Aprile 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Blinken ha concluso la sua ultima missione in Medio Oriente dopo il nuovo disprezzo israeliano per la proposta di piano di cessate il fuoco a Gaza

Blinken ha concluso la sua ultima missione in Medio Oriente dopo il nuovo disprezzo israeliano per la proposta di piano di cessate il fuoco a Gaza

TEL AVIV, Israele (AP) – Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha lasciato giovedì il Medio Oriente con le divisioni pubbliche tra Stati Uniti e Israele forse ai livelli peggiori da allora. La guerra di Israele contro Hamas A Gaza tutto è iniziato in ottobre.

Al termine del suo viaggio in Medio Oriente, che comprendeva quattro Paesi – il quinto nella regione dallo scoppio del conflitto – Blinken tornava a Washington dopo aver ricevuto uno schiaffo da parte degli Stati Uniti. Il primo ministro israeliano Benjamin NetanyahuIl quale ha affermato che la guerra sarebbe continuata finché Israele non avesse vinto completamente e sembrava respingere categoricamente la risposta di Hamas a ciò Piano proposto per il cessate il fuoco.

Le relazioni tra Israele e il suo principale alleato internazionale, gli Stati Uniti, sono tese da mesi, ma il pubblico rifiuto da parte di Netanyahu del piano che gli Stati Uniti affermano di meritare, almeno come punto di partenza per ulteriori negoziati, ha evidenziato la divisione.

Tuttavia, Blinken e altri funzionari statunitensi hanno affermato di rimanere ottimisti sulla possibilità di compiere progressi verso i loro obiettivi principali. Migliorare le condizioni umanitarie dei civili palestinesiGarantire il rilascio degli ostaggi detenuti da Hamas, prepararsi per la Gaza post-conflitto e prevenire la diffusione della guerra.

I funzionari hanno detto che l'ottimismo di Blinken era basato sui suoi primi quattro impegni dopo ottobre. 7 viaggi in Medio Oriente. Nessuna di queste visite ha portato a chiari e immediati successi, ma hanno portato miglioramenti limitati ma significativi nella fornitura di aiuti umanitari e un cessate il fuoco di una settimana a novembre, durante il quale sono state rilasciate dozzine di ostaggi.

READ  La rabbia rurale alimenta le proteste contro il governo del Perù

“È chiaro che ci sono cose che Hamas ha riportato indietro che sono assolutamente inutili”, ha detto Blinken riguardo alla risposta che il movimento ha presentato martedì alla proposta di cessate il fuoco e rilascio degli ostaggi approvata da Egitto, Qatar, Stati Uniti e Israele. Si.

“Ma allo stesso tempo, vediamo spazio per continuare a cercare un accordo”, ha detto Blinken mercoledì sera. “E queste cose sono sempre negoziazioni. Non si gira un interruttore della luce. Non è 'sì' o 'no'. C'è sempre un avanti e indietro.

Ma poco prima che Blinken parlasse, Netanyahu ha preso di mira direttamente la reazione di Hamas, definendola “delirante” e giurando che Israele avrebbe continuato a combattere per ottenere la “vittoria assoluta” sul gruppo militante, qualunque cosa accada.

In aggiunta al dilemma di Blinken, Netanyahu sembra ignorare le preoccupazioni degli Stati Uniti e di altri riguardo all’espansione delle operazioni militari israeliane nel sud di Gaza, in particolare a Rafah, l’area al confine egiziano in cui sono fuggiti più di un milione di palestinesi.

“In tutte le mie precedenti visite qui, e quasi ogni giorno, abbiamo esercitato pressioni concrete su Israele affinché rafforzasse la protezione dei civili e fornisse maggiore assistenza a coloro che ne avevano bisogno. E negli ultimi quattro mesi Israele ha compiuto passi importanti “Tuttavia… le perdite quotidiane che le sue operazioni militari continuano a infliggere a civili innocenti sono ancora molto elevate.”

Netanyahu ha anche chiesto lo smantellamento UNRWA, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesiil principale distributore di aiuti internazionali a Gaza, è stato criticato per la sua presunta ostilità nei confronti di Israele e per le accuse secondo cui decine di suoi dipendenti avrebbero partecipato all'attacco di Hamas del 7 ottobre che ha scatenato la guerra.

READ  John Kerry sta cercando di convincere il mondo a impegnarsi nell'azione per il clima. La guerra russa ha reso tutto più difficile

Gli Stati Uniti e altri paesi donatori hanno sospeso i nuovi aiuti all’UNRWA in attesa del completamento delle indagini delle Nazioni Unite sulle accuse, ma Blinken ha comunque affermato che il ruolo dell’agenzia è cruciale nel fornire forniture umanitarie di cui c’è assoluto bisogno a Gaza.

Blinken ha implorato Netanyahu e gli altri israeliani ancora scossi dall’attacco di Hamas di non lasciare che le ritorsioni dettassero la loro risposta in corso.

“Gli israeliani sono stati privati ​​della loro umanità nel modo più orribile il 7 ottobre”, ha detto. Da allora gli ostaggi vengono privati ​​della loro umanità ogni giorno. Ma questa non può essere una licenza per disumanizzare gli altri”.

Blinken è arrivato in Israele poche ore dopo aver ricevuto la controproposta di Hamas all'accordo quadro di cessate il fuoco avanzato alla fine del mese scorso. Questa proposta include un piano in tre fasi per calmare il conflitto.

Martedì in QatarSia il primo ministro del Qatar che Blinken hanno affermato che la proposta funge da punto di partenza per ulteriori negoziati.

Blinken ha parlato dell'interesse dell'Arabia Saudita a normalizzare le relazioni con Israele, a condizione che la guerra di Gaza finisca e che ai palestinesi venga dato un percorso chiaro, affidabile e limitato nel tempo per creare uno stato indipendente.

“Rimaniamo inoltre determinati a perseguire un percorso diplomatico per raggiungere una pace e una sicurezza giuste e durature per tutti nella regione, in particolare per Israele”, ha affermato Blinken a Tel Aviv.

Ma, Netanyahu si oppone a questo Israele ha chiesto la creazione di uno Stato palestinese e ha affermato che manterrà un controllo di sicurezza aperto su Gaza.

READ  Guidati dai loro giovani, gli Stati Uniti sprofondano nel World Happiness Report