Dicembre 8, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Vertici ASEAN e G-20: mentre Stati Uniti e Cina si incontrano, il resto del mondo subisce pressioni per scegliere da che parte stare

Vertici ASEAN e G-20: mentre Stati Uniti e Cina si incontrano, il resto del mondo subisce pressioni per scegliere da che parte stare

Nota dell’editore: Una versione di questa storia è apparsa nel notiziario della CNN più o meno nello stesso periodo in Cina, un aggiornamento di tre settimane che esplora ciò che devi sapere sull’ascesa del paese e su come sta influenzando il mondo. Registrati qui.


Hong Kong
CNN

leader mondiali convergono a Phnom Penh Questo fine settimana, per la prima volta in una serie di vertici internazionali nel sud-est asiatico della prossima settimana, le divisioni tra le maggiori potenze e il conflitto minacciano di mettere in ombra i colloqui.

La prima tappa è la capitale cambogiana, dove i leader di tutto l’Indo-Pacifico si incontreranno insieme al vertice dei leader dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (ASEAN), seguito da un incontro dei leader del G20 a Bali la prossima settimana. Forum di Cooperazione Economica Asia Pacifico a Bangkok.

La pila diplomatica sarà una prova della volontà internazionale di coordinarsi su questioni come Cambiamento climaticoE il inflazione globale Sullo sfondo l’aumento dei prezzi dei generi alimentari L’invasione russa dell’UcrainaRipresa economica dalla pandemia di COVID-19 – e la prima volta che i tre eventi si sono verificati di persona dall’inizio dell’epidemia nel 2020.

Forti divisioni geopolitiche del tipo che non vedevamo da decenni incombono su questo calendario politico, poiché la guerra in Ucraina ha trasformato radicalmente le relazioni della Russia con l’Occidente, le due maggiori economie globali, gli Stati Uniti e la Cina, ancora bloccate in una forte concorrenza, e il resto del mondo. Viene premuto per scegliere un lato.

Se lo farà il leader russo Vladimir Putin fare qualsiasi apparizione Durante il periodo diplomatico le date restano incerte. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il leader cinese Xi Jinping dovrebbero entrambi partecipare a due vertici nel sud-est asiatico, una regione che è stata a lungo ground zero per le manovre di influenza tra Pechino e Washington.

Xi sta riemergendo sulla scena mondiale dopo anni di non viaggio durante la pandemia, avendo ottenuto Terzo periodo di fuori standard al potere, mentre Biden si dirige verso est dopo una performance migliore del previsto per il suo partito alle elezioni di medio termine negli Stati Uniti. Entrambi dovrebbero presentare il proprio paese come un partner più forte e un attore globale più responsabile dell’altro.

Volere incontro faccia a faccia Lo ha detto la Casa Bianca giovedì a margine del Gruppo dei Venti, nel loro primo incontro di persona dall’elezione di Biden. Pechino venerdì ha confermato i piani di viaggio di Xi ai vertici del G20 e dell’APEC e ha affermato che terrà incontri bilaterali con Biden e molti altri leader.

READ  L'UE propone il divieto alle importazioni di petrolio russo, rimuove Sberbank da Swift

I colloqui tra le due parti possono aiutare a evitare un’escalation delle tensioni tra le due potenze. Ma per i leader che si riuniranno durante la serie di vertici dei prossimi giorni, stringere accordi forti sull’affrontare questioni globali – già un patto difficile nel migliore dei casi – sarà una sfida.

Gli esperti affermano che anche l’incontro più regionale, il vertice dell’ASEAN dei leader del sud-est asiatico – iniziato venerdì a Phnom Penh e destinato ad affrontare la promozione della stabilità regionale e delle sfide globali – rifletterà la frattura della politica globale.

Ma a differenza di altri importanti incontri, che potrebbero essere più direttamente incentrati sulle ricadute della guerra in Ucraina, i leader dell’ASEAN stanno partecipando al vertice e alle relative riunioni questo fine settimana sotto pressione per affrontare l’escalation del conflitto all’interno del loro blocco: Il Myanmar rimane in subbuglio e sotto il dominio militare quasi due anni dopo colpo di stato brutale rovesciare il governo democraticamente eletto.

Le differenze tra le nazioni del sud-est asiatico su come gestire questo conflitto, esacerbate dalle loro alleanze intersecanti con le grandi potenze – e dall’apparenza riservata del blocco di un pregiudizio bilaterale tra Stati Uniti e Cina – influenzeranno la misura in cui il gruppo è d’accordo. E cosa puoi ottenere attraverso la serie di vertici, dicono gli esperti.

“Questa stagione è solitamente molto eccitante – ci sono tre grandi vertici mondiali nel sud-est asiatico – Phnom Penh, Bali e Bangkok”, ha affermato Thetinan Pongsudirak, direttore dell’Istituto di sicurezza e studi internazionali presso la Chulalongkorn University’s School of Political Science di Bangkok.

“Ma (l’ASEAN) è molto diviso sull’aggressione russa, la crisi del colpo di stato in Myanmar, l’ostilità cinese nel Mar Cinese Meridionale e così via, il che significa che l’ASEAN è in cattive condizioni”, ha detto.

alle Nazioni Unite voto del mese scorsoSette dei 10 paesi dell’ASEAN, compreso un rappresentante del Myanmar non sostenuto dall’esercito al potere, hanno votato per condannare l’annessione russa di quattro regioni dell’Ucraina, mentre Thailandia, Laos e Vietnam si sono astenuti.

