Febbraio 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Bob Edwards, conduttore veterano della NPR e conduttore di lunga data della Morning Edition, muore a 76 anni

Bob Edwards, conduttore veterano della NPR e conduttore di lunga data della Morning Edition, muore a 76 anni

L'emittente televisiva veterana Bob Edwards, conduttore di lunga data della NPR che ha contribuito a costruire il programma di notizie “Morning Edition”, è morto all'età di 76 anni, ha annunciato lunedì la NPR.

Edwards, un'istituzione della NPR, si unì alla stazione come conduttore di notizie nel 1974 e divenne la voce con cui gli ascoltatori della NPR “iniziarono la giornata” per 24 anni e mezzo come conduttore di “Morning Edition”, ha dichiarato il CEO di NPR John Lansing in una nota. Lunedi mattina.

Edwards è morto “pacificamente” sabato sera con le sue figlie e la moglie, il conduttore della NPR Windsor Johnston, al suo fianco, ha condiviso sua moglie in una dichiarazione a NBC News.

“Ha sorriso mentre esprimevamo gli auguri, i ricordi affettuosi e i messaggi di guarigione che tutti voi avete gentilmente avuto il tempo di registrare per lui”, ha scritto Johnston. “Una lacrima gli scese lungo il viso mentre ascoltava quei suoni familiari sotto il letto del vecchio tema 'Morning Edition'.”

Nessuna causa di morte è stata condivisa.

“Siamo rattristati dalla notizia della scomparsa di Bob Edwards”, ha detto Lansing in una nota. “Bob Edwards ha compreso il legame intimo e personale con il pubblico che distingue il giornalismo audio dagli altri media, e per decenni è stato una voce fidata nella vita di milioni di ascoltatori della radio pubblica”.

“Lo staff della NPR e tutta la rete, insieme a milioni di ascoltatori, ricorderanno Bob Edwards con gratitudine”, ha aggiunto Lansing.

Nato a Louisville, Kentucky, nel 1947, Edwards ha iniziato la sua carriera come giornalista per una stazione locale dell'Indiana e ha lavorato in Corea con la radio e la televisione delle forze armate, ha detto. RadIOo Duetto da Hall of FameGeografia.

READ  Olivia Wilde soddisfa i desideri dei fan condividendo la sua ricetta per condire l'insalata

Dopo essere entrato a far parte della NPR nel 1974, gli fu chiesto di unirsi a Susan Stamberg come co-conduttore del nuovo programma di notizie della NPR All Things Considered. Nel 1979 fu lanciata la “Morning Edition”, un marchio che ne divenne rapidamente sinonimo.

Durante il suo lavoro presso Morning Edition, ha vinto due Gabriel Awards dalla National Catholic Association of Broadcasters, un Alfred I. du Pont Columbia University Award e un Peabody Award. È stato inserito nella Radio Hall of Fame nel 2004.

Edwards è stato estromesso come conduttore di “Morning Edition” nel 2004 dopo il suo mandato decennale – una mossa che ha suscitato indignazione tra gli ascoltatori di lunga data, ha scatenato editoriali arrabbiati sui giornali e ha attirato la condanna del senatore Dick Durbin, D-Ely, nell'aula del Senato. . .

“Si scopre che i membri del Congresso su entrambi i lati della navata la pensano come me: che questa decisione della NPR è sbagliata; e che Bob Edwards, che non è stato solo il conduttore di questo spettacolo, ma anche il programma mattutino di maggior successo voce in America, viene rimossa da questo “La missione si trova in una situazione e in una circostanza che è quasi impossibile da comprendere”. Durbin ha detto Il 1 aprile 2004.

All'epoca, la NPR disse che Edwards sarebbe diventato un corrispondente senior per i rapporti ascoltati su varie trasmissioni della rete, una modifica apportata per “aggiornare” le trasmissioni della rete, ha riferito l'Associated Press.

Invece, Edwards lasciò NPR e si trasferì a XM Satellite Radio per lanciare The Bob Edwards Show, che durò fino al 2014. Ha continuato a ospitare il podcast “Prenditi la giornata” A cura dell'AARP.

READ  Arnold Schwarzenegger ammette di aver tradito Sylvester Stallone in un film terribile

È autore di tre libri: Edward R. Murrow and the Birth of Broadcasting, Fridays in Red: A Radio Friendship e A Voice in the Box: My Life in Radio.

Johnston ricordava suo marito da 12 anni come un “gigante” nel mondo della radiodiffusione.

Era attento ai più piccoli dettagli e viveva secondo la filosofia “less is more”. “Ha contribuito a spianare la strada alla generazione più giovane di giornalisti che continuano a rendere la NPR quello che è oggi”, ha scritto. “A livello personale, Bob è stato l'amore assoluto della mia vita. È stato un partner estremamente affettuoso e solidale, per non parlare del mio più grande fan.”

Ha aggiunto: “È insopportabile pensare alla vita senza di lui, ma finché non ci incontreremo di nuovo, continuerò ad ascoltare questa bellissima voce nel mio orecchio, augurandomi buona fortuna e dicendomi di rompermi il labbro”. “Riposa in pace, amore mio.”