Luglio 14, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Una ricerca per decine di persone disperse dopo i naufragi mortali di migranti al largo dell’Italia

Una ricerca per decine di persone disperse dopo i naufragi mortali di migranti al largo dell’Italia

Lunedì i soccorritori stavano perlustrando il mare al largo dell’Italia meridionale alla ricerca di sopravvissuti o dei corpi di dozzine di migranti che si temeva dispersi, dopo che due naufragi avevano ucciso 11 persone.

Con fino a 60 migranti potenzialmente dispersi in mare, la Guardia costiera italiana ha dichiarato di essere alla ricerca di “possibili persone scomparse” da domenica sera, “dopo che una barca a vela che trasportava migranti, presumibilmente in partenza dalla Turchia, è affondata”.

Ha aggiunto che i soccorsi sono iniziati dopo un “mayday” da una nave da crociera francese a circa 120 miglia nautiche al largo delle coste italiane.

La nave francese ha allertato le autorità della “presenza della barca semiaffondata”, prima di trasportare a bordo 12 migranti sopravvissuti.

Sono stati poi trasferiti su una nave della Guardia Costiera italiana, che li ha portati nella città di Rossella Ionica, nel sud Italia.

La Guardia Costiera ha detto che uno dei 12 sopravvissuti è morto dopo lo sbarco.

Secondo l’agenzia italiana ANSA sarebbero circa 50 i migranti dispersi dopo il naufragio della nave, mentre Radio Radicale stima in 64 il numero, aggiungendo che i dispersi in mare provenivano dall’Afghanistan e dall’Iran.

Medici Senza Frontiere ha affermato che fornirà “assistenza psicologica a tutti i sopravvissuti”.

Ha aggiunto che l’équipe “ha fornito supporto nelle attività di primo soccorso a 12 persone, tra cui una donna che è morta poco dopo lo sbarco a causa delle sue gravi condizioni di salute”.

La Guardia Costiera ha affermato che le ricerche continueranno lunedì con l’agenzia europea di frontiera Frontex.

– Seminterrato allagato –

Più a sud, i soccorritori che sono venuti in aiuto dei migranti su una barca di legno al largo dell’isola italiana di Lampedusa hanno trovato 10 corpi, ha riferito lunedì il gruppo umanitario tedesco ResQship.

READ  Guerra di Gaza: gli Stati Uniti “sperano” che Hamas accetti la nuova offerta israeliana di cessate il fuoco

Ha aggiunto che la barca “era piena d’acqua. Il nostro equipaggio è riuscito a evacuare 51 persone, due delle quali erano prive di sensi, e hanno dovuto essere liberate con un’ascia”.

Ha aggiunto: “I dieci morti sono sul ponte inferiore della barca, che è stata allagata”.

I sopravvissuti provengono da Bangladesh, Pakistan, Egitto e Siria, secondo l’Agenzia di stampa italiana, che ha affermato di aver pagato circa 3.500 dollari per viaggiare sull’imbarcazione di otto metri.

Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni delle Nazioni Unite, lo scorso anno sono stati uccisi o scomparsi nel Mediterraneo più di 3.150 migranti.

Il Mediterraneo centrale è la rotta migratoria più mortale al mondo, responsabile dell’80% delle morti e delle scomparse nel Mediterraneo.

È ampiamente utilizzato dai migranti in fuga da conflitti o povertà, che partono dalla Tunisia o dalla Libia in barca nel tentativo di entrare nell’Unione Europea attraverso l’Italia.

Nella sua ultima missione, l’organizzazione benefica SOS Mediterranee ha dichiarato di aver salvato lunedì 54 persone, tra cui 28 minori non accompagnati, che viaggiavano su un gommone nella zona di ricerca e salvataggio libica.

– Scelta difficile –

L’Unione Europea ha recentemente adottato una riforma di ampio respiro per rafforzare i controlli sull’immigrazione alle sue frontiere.

Da quando è salito al potere nel 2022, il primo ministro italiano di destra Giorgia Meloni si è impegnato a ridurre significativamente il numero di persone che attraversano in barca dalle coste del Nord Africa.

Roma ha messo in atto una serie di regole per limitare le attività delle navi di beneficenza accusate di attirare migranti, che vanno dalla limitazione del numero di operazioni di salvataggio all’assegnazione di porti remoti.

READ  L'economia è una priorità più grande della punizione della Russia: sondaggio AP-NORC

Secondo una legge adottata all’inizio del 2023, le navi di beneficenza sono obbligate a recarsi “senza indugio” in porto non appena viene completato il primo salvataggio, anche se sono a conoscenza di altri migranti in difficoltà.

Negli ultimi mesi, la Guardia Costiera italiana ha assegnato alle navi porti sempre più remoti, a volte in condizioni meteorologiche difficili, a scapito della salute fisica e mentale dei migranti vulnerabili.

Gli equipaggi dell’organizzazione benefica si trovano di fronte a una scelta difficile: o obbedire alle autorità italiane lasciando le barche dei migranti alla deriva nonostante il rischio che le persone muoiano, oppure non obbedire e affrontare la detenzione delle loro navi.

Il numero di arrivi via mare in Italia è diminuito notevolmente dall’inizio dell’anno, con circa 23.725 persone arrivate finora, rispetto alle 53.902 dello stesso periodo del 2023, secondo il Viminale.

ide-gab/imm/rlp