Ma l’ASEAN come blocco ha anche compiuto il passo di legami più stretti con Kiev negli eventi di questa settimana, Firma di un trattato di amicizia e cooperazione Giovedì con l’Ucraina a una festa con il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba a Phnom Penh.

READ  “Pericolosa preoccupazione” con l'Ucraina per la centrale nucleare di Zaporizhzhia su commessa russa | Ucraina

Il blocco mira a utilizzare il consenso tra i suoi paesi come sua forza quando porta attori globali più grandi al tavolo dei negoziati, ad esempio al suo vicino vertice dell’Asia orientale che comprende 18 paesi dell’Indo-Pacifico, tra cui Russia, Cina e Stati Uniti, così come incontrarsi questo fine settimana.

“Se l’ASEAN non può organizzare la propria casa, se l’ASEAN non può tenere a freno un membro canaglia come il regime militare del Myanmar, allora l’ASEAN perde la sua rilevanza”, ha affermato Pongsudhirak. “D’altra parte, se l’ASEAN è unito, se può raccogliere impegno e determinazione… allora può avere molto potere attrattivo”.

A quasi due anni dal colpo di stato militare che ha schiacciato la nascente democrazia del Myanmar, gruppi per i diritti umani e osservatori affermano che le libertà ei diritti del Paese sono stati spazzati via. deteriorato bruscamente; Esecuzioni governative Sono tornati e il numero di attacchi violenti documentati da parte del consiglio militare al potere sulle infrastrutture civili, comprese le scuole, è aumentato.

Diversi gruppi armati ribelli sono emersi contro la giunta militare al potere, mentre milioni di persone hanno resistito al suo governo attraverso forme di disobbedienza civile.

I vertici di questo fine settimana a Phnom Penh riporteranno il conflitto al centro dell’attenzione internazionale, mentre i leader del sud-est asiatico cercano di trovare una via da seguire, dopo che la giunta militare al governo del Myanmar non è riuscita ad attuare un piano di pace negoziato nell’aprile dello scorso anno. Il Paese rimane parte dell’ASEAN, nonostante gli appelli dei gruppi per i diritti umani di espellerlo, ma gli è stato impedito di inviare rappresentanti a livello politico a grandi eventi.

I manifestanti hanno allestito e sorvegliato barricate temporanee per bloccare la strada durante la manifestazione contro il colpo di stato militare a Yangon, in Myanmar, nel marzo 2021.

I ministri degli Esteri dell’ASEAN hanno fatto un ultimo disperato tentativo di articolare una strategia alla fine del mese scorso, con il ministro degli Esteri cambogiano Prak Sokhon, che ha presieduto la riunione, affermando, in una dichiarazione successiva, che le sfide erano dovute “alla complessità e alla difficoltà dei decenni del Myanmar -lunghi conflitti, esacerbati dall’attuale crisi politica.” “.

Ma gli osservatori hanno basse aspettative per una linea più dura, almeno durante la presidenza cambogiana del blocco, e stanno già guardando al prossimo anno, quando l’Indonesia prenderà il timone nel 2023.

READ  Il primo ministro ungherese afferma che i paesi europei con "razze miste" "non sono più paesi"

La Casa Bianca ha affermato martedì che affrontare la “crisi attuale” sarà l’obiettivo di Biden nei suoi colloqui con i leader del sud-est asiatico mentre partecipa ai vertici dell’ASEAN durante il fine settimana. Dopo il colpo di stato, l’amministrazione Biden ha varato sanzioni mirate contro il regime militare e ha tenuto incontri con il governo di unità nazionale dell’opposizione.

D’altra parte, la Cina ha mostrato il suo sostegno alla giunta militare al potere ed è improbabile che sostenga misure severe, affermano gli osservatori. un Richieste per mesi Sulla situazione in Myanmar, diffuso il mese scorso da un team internazionale di legislatori, Russia e Cina hanno accusato di “fornire armi e legittimità a un regime isolato”.

Questo potrebbe anche avere un impatto sui risultati di questo fine settimana, secondo il politologo Chung Ja Ian, professore associato presso la National University di Singapore.

“A causa del sostegno russo e cinese alla giunta, qualsiasi sforzo verso una soluzione da parte dell’ASEAN richiederà una qualche forma di impegno con loro, sia per ottenere l’accettazione o anche solo per nessuna opposizione”, ha detto Zhong.

La crisi in Myanmar non è l’unica regione in cui la divisione tra Stati Uniti e Cina potrebbe incombere sui vertici dell’ASEAN, anche con questioni come l’aggressione della Cina nel Mar Cinese Meridionale, poiché Pechino afferma affermazioni territoriali contrarie a quelle di molti nazioni del sud-est asiatico. Meno importante quest’anno.

L’ASEAN terrà i suoi consueti vertici collaterali rispettivamente con gli Stati Uniti e la Cina, così come con altri paesi, e il primo ministro cinese Li Keqiang è arrivato all’inizio di questa settimana come rappresentante di Xi.

Mentre i leader del sud-est asiatico cercano di migliorare la loro stabilità economica, è probabile che sollevino preoccupazioni sull’impatto della concorrenza tra Stati Uniti e Cina sulla regione e sul commercio e sulle catene di approvvigionamento, ad esempio sulla scia di Divieto di esportazione degli Stati Uniti sui semiconduttori in Cina, secondo Zhong.

“I paesi dell’ASEAN cercheranno di trovare un modo per affrontare tutto questo e guarderanno sia a Pechino che a Washington per vedere che tipo di margine di manovra possono fornire”, ha affermato.