Maggio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Walmart licenzierà centinaia di dipendenti aziendali e ne sposterà altri, riferisce il Wall Street Journal

Walmart licenzierà centinaia di dipendenti aziendali e ne sposterà altri, riferisce il Wall Street Journal

(Reuters) – Walmart Inc. sta tagliando centinaia di posti di lavoro aziendali e chiedendo alla maggior parte dei lavoratori da remoto di recarsi nei propri uffici, ha riferito lunedì scorso il Wall Street Journal, citando persone a conoscenza della questione.

Ai lavoratori degli uffici più piccoli del colosso statunitense della vendita al dettaglio a Dallas, Atlanta e Toronto viene chiesto di trasferirsi in altri hub centrali come la base Walmart a Bentonville così come a Hoboken o nel sud della California, afferma il rapporto.

L’azienda consentirà comunque ai dipendenti di lavorare part-time da remoto, purché trascorrano in ufficio la maggior parte del tempo.

Walmart, che impiegava circa 2,1 milioni di dipendenti al 31 gennaio, non ha risposto a una richiesta di commento di Reuters.

I tagli di posti di lavoro di Walmart sottolineano anche gli sforzi del colosso della vendita al dettaglio per ridurre i costi mentre la spesa discrezionale negli Stati Uniti rimane tesa.

Secondo le indagini condotte da Deloitte, la spesa degli americani è rimasta debole rispetto al 2021, almeno per beni non essenziali e discrezionali come l’abbigliamento.

Alla fine del mese scorso, Walmart ha dichiarato che avrebbe chiuso tutte le 51 cliniche sanitarie e le operazioni di assistenza sanitaria virtuale, affermando che non poteva considerarlo un modello di business sostenibile.

L’anno scorso la società ha anche dichiarato che prevede che circa il 65% dei suoi negozi sarà servito dall’automazione entro la fine dell’anno fiscale 2026.

Il rivenditore pubblicherà giovedì i risultati del primo trimestre.

(Segnalazione di Kanjik Ghosh e Aishwarya Venugopal a Bangalore; Montaggio di Rashmi Aish e Arun Kuyyur)