Luglio 18, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Utili Nike (NKE) per il secondo trimestre del 2023

Utili Nike (NKE) per il secondo trimestre del 2023

Nike Martedì, ha riportato risultati trimestrali che hanno battuto facilmente le aspettative di Wall Street, aumentando al contempo le sue aspettative, poiché la società ha pubblicizzato il suo successo di stanza di compensazione con la sua pesante pila di scorte.

Le azioni Nike sono aumentate di oltre il 12% nelle ore notturne di martedì.

Ecco cosa ha fatto Nike nel suo secondo trimestre fiscale rispetto a quanto si aspettava Wall Street, sulla base di un sondaggio degli analisti di Refinitiv:

  • Utile per azione: 85 centesimi vs. Previsti 64 centesimi
  • Entrate: $ 13,32 miliardi Contro i 12,57 miliardi di dollari previsti

La società ha annunciato che l’utile netto per i tre mesi terminati il ​​30 novembre è stato di 1,33 miliardi di dollari, o 85 centesimi per azione, rispetto a 1,34 miliardi di dollari, o 83 centesimi per azione. un anno fa.

Nike ha registrato un fatturato di 13,32 miliardi di dollari, in aumento del 17% rispetto agli 11,36 miliardi di dollari dell’anno precedente.

Data la forte performance, il chief financial officer di Nike, Matt Friend, ha dichiarato in una chiamata agli utili che la società ora vede una crescita dei ricavi nei bassi anni dell’adolescenza per l’intero anno fiscale.

Negli ultimi tre trimestri, Nike ha superato le aspettative di Wall Street, ma come altri rivenditori, lo ha fatto Lotta con l’inventario gonfio Livelli creati da interruzioni della catena di approvvigionamento, aumento della domanda dei consumatori e tempi di transito imprevedibili.

Le scorte sono aumentate del 43% a 9,3 miliardi di dollari nel trimestre precedente, rispetto a un anno fa. Un eccesso di merce ha portato a svalutazioni diffuse, che hanno contribuito a ridurre il margine lordo di Nike al 42,9% dal 45,9% di un anno fa. Tuttavia, le scorte sono diminuite rispetto ai 9,7 miliardi di dollari del trimestre precedente. John Donahue, CEO di Nike, ha affermato di ritenere che la società abbia già superato il suo picco di inventario. Si prevede che i margini lordi diminuiranno di 2 punti percentuali a 2,5 punti percentuali nel prossimo trimestre, ha affermato Siddig, mentre continuano gli sforzi di disinvestimento.

READ  Le esportazioni cinesi sono diminuite per il quarto mese consecutivo

La società ha anche registrato un aumento del 10% anno su anno delle spese di vendita e amministrative a 4,1 miliardi di dollari, guidato principalmente dai costi di pubblicità e marketing e dagli investimenti in Nike Direct mentre la società continua a staccarsi dai grossisti. La società prevede che tali costi aumenteranno anche di cifre singole elevate nel prossimo trimestre.

Mentre l’attenzione su Nike Direct è stata in gran parte responsabile dell’aumento delle spese amministrative, l’investimento ha dato i suoi frutti. Le vendite Nike Direct sono aumentate del 16% nel trimestre, a 5,4 miliardi di dollari, mentre le vendite digitali sono aumentate del 25%. Negli ultimi trimestri, i ricavi all’ingrosso sono stati praticamente invariati, ma sono aumentati del 19% per il trimestre.

Le vendite di Nike in Cina, il suo terzo mercato per fatturato, sono diminuite del 3% rispetto a un anno fa, continuando una tendenza con cui il rivenditore è stato alle prese mentre il paese affronta i continui blocchi di Covid e un rallentamento della spesa al dettaglio. Totale vendite al dettaglio Nel paese, le vendite sono diminuite del 5,9% a novembre rispetto a un anno fa e le vendite di abbigliamento e scarpe sono diminuite del 15,6%, secondo il National Bureau of Statistics cinese.

Dopo, dopo Guadagni per il primo trimestre dell’anno fiscale di Nike A settembre, i dirigenti hanno affermato che l’inventario dell’azienda era cresciuto del 65% nell’ultimo anno solo nel Nord America e, di conseguenza, l’azienda ha messo in atto un’aggressiva strategia promozionale per eliminare la merce e fare spazio a nuovi prodotti.

Il piano è stato una parte fondamentale della strategia di Nike per spostare le vendite direttamente ai consumatori e lontano dai grossisti, migliorando l’esperienza del negozio e invitando i clienti a fare acquisti direttamente dall’azienda online.

READ  L'inflazione esplode in Germania e Spagna. Un anno fa ho iniziato a stampare denaro, NIRP, caos della catena di approvvigionamento. La guerra gettò benzina su un fuoco già furioso

Venerdì Nike ha annunciato il suo nuovo negozio “Jordan World of Flight Milan” situato in Via Torino, un famoso quartiere dello shopping nella regione italiana noto per i suoi negozi di scarpe firmate.

Questa iniziativa riflette i passi che Nike sta compiendo per far crescere l’azienda come marchio diretto al consumatore.

Il negozio, soprannominato “la prima esperienza di vendita al dettaglio” dalla società in un comunicato stampa, ha una lobby integrata per i membri e presenterà esperienze di acquisto interattive progettate per i fan del famoso marchio di sneaker.

Leggi la dichiarazione degli utili della società qui.