Agosto 8, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Voli britannici in Ruanda: il giudice autorizza il primo volo per inviare richiedenti asilo in Ruanda per andare avanti

Voli britannici in Ruanda: il giudice autorizza il primo volo per inviare richiedenti asilo in Ruanda per andare avanti

Il governo britannico ha annunciato ad aprile di averlo fatto concordato un accordo di inviare richiedenti asilo nel paese dell’Africa orientale, con una mossa che insiste è mirata a interrompere le reti di traffico di esseri umani e dissuadere i migranti dall’attraversare il pericoloso Canale della Manica in Inghilterra dall’Europa.

I gruppi per i diritti umani Care4Calais e Detention Action hanno lanciato una sfida per bloccare i voli di espulsione, insieme all’Unione dei servizi pubblici e commerciali (PCS), un sindacato che rappresenta i dipendenti pubblici del Ministero degli interni britannico e alcuni richiedenti asilo che rischiano l’espulsione in Ruanda. Hanno affermato che la politica del ministro dell’Interno britannico Priti Patel era “illegale per più motivi” e ha chiesto un’ingiunzione per impedire all’aereo di decollare.

I pubblici ministeri hanno anche contestato l’autorità legale di Patel di effettuare le rimozioni, la razionalità della sua affermazione secondo cui il Ruanda è generalmente un “paese terzo sicuro” data la sua situazione in materia di diritti umani, l’adeguatezza della prevenzione della malaria nel paese e se la politica è conforme agli standard europei . Convenzione sui diritti umani.

Ma venerdì il giudice Swift ha respinto l’ingiunzione urgente della campagna alla Royal Courts of Justice di Londra, affermando che vi era un “interesse pubblico materiale” nel consentire ai voli di procedere mentre era in corso la revisione giudiziaria.

Sia Patel che il primo ministro britannico Boris Johnson hanno accolto favorevolmente la decisione della corte venerdì. “Non possiamo permettere ai trafficanti di esseri umani di mettere a rischio la propria vita e la nostra partnership leader a livello mondiale aiuterà a rompere il modello di business di questi criminali spietati”, ha affermato Johnson su Twitter.

I gruppi per i diritti hanno promesso di continuare a combattere. Care4Calais ha affermato di aver ottenuto il permesso di impugnare la sentenza lunedì “perché siamo profondamente preoccupati per il benessere delle persone che potrebbero essere deportate con la forza in Ruanda, un destino che potrebbe danneggiare gravemente la loro salute mentale e il loro futuro”, ha affermato Claire, fondatrice del gruppo per i diritti umani Mosley ha detto in una dichiarazione.

READ  Vitaly Gerasimov: secondo il ministero della Difesa ucraino è stato ucciso un secondo generale russo | Ucraina

“Oggi è stato solo l’inizio di questa sfida legale. Crediamo che la prossima fase del procedimento legale possa porre fine a questo piano completamente barbaro”, ha aggiunto.

Anche l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati e altri gruppi internazionali per i diritti umani si sono opposti al piano, sostenendo che aumenterà i rischi e indurrà i rifugiati a cercare percorsi alternativi, aumentando la pressione sugli stati in prima linea.

Due giorni prima della decisione della Corte Suprema, il vicedirettore della procedura di detenzione James Wilson ha dichiarato in una dichiarazione che Patel aveva “superato la sua autorità” nel suo “desiderio di punire i richiedenti asilo costringendoli a salire a bordo di un volo per il Ruanda”.

“Precipitando in quella che diciamo essere una politica illegale, stanno chiudendo un occhio sui molti chiari rischi e violazioni dei diritti umani che possono essere inflitti a coloro che chiedono asilo”, ha aggiunto Wilson.

“Scava per combattere”

La decisione della Corte Suprema è arrivata quando Johnson è stato sottoposto a un maggiore controllo da parte dei membri del Parlamento per dimostrare che la politica stava funzionando.

Johnson ha detto al Daily Mail che si aspettava molta opposizione legale alla politica, ma ha detto che il governo “scaverà nella lotta”.

Siamo pronti per questo. Ci impegneremo a combattere e lo faremo funzionare. “Abbiamo un enorme diagramma di flusso delle cose che dobbiamo fare per trattare con l’avvocato di Lefty”, ha detto in un’intervista a maggio. Ha aggiunto che 50 persone avevano già ricevuto avvisi che li avvertivano che sarebbero stati deportati in Ruanda.

Il governo ha affermato che il piano per inviare persone in Ruanda costerebbe inizialmente 120 milioni di sterline (158 milioni di dollari), con finanziamenti per sostenere i processi di asilo, alloggio e “integrazione”.

READ  I capi delle finanze del G20 hanno fatto pochi progressi politici alla riunione dell'Indonesia

Il ministero dell’Interno ha annunciato il 1 giugno che le persone che avevano intrapreso “viaggi pericolosi, non necessari e illegali, compreso l’attraversamento del canale” erano tra coloro a cui era stato comunicato l’avviso di espulsione in Ruanda. “Anche se sappiamo che ora verranno fatti tentativi per affossare il processo e ritardare la rimozione, non sarò scoraggiato e rimarrò pienamente impegnato a fornire ciò che il pubblico britannico si aspetta”, ha affermato Patel in una nota.

L'economia britannica è in pessime condizioni.  La rimozione di Boris Johnson può aiutare

Il piano deve anche affrontare una seconda sfida legale da parte dell’organizzazione benefica Asylum Aid, che giovedì ha chiesto un’ingiunzione urgente per impedire la partenza di voli.

Prima della sentenza di venerdì, Mosley di Care4Calais ha detto alla CNN che l’ente di beneficenza stava lavorando con più di 100 persone che avevano ricevuto notifiche. Molti sono fuggiti dalla persecuzione o dalla coscrizione nei loro paesi d’origine alla ricerca di una vita migliore in Gran Bretagna e hanno il terrore di essere inviati in Ruanda.

“Molti di loro mi hanno detto che preferirei morire piuttosto che mandarli in Ruanda”, ha detto Moseley in un’intervista a Calais, in Francia, dove l’organizzazione benefica fornisce assistenza ai rifugiati che vivono dentro e intorno alla città.

Molti richiedenti asilo continuano a recarsi a Calais, dove il campo noto come “The Jungle” ha attirato l’attenzione dei media globali al culmine della crisi dei rifugiati in Europa nel 2015, prima di essere distrutto dalle autorità l’anno successivo.

Ogni anno migliaia di persone rischiano un viaggio pericoloso attraverso il Canale della Manica, una via d’acqua relativamente stretta tra Gran Bretagna e Francia e una delle rotte marittime più trafficate del mondo.

READ  Volodymyr Zelensky racconta quello che ha visto a Bucha per 60 minuti: "Morte. Solo morte".

Più di 10.000 persone hanno attraversato il canale su piccole barche traballanti finora quest’anno, secondo un’analisi dei dati del governo dell’Agenzia di stampa dell’Autorità Palestinese. L’anno scorso, più di 28.000 persone hanno attraversato.

Nada Bashir e Joseph Attaman della CNN hanno contribuito a questo rapporto da Calais.