Luglio 3, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Una donna del Texas ritira una causa sostenendo che il proprietario dei Dallas Cowboys Jerry Jones è suo padre.  Vuole un test del DNA

Una donna del Texas ritira una causa sostenendo che il proprietario dei Dallas Cowboys Jerry Jones è suo padre. Vuole un test del DNA

DALLAS – La 25enne texana che ha citato in giudizio il proprietario dei Dallas Cowboys Jerry Jones, sostenendo di essere il suo padre biologico, ha ritirato la sua causa.

Alexandra Davis ha dichiarato nei documenti del tribunale depositati mercoledì che ora vuole un test genetico per verificare la sua affermazione, ha riferito il Dallas Morning News.

“Alexandra ha appena deciso che voleva andare avanti e andare avanti con il pedigree e i test del DNA”, ha detto Jay Gray, uno degli avvocati di Davis. “Vuole rimuovere ogni sospetto che Jerry sia suo padre.”

Gli avvocati di Jones avevano chiesto in tribunale che la causa fosse archiviata, ma non hanno affrontato la causa di paternità. Un rappresentante di Jones ha rifiutato di commentare.

La causa sosteneva che Jones avesse una relazione con la madre di Davis, Cynthia Davis, che all’epoca lavorava come agente al botteghino per l’American Airlines a Little Rock, in Arkansas. Alessandra Davis è nata nel 1996.

Davis e sua madre hanno raggiunto un accordo in cui Jones la sosterrà finanziariamente fintanto che non lo identificheranno pubblicamente come suo padre, secondo i documenti del tribunale. Al momento dell’accordo nel 1998, Jones ha negato di essere il padre.

Jones, 79 anni, e sua moglie Jane, si sono sposati nel 1963. Hanno tre figli, che svolgono tutti un ruolo di front office con i cowboy. Jerry Jones è il team leader e il direttore generale.

READ  L'ultimo caso di Baker Mayfield con Brown