidi e comete della NASA. Paolo Chodas.

Verde per tutto il carbonio nella nube di gas, o chioma, che circonda il nucleo, questa cometa di lungo periodo è stata scoperta lo scorso marzo dagli astronomi utilizzando la Zwicky Transit Facility, una Wide Field Camera presso l’Osservatorio Palomar del Caltech.

Mercoledì sfreccerà tra le orbite della Terra e di Marte a una velocità relativa di 128.500 mph (207.000 km). Si pensa che i loro nuclei siano larghi circa un miglio (1,6 chilometri) e le loro code si estendono per milioni di miglia (chilometri).

La cometa non dovrebbe essere così luminosa come Neowise nel 2020, o Hale-Bopp e Hyakutake tra la metà e la fine degli anni ’90.

“Sarà luminoso grazie al suo passaggio vicino alla Terra… che consente agli scienziati di fare più esperimenti e al pubblico di poter vedere una bellissima cometa”, ha detto in una e-mail Karen Meek, astronoma dell’Università delle Hawaii.

Gli scienziati sono fiduciosi nei loro calcoli orbitali, che individuano l’ultima oscillazione della cometa attraverso il vicinato planetario del sistema solare 50.000 anni fa.

Non sanno quanto fosse vicino alla Terra o se fosse visibile anche ai Neanderthal, ha detto Chodas, direttore del Center for Near-Earth Object Studies presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA in California.

Ma quando torna, il verdetto è ancora più duro.

La cometa è stata visitata l’ultima volta durante i giorni di Neanderthal, secondo la NASA.

Ogni volta che una cometa passa davanti al sole e ai pianeti, i loro rimorchiatori gravitazionali alterano leggermente la traiettoria della palla di ghiaccio, causando cambiamenti significativi nella traiettoria nel tempo. Un altro jolly: getti di polvere e gas che sgorgano dalla cometa mentre si riscalda vicino al sole.

“Non sappiamo esattamente fino a che punto stanno spingendo questa cometa”, ha detto Chodas.

Chodas ha detto che mentre la cometa ZTF ha avuto origine nel nostro sistema solare, non possiamo essere sicuri che rimarrà lì. Ha aggiunto che se fosse stato espulso dal sistema solare, non sarebbe mai tornato.

Non preoccuparti se te lo sei perso.

“Nel campo delle comete, devi solo aspettare la prossima perché ce ne sono dozzine”, ha detto Chodas. “E il prossimo potrebbe essere più grande, potrebbe essere più luminoso, potrebbe essere più vicino.”

La sezione Health and Science dell’Associated Press riceve il sostegno del gruppo Science and Education Media dell’Howard Hughes Medical Institute. AP è l’unico responsabile di tutti i contenuti.