Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Amazon ha chiuso i tetti solari l'anno scorso dopo incendi ed esplosioni

Amazon ha chiuso i tetti solari l’anno scorso dopo incendi ed esplosioni

Amazon ha chiuso i sistemi di energia solare in tutte le sue strutture statunitensi nel 2021 dopo una serie di incendi ed esplosioni, incluso uno in un magazzino di Fresno nel 2020.

Vigili del fuoco di Fresno

A mezzogiorno del 14 aprile 2020 sono arrivate decine di vigili del fuoco Amazon Magazzino a Fresno, in California, mentre densi pennacchi di fumo si alzavano dal tetto di un magazzino di 880.000 piedi quadrati.

Circa 220 pannelli solari e altre apparecchiature presso la struttura, nota come FAT1, sono stati danneggiati dall’incendio di tre allarmi, causato da un “evento elettrico non specificato all’interno del sistema solare installato sopra il tetto”, l’investigatore antincendio di Fresno Leland Wilding, in un rapporto sull’incidente.

Poco più di un anno dopo, circa 60 vigili del fuoco furono chiamati nella più grande struttura di Amazon a Perryville, nel Maryland, per spegnere un incendio con due allarmi, notizie locali Ho menzionato i punti vendita.

Nei mesi successivi, almeno altri quattro centri logistici Amazon hanno preso fuoco o hanno subito esplosioni elettriche a causa di malfunzionamenti nei sistemi di generazione di energia solare, secondo i documenti aziendali interni visti dalla CNBC.

I documenti, che non sono mai stati resi pubblici, mostrano che tra aprile 2020 e giugno 2021, Amazon ha subito “gravi incendi o archi elettrici” in almeno sei delle sue 47 località del Nord America con installazioni solari, colpendo il 12,7% di queste strutture. Gli archi elettrici sono un tipo di esplosione elettrica.

“Il tasso di incidenti critici è inaccettabile ed è al di sopra della media del settore”, ha scritto un dipendente Amazon in un rapporto interno.

Il filmato solare sottolinea la sfida che Amazon e molte altre grandi aziende devono affrontare mentre cercano di ridurre la propria impronta ambientale e ridurre la dipendenza dai combustibili fossili. Amazon è stato tra i più aggressivi. Nel 2019, il fondatore Jeff Bezos Lanciato The Climate Pledge, che promette al più grande rivenditore online di eliminare le emissioni entro il 2040, abbracciare le energie rinnovabili e abbandonare i camion per le consegne che consumano gas, anche attraverso un investimento di oltre 1 miliardo di dollari in un’azienda di auto elettriche Riviano.

Curva di apprendimento su Amazon con Solar

Corporate America è sotto pressione da parte delle autorità di regolamentazione e di un crescente sottoinsieme di investitori per definire e comunicare gli ESG.

Molti saranno in grado di raccogliere i benefici finanziari degli sforzi per le energie rinnovabili dopo l’approvazione del Congresso in agosto Legge sulla riduzione dell’inflazioneche include disposizioni sul clima che dovrebbero ridurre le emissioni di carbonio del paese di quasi il 40% entro il 2030.

Secondo l’analista solare di Wood Mackenzie Michelle Davis, il solare commerciale negli Stati Uniti dovrebbe registrare una crescita annuale dell’8% nei prossimi cinque anni, grazie in parte alla legislazione. Ha detto che i magazzini potrebbero trarre grandi benefici dall’energia solare, poiché hanno grandi tetti e i sistemi possono alimentare tutti i sistemi di riscaldamento, ventilazione, aria condizionata, refrigerazione e altri sistemi di energia pesante che si trovano all’interno.

Ma possono sorgere problemi costosi e pericolosi.

I sistemi solari sul tetto di un magazzino di Amazon Fresno hanno provocato un incendio con tre allarmi nel 2020.

Vigili del fuoco di Fresno

Documenti interni hanno mostrato che entro giugno dello scorso anno tutte le operazioni di Amazon negli Stati Uniti che utilizzano l’energia solare dovevano essere temporaneamente sospese. L’azienda doveva assicurarsi che i suoi sistemi fossero progettati, installati e mantenuti correttamente prima che qualcuno di essi fosse “riattivato”.

