Dicembre 3, 2021

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Austria, Svizzera, Italia… Cosa faranno i nostri vicini questo inverno?

Piste e impianti di risalita saranno aperti in tutti i paesi. Alcuni stanno già imponendo un pass sanitario al resort.

Il Sciare Sta riprendendo i suoi diritti in Europa questo inverno. E a volte da questo fine settimana è a Dignus. Dopo lo scoppio di epidemie della scorsa stagione con restrizioni in Austria o Svizzera e il congelamento degli ascensori in Francia e Germania, il Big White Circus è in relativo consenso sulle sue tracce. Tuttavia, non tutti i metodi di utilizzo sono pienamente accettati dai nostri vicini. Panoramica.

In Austria, tessera sanitaria obbligatoria per sciare

Sui ghiacciai Tirolo e parte Salisburgo, I primi sciatori lo scorso fine settimana sono scesi sulle piste sul sottile tappeto di fresca polvere. L’anno scorso TheAustria, Scioccato da pr dcédent d’Ischgl, Chiusi rifugi e ristoranti e cercò di “prenotare” lo sci per la sua gente. In questa stagione, la seconda stazione sciistica d’Europa dopo la Francia riapre i suoi impianti di risalita, con un protocollo sanitario ben definito. Nelle stazioni è obbligatorio indossare la mascherina FFP2. Le sedie e la gondola possono essere utilizzate solo da chi è in possesso di tessera sanitaria, con vaccino completo, recente test negativo (antigene inferiore a 48 ore o PCR inferiore a 72 ore) o certificato di recupero Covit. I bambini di età inferiore ai 12 anni sono esenti da tale obbligo.

Il pass consente anche l’accesso a bassi e ristoranti. Il dispositivo ha ancora più controllo sull’andare ai mercatini di Natale, riducendo il periodo di validità dei test a 48 ore per la PCR e 24 ore per l’antigene. I bambini sotto i 12 anni non hanno bisogno di test. Misure rigorose saranno adottate durante la stagione se il tasso di occupazione dei posti letto nelle unità di terapia intensiva supera determinati limiti.

READ  Covit-19 in Italia: epidemia, condizioni di ingresso, restrizioni... aggiornamento per la tua vacanza

In Spagna, ad oggi, non sono previsti pass sanitari nelle stazioni

Località di soggiorno della Sierra Nevada, Andalusia. La maggior parte dei resort spagnoli prevede di aprire gli scivoli a fine novembre o all’inizio di dicembre. Pimchard

Sopra Spagna, Spero che quest’inverno tu possa sciare come prima… o quasi! Mentre ogni regione o ogni stazione sciistica preposta alla salute pubblica è ancora in attesa di definire i dettagli delle misure, gli appassionati di sport invernali si aspettano, salvo la peggiore sorpresa, che solo nell’inverno 2020 – 2021, che è come il pre -stagione, è stata duramente colpita da un’ondata epidemica.

I dati di questa stagione sono molto diversi. Inizialmente, tutte le restrizioni al traffico sono state revocate nel paese. Come l’anno scorso, non dobbiamo più chiederci se possiamo spostarci da una regione all’altra o da un comune al vicino. In secondo luogo, nella maggior parte delle aree, le maschere sono obbligatorie solo all’interno o all’esterno quando non viene rispettata una distanza di 1,50 m. “Tutto sembra necessario per indossare la mascherina sulle funivie“, Indica Figaro Adutem Sangam, che riunisce i principali resort.

Due zone di confine con importanti comprensori sciistici, The Catalogna E Aragon, che ha revocato la maggior parte delle sue restrizioni a ottobre. In Catalogna, le misurazioni si basano sui luoghi della vita notturna e sull’obbligo della tessera sanitaria per accedere alla discoteca. Questo sesamo è richiesto anche ai valichi di frontiera. Tuttavia, ai piedi delle piste non è previsto che sia necessario. Le stazioni annunceranno le loro date di inizio, di solito previste per la fine di novembre o l’inizio di dicembre. Secondo Adetem, la riserva è tornata al livello pre-epidemia.

READ  Giochi Olimpici Tokyo 2020 - "Più grande dei quattro Mondiali": l'Italia sogna con Tampere e Jacobs

In Italia, pSeduta e maschera in altezza

Il dominio italo-svizzero del Braille-Cervinia apre questo fine settimana d’oltralpe la stagione sciistica di fronte al Monte Cervino. Questa volta è previsto un accurato protocollo igienico che garantirà la stagione sportiva invernale. Turismo Cervino

l’Italia Ci prepariamo a sciare di nuovo con un protocollo sanitario ben definito. Da questo fine settimana del 16 ottobre, come da tradizione, il comprensorio sciistico Bruil-Cervinia è in giro Suicidio, Sull’altopiano del Rosa, a quota 3480 m, si aprono solo poche piste sul versante svizzero. Aiutato da un ambiente sanitario favorevole e stabile, Transylvania Mountain Partners ha creato un quadro conforme alle normative anti-governative che si applicano ai resort. “Tutelare la sicurezza dei lavoratori e degli utenti”.

Il pass sanitario sarà obbligatorio per l’utilizzo su funivie, cabinovie e sedie coperte che richiedono l’uso della mascherina. Obbligo di escludere i bambini fino all’età di dodici anni. Indossare la mascherina è obbligatorio anche nelle aree comuni, nelle linee di accesso agli ascensori e negli ascensori. Gli ascensori possono utilizzare fino all’80% della loro capacità. La sedia aperta può essere utilizzata solo al 100%. Per evitare code in biglietteria, i pacchetti dovrebbero essere venduti il ​​più possibile online. All’interno del comprensorio sciistico saranno limitati i grandi assembramenti e saranno sistemate file negli ascensori per evitare un’eccessiva prostituzione tra gli sciatori.

In Svizzera il protocollo sanitario è ancora in discussione

A Grans Montana, nel Vallese. Lo scorso inverno, la maggior parte dei 230 resort del paese ha aperto in qualche modo i propri ascensori e rampe. jakartatravel / stock.adobe.com

In Svizzera, come alle terrazze di bar e ristoranti, è possibile accedere agli hotel senza tessera sanitaria. Il pass (vaccino, test negativo o vaccinazione) è invece obbligatorio per gli over 16 per accedere alle sale interne dei ristoranti, compresi hotel, club e discoteche.

READ  Euro 2020 - Dal "Dolarumma" al Salvatore della Nazione: il Donorumma si è compromesso con l'Italia?

Per quanto riguarda gli impianti di risalita, il protocollo sanitario è ancora da definire. L’Ufficio centrale della sanità pubblica garantisce discussioni in corso tra il governo, le regioni e i professionisti interessati. La Conferenza dei direttori cantonali della sanità chiede l’estensione dell’abbonamento sanitario ai comprensori sciistici, mentre l’Associazione Skylift del Vallese è contraria, chiedendo che gli impianti seguano regole come il trasporto pubblico. La questione dovrebbe essere risolta entro la fine di novembre.