Ottobre 2, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Defector

Benvenuto in Jurassic Puke | dissidente

La parola fossile può evocare le ossa di una stessa creatura – alta T-Rex, piccolo trilobite, bradipo gigante di taglia media. Ma la vita può essere immortalata in altri modi, più perversi: nelle tracce che un organismo lascia nel corso della sua vita. Alcuni scavi archeologici sono semi-poetici. Orme di dinosauro o una tana scolpita da un antico verme sollevano la domanda: chi ha lasciato questo dietro? Altri scavi archeologici sono meno poetici ma più misteriosi. La presenza di un piccolo nodulo tondo o di un piccolo nodulo d’osso solleva non una ma due domande: chi ha lasciato questo alle spalle e da quale fine è apparso? In altre parole: tubo o barf?

Tutti i fossili richiedono una certa decifrazione, ma qualsiasi cosa espulsa o rigurgitata da un animale milioni di anni fa può essere un vero mistero. Il primo tipo, chiamato coproliti, è più comune e spesso sembra esattamente quello che ti aspetteresti: grumi marroni. Ma proprio come uno sgabello moderno è una cosa meravigliosa, lo sgabello antico può assumere molte forme. Alcuni fossili marroni ricci che possono sembrare un tubo inconfondibile sono in realtà anche chiamati truffatori falso. (La Formazione Wilkes nel sud-ovest di Washington è una preziosa collezione di tali false rovine, Formata inorganicamente Quando limo e fango riempiono schegge di legno vuote.)

Più raro del rigurgito dei coproliti o del vomito fossilizzato. “È raro trovare prove dirette di chi ha mangiato chi, o chi ha vomitato chi, nella documentazione sui fossili”, ha affermato Brian Eng, paleontologo e regista. Sebbene il soffice fienile degli antichi erbivori avrebbe meno possibilità di immortalità geologica, i tori predatori potrebbero contenere almeno alcune ossa, secondo John Foster, curatore dello Utah State Field House Museum of Natural History. .

Foster e colleghi descrivono un nuovo fossile duro in un documento di ricerca recentemente pubblicato sulla rivista. palio. Il regurgitalite appena descritto è molto piccolo, all’incirca della lunghezza di un pezzo di graffetta, ma contiene i resti sparsi di almeno due rane e una scheggia di salamandra

READ  I telefoni non sono ammessi nel Watoga State Park. Hai migliorato la mia paternità.

Quando la squadra di Foster ha scavato per la prima volta nella roccia, non ci ha pensato molto. Stavano lavorando presso la famosa Formazione Morrison nello Utah, un sito del tardo Giurassico contenente orde di ossa di dinosauro tra cui sauropodi. Diplodoco, il cui fallo cruciforme potrebbe non sopravvivere alle ingiurie del tempo. Ma Foster e i suoi colleghi si sono concentrati su una zona meno conosciuta di Morrison la cui abbondanza di piante fossilizzate le ha dato il soprannome “tavola di potenza. C’è ancora molto da trovare in questa formazione, e in parte farà freddo”, ha detto l’Ing.

a lui attribuito: Museo di Storia Naturale dello Utah Field
campione di rigurgito.

I ricercatori hanno restituito il campione al museo, dove è rimasto per un anno tra una varietà di enigmi: “cose ​​che non possiamo individuare con precisione”, ha detto Foster. Alcuni di questi enigmi richiedono due o tre cicli al microscopio per diventare chiari. Ad esempio, uno dei puzzle di Salad Bar risulta essere un file insetto d’acqua fossilele cui ali venose inizialmente sembravano vene di carta.

Usando un microscopio, Foster si rese conto che ciò che stava guardando non era affatto una pianta, ma un miscuglio di ossa di anfibi, alcune delle quali erano lunghe solo tre millimetri. E le ossa non provenivano da un singolo anfibio tragicamente smontato, ma piuttosto da un mucchio sciolto di vari anfibi. Le rane erano molto piccole, lunghe al massimo un pollice o due. “Sapevamo di avere almeno due rane”, ha detto Foster. “Abbiamo trovato almeno un osso di una salamandra.”

Ma poi la vera domanda è arrivata al campione. Foster si fermò, “per vedere se la cosa ha vomitato o è svenuta, in pratica”.