La portavoce di Amazon Erica Howard ha dichiarato alla CNBC in una dichiarazione che gli incidenti hanno coinvolto sistemi gestiti da partner e che la società ha risposto chiudendo volontariamente i suoi tetti a energia solare.

“Con grande cautela, dopo un piccolo numero di incidenti isolati con sistemi solari in loco di proprietà e gestiti da terze parti, Amazon ha disattivato in modo proattivo le nostre installazioni solari in loco in Nord America e ha adottato misure immediate per riesaminare ciascuna installazione con uno dei principali tecnici esperti nel campo dell’energia solare.

Questi dettagli non sono apparsi su Amazon Bilancio di Sostenibilità 100 Pagine per il 2021 pubblicato all’inizio di agosto. In quel rapporto, disponibile pubblicamente tramite il sito Web di sostenibilità di Amazon, la società ha affermato che l’energia solare sui tetti stava alimentando 115 centri di completamento in tutto il mondo entro la fine del 2021, rispetto agli oltre 90 di metà anno. La maggior parte di questi sono al di fuori degli Stati Uniti

“Molte delle nostre strutture di completamento negli Stati Uniti, in Europa e in India sono alimentate da energia solare in loco, con un’installazione sul tetto in grado di alimentare fino all’80% del consumo energetico della struttura”, afferma il rapporto.

Ad aprile di quest’anno, Amazon disponeva di energia solare in loco in 176 strutture, secondo il suo sito web. Lanciato il programma solare nel 2017.

“Con le ispezioni completate, i sistemi solari in loco si stanno riavviando”, ha affermato Howard. “Amazon ha anche creato un team di esperti solari dedicati per supervisionare la costruzione, il funzionamento e la manutenzione dei nostri sistemi internamente per garantire l’integrità dei nostri sistemi”.

Qualsiasi menzione di spese sostenute da Amazon in caso di guasto è esclusa dal rapporto generale di sostenibilità. Un dipendente Amazon ha stimato, in documenti diffusi internamente, che ogni incidente è costato all’azienda in media 2,7 milioni di dollari. I costi includevano audit di terze parti dei sistemi solari sul tetto, il controllo della quantità di elettricità che stavano generando e la riparazione di eventuali parti rotte o difettose dei sistemi identificate dagli ispettori.

Il dipendente di Amazon ha anche affermato che la società perderà $ 940.000 al mese, o $ 20.000 per ciascuno dei 47 siti nordamericani che sono stati dismessi, fintanto che l’energia solare rimane offline. I documenti mostrano che potrebbero esserci costi aggiuntivi per Amazon a seconda dei contratti con i partner di energia pulita per i crediti di energia rinnovabile.

Finora, Amazon ha stipulato un contratto con venditori di terze parti per progettare e installare sistemi solari fotovoltaici sui tetti e grandi batterie di backup in loco. altra specialità Rivenditori, compresi Walmart E il mirareHa anche installato tetti a energia solare e costruito programmi per ridurre le bollette energetiche e raggiungere obiettivi di sostenibilità.

Oltre ai suoi magazzini, Amazon ha alcuni sistemi di tetto solare nei negozi Whole Foods. I documenti affermano che Amazon e il suo revisore, Clean Energy Associates (CEA), avevano posticipato le ispezioni dei sistemi di tetti solari presso le sedi di Whole Foods fino al 2022. Alla fine del 2021, quattro anni dopo l’acquisizione di Whole Foods, Amazon stava ancora lavorando per ottenere la tecnologia informatica su risorse di energia rinnovabile nei negozi.

Pannelli solari installati sul tetto di un negozio Walmart in California.

Walmart

Per mantenere un rigoroso controllo di qualità dei sistemi di energia solare, alcuni dipendenti di Amazon hanno raccomandato più operazioni interne. L’incendio a Perryville, nel Maryland, che è stato il sesto fallimento in poco più di un anno, ha spinto l’azienda a intraprendere un’azione sistematica.

Il 17 giugno 2021, quasi una settimana dopo un incendio al magazzino noto come MDT2, la Divisione Sostenibilità di Amazon ha ordinato ai proprietari e agli sviluppatori di sistemi di tetti solari nei suoi magazzini statunitensi di chiuderli. I tetti solari non generano più elettricità dal sole né producono crediti di energia rinnovabile.

Amazon ha quindi assunto CEA con sede a Denver per eseguire un audit di terze parti dei sistemi solari sui tetti negli Stati Uniti, nell’Asia del Pacifico, in Europa, nel Medio Oriente e in Africa.

Alla fine dell’anno scorso, mentre il CEA stava ancora conducendo le sue ispezioni, Amazon ha riportato uno e 259 risultati chiave nel portafoglio Rooftop Solar di Amazon. Documenti interni affermavano che i problemi includevano connettori da unità a modulo non corrispondenti, installazione impropria dei connettori, cattiva gestione del cablaggio e prove di perdite d’acqua nei riflettori.

I problemi con gli inverter, che convertono l’energia solare in elettricità utilizzabile, sono stati identificati come la probabile causa di un incendio in almeno un magazzino Amazon. Wilding, l’ispettore antincendio di Fresno, ha concluso che l’incendio di FAT1 “ha avuto origine su o vicino a due riflettori”, secondo un rapporto di indagine ottenuto dalla CNBC attraverso una richiesta di registri pubblici.

Malfunzionamenti e installazione errata

Amazon ha incolpato partner e fornitori esterni per i problemi più significativi scoperti da CEA e altri team che lavorano alle strutture e alle iniziative di sostenibilità.

“Negli ultimi cinque anni, i guasti solari sono stati causati da tecniche di installazione errate, funzionamento improprio di un nuovo sistema, manutenzione inadeguata del sistema e guasti alle apparecchiature”, affermano i documenti.

I team di Amazon che lavorano su servizi pubblici e iniziative di sostenibilità hanno sviluppato un piano in due parti per aiutare a prevenire future interruzioni del programma solare sul tetto.

Alla fine del 2021, i dipartimenti hanno richiesto 3,6 milioni di dollari per finanziare un riesame dei siti in cui sono stati identificati i risultati chiave al fine di garantire l’integrità dei sistemi per riconnettersi a Internet, secondo la corrispondenza interna.

I team interni hanno anche iniziato a sollecitare la leadership di Amazon a fare più affidamento sui dipendenti pagati e meno sui venditori esterni. Nel corso del tempo, l’azienda ha assunto più esperti solari che si concentrano su approvvigionamento, progettazione, costruzione e manutenzione a livello globale.

In alcuni casi, la direzione è stata notevolmente lenta nel rispondere. Ad esempio, i gruppi all’interno di un’azienda che sollecitano il cambiamento sono passati alla leadership per questo Approvazione dei piani di reclutamento, re-ispezione e riattivazione. Ma gli sforzi sono stati bloccati per mesi dai massimi dirigenti di Amazon, tra cui Kara Hurst, vicepresidente per la sostenibilità mondiale, e Alicia Buller-Davies, vicepresidente senior per la soddisfazione dei clienti globali, che Ha lasciato l’azienda a giugno 2022, secondo la corrispondenza interna vista dalla CNBC.

Le opportunità di lavoro indicano che Amazon sta ancora cercando di assumere persone internamente per le sue operazioni solari.

L’azienda era recentemente alla ricerca di qualcuno che gestisse progetti di sostenibilità nelle sue strutture nordamericane, che includono il solare sui tetti. C’è un flusso esistente Per un partner del programma tecnico nel team solare, afferma che un aspetto chiave del lavoro è la collaborazione con “partner interni” su progettazione globale, costruzione solare e sostenibilità, tra gli altri dipartimenti.

Mentre cerca di aumentare il personale, Amazon ha riconosciuto che il passaggio al verde comporta ostacoli, soprattutto per un’azienda “delle dimensioni e della portata di Amazon”.

“Ma in Amazon, non evitiamo di affrontare grandi sfide”, ha scritto Hurst nella lettera che ha lanciato il Rapporto di sostenibilità 2021. “Non abbiamo tutte le risposte oggi, ma crediamo di dover agire ora”.

Guadare: Come due amici hanno formato la prima associazione americana per Amazon e cosa accadrà dopo

READ  Powell sostiene che dati economici forti “potrebbero giustificare” tassi di interesse più alti