Aprile 1, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Walter Cunningham, che ha contribuito a spianare la strada verso la luna, è morto all’età di 90 anni

La NASA ha aggiornato le medaglie degli astronauti dell’Apollo 7 a un certificato di servizio distinto durante una cerimonia nell’ottobre 2008, rilevando il successo della missione, nonostante le discussioni con i controllori di volo. Ma a quel punto il signor Cunningham era l’unico membro sopravvissuto dell’equipaggio. Il maggiore Eisell, morto nel 1987, era rappresentato dalla sua vedova, Susan Eisell Black. Il capitano Schirra, morto nel 2007, è stato ucciso dall’astronauta Bill Anders.

Il signor Kraft ha assunto una posizione conciliante. “Ti abbiamo messo in difficoltà una volta, ma sicuramente ce l’hai fatta e da allora hai fatto molto bene”, ha detto al signor Cunningham in una lettera registrata. “Hai fatto un buon lavoro da solo, hai fatto un buon lavoro alla NASA, e onestamente sono molto orgoglioso di chiamarti amico.”

Ronnie Walter Cunningham è nato il 16 marzo 1932 a Creston, Iowa, il maggiore di cinque figli. Suo padre, Walter, possedeva una piccola impresa di costruzioni. Quando era giovane, la sua famiglia si trasferì a Venice, in California.

Entrò in Marina nel 1951 e volò su aerei del Corpo dei Marines. Dopo aver lasciato il servizio attivo nel 1956, ha conseguito la laurea e il master in fisica presso l’Università della California, a Los Angeles. Mentre era alla RAND nell’ottobre 1963, perseguendo gli studi di dottorato, fu assegnato al terzo gruppo di astronauti della NASA.

Poco dopo l’Apollo 7, Cunningham fu nominato direttore di quello che divenne noto come il programma Skylab, che sviluppò la prima stazione spaziale americana. Gli successe l’astronauta Pete Conrad nel 1970. Il signor Cunningham si dimise dalla NASA l’anno successivo dopo aver fallito nell’ottenere una missione per volare nelle successive missioni Skylab.

READ  La NASA scatta una foto del sole "sorridente" come un grande idiota infuocato

Il signor Cunningham in seguito divenne un dirigente senior in società finanziarie e immobiliari. Nel 2012, si è unito a un gruppo di ex astronauti e dipendenti della NASA che hanno inviato una lettera all’agenzia criticando quelle che ritenevano affermazioni non provate secondo cui l’anidride carbonica prodotta dall’uomo era un fattore importante nel riscaldamento globale.