C’erano alcuni segnali visivi. “La maggior parte dei coproliti che trovi sono fondamentalmente piccoli ovali o piccoli tubi o qualcosa del genere”, ha detto Foster. “Mantengono una specie di carattere tridimensionale.” Ma la mistura ossea era piatta, senza la tipica massa continentale dei coproliti, e la pietra intorno aveva molte lamelle, depositi di sedimenti che probabilmente si accumulavano ogni anno attorno al piccolo tumulo. Ma per essere sicuri, i ricercatori hanno dovuto eseguire un’analisi geochimica. La scansione a fluorescenza a raggi X del campione ha rivelato che il campione non conteneva livelli elevati di fosforo, che è generalmente indicativo di coprolite. L’unico elevato fosforo è stato trovato nelle ossa, il che indica che il fosforo non è stato rimosso dal fossile durante il processo di metamorfismo in roccia.

READ  Splendide immagini di Giove dal telescopio spaziale James Webb

Il campione conteneva diversi granelli di una massa grigia sfocata, che inoltre non conteneva fosforo. Foster spera di esaminare il fossile con una macchina più precisa presso l’Università dello Utah, che gli consenta di concentrarsi su aree specifiche. “Sarà in grado di darci una buona indicazione di quali siano quelle sostanze non identificate”, ha detto Foster.

Ma se vomita un fossile, chi vomita? Attualmente, l’identità dell’autore è andata persa nel tempo. La migliore ipotesi dei ricercatori è un pesce, forse simile al moderno pulcinella di mare, a causa delle squame che hanno trovato intorno al sito. Sono probabili anche altri predatori, come tartarughe e mammiferi semi-acquatici, ha detto Foster, ma non sono stati ancora scoperti vicino al sito. Qualsiasi cosa più grande, come un coccodrillo preistorico, non darebbe fastidio a rane delle dimensioni di un limone. “Il pub ci offre una finestra su cosa stava succedendo nell’ecosistema”, ha detto Eng.

Engh, l’antico artista incaricato di illustrare come potrebbe essere un reggaeton nella vita reale, aveva una sfida davanti a sé. Disse che all’inizio intendeva semplicemente mostrarti come si mangia il pesce. Ma poi farai tutte le domande sul perché questo pesce viene mangiato? E inoltre non mostrerebbe cosa mangiano i pesci”. Per una risposta precauzionale a questa domanda, Eng ha provato un altro diagramma di un pesce rosicchiato da un coccodrillo e che salta in modo difensivo, un modo per distrarre un predatore. Ma senza prove di coccodrilli in questo angolo del fiume Morrison, anche questa versione è stata cancellata.

L’ultima illustrazione è ispirata a mascelle Poster: Il pesce Bowfin si avvicina alla rana smemorata dal basso, pronto a masticare. “Mi sono reso conto che volevo ancora sfoggiare il glamour, quindi ho aggiunto un’altra pulcinella di mare sullo sfondo”, ha detto Eng. Quando la moglie di Engh, una biologa evoluzionista che studia i pesci, riferì che i pesci polmone masticavano racchiudendo tutto ciò che mangiano in una palla di muco e svuotandola completamente, Engh ha aggiunto uno strato appiccicoso di muco alla sua rana vomitante.

READ  Uno studio ha rivelato che una diminuzione dell'inquinamento atmosferico ha portato ad un aumento del riscaldamento globale
Illustrazione di un pesce preistorico che si avvicina a una rana ignara sulla superficie dell'acqua e un altro pesce che lancia una rana sullo sfondoa lui attribuito: Brian Ing
Eh pieno, mascelleUna scena stimolante: due pesci e due rane colpite.

Le ossa all’interno del guscio non erano molto frammentate, indicando che potrebbero essere state solo parzialmente digerite dal predatore. È possibile che il predatore abbia sventrato le rane che ingeriscono in modo difensivo o dopo aver digerito la carne di rana nel tentativo di purificare le ossa della rana, ha detto Foster. La bolla di muco, ha aggiunto, avrebbe aiutato le ossa a rimanere unite e a tenerle insieme, possibilmente isolando le ossa da spazzini o microbi.

Foster fu sbalordito dal fatto che il fragile mucchio di ossa fini, per lo più cave, fosse mai stato preservato. Ma la sua parte preferita del fossile è il modo in cui cattura le interazioni di animali dall’aspetto moderno vissuti 150 milioni di anni fa. “In un certo senso aiuta a spiegare come non tutto al tempo dei dinosauri fosse davvero strano e strano”, ha detto Foster. “Alcuni di loro ci erano molto familiari”. Se fossimo seduti sulle rive di questo stagno giurassico, disse Foster, avremmo potuto udire un coro di rane, e forse anche il suono distinto e immortale di un carnivoro che lancia una rana che non balla più.