Luglio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Un incendio mortale in Corea del Sud mette in luce la mancanza di protezione per i lavoratori migranti: NPR

Un incendio mortale in Corea del Sud mette in luce la mancanza di protezione per i lavoratori migranti: NPR

I vigili del fuoco si riuniscono sul luogo di un incendio in una fabbrica di batterie al litio di proprietà del produttore sudcoreano Aricel a Hwaseong, Corea del Sud, il 24 giugno.

Anthony Wallace/AFP tramite Getty Images


Nascondi didascalia

Attiva/disattiva didascalia

Anthony Wallace/AFP tramite Getty Images

HWASEONG, COREA DEL SUD – Bi Limi mandava messaggi a sua madre ogni giorno mentre andava e tornava dal lavoro. Non perdeva mai le sue lettere.

Ma il 24 giugno non ha ricevuto l’sms. “Ho aspettato e aspettato. Ho aspettato fino alle 21, che è l’orario in cui hai tempo libero se fai gli straordinari”, dice la madre di Bi, Ju Haiyu, una donna cinese-coreana di 57 anni.

Quello è stato il giorno in cui è scoppiato un incendio mortale nella fabbrica di batterie al litio Aricel nella città di Hwaseong, a sud della capitale sudcoreana Seoul, dove Bi lavorava.

Il 37enne era tra i 23 lavoratori morti nell’incendio. 17 di loro, compreso Pei, erano cinesi e uno era laotiano.

Secondo il rapporto, si è trattato dell’incidente industriale più mortale mai avvenuto in Corea del Sud per i lavoratori stranieri Difensori degli immigratiAffermano che l’aumento delle vittime straniere ha messo in luce la mancanza di protezione dei diritti e della sicurezza dei lavoratori migranti in Corea del Sud, un paese sempre più dipendente dalla manodopera proveniente dall’estero a causa dell’invecchiamento della sua popolazione.

Negli ultimi 25 anni, il numero pro capite di morti per incidenti industriali in Corea del Sud è costantemente diminuito diminuito. Ma La percentuale di stranieri tra i decessi è aumentata Di piùSecondo il Ministero del Lavoro del Paese, il tasso di disoccupazione è aumentato dal 7% nel 2010 al 10,4% lo scorso anno.

READ  La guerra di Israele a Gaza: le immagini satellitari mostrano lavori di costruzione al confine egiziano

Nell’incidente di giugno, i colleghi e le famiglie delle vittime hanno affermato che le vie di fuga erano bloccate e che non era stata impartita alcuna formazione sulla sicurezza. La società ha negato entrambe le accuse.

Gli stranieri svolgono lavori ‘3D’ mentre la popolazione invecchia

La forza lavoro della Corea del Sud si sta riducendo e sta invecchiando rapidamente. I giovani coreani evitano i cosiddetti lavori “3D” – lavoro manuale sporco, pericoloso e difficile – che pagano salari più bassi e forniscono meno sicurezza.

Per coprire questi posti di lavoro, negli ultimi anni la Corea del Sud ha iniziato ad accettare un numero maggiore di lavoratori dall’estero per lavorare in una gamma più ampia di settori.

Lo ha annunciato il Ministero del Lavoro Piani Permessi di lavoro non qualificato rilasciati a 165.000 lavoratori stranieri in totale, tre volte la quota del 2020.

Jo Haeyo, di etnia coreana residente in Cina, guarda fuori dalla finestra dell'edificio municipale di Hwaseong, a sud di Seoul.  Jo ha perso la figlia Bi Limei, 37 anni, nell'incendio della fabbrica di batterie al litio Aricel.

Jo Hyo, di etnia coreana residente in Cina, guarda fuori dalla finestra dell’edificio municipale di Hwaseong, a sud di Seoul. Jo ha perso la figlia Bi Limei, 37 anni, nell’incendio della fabbrica di batterie al litio Aricel. Dice che le sue uniche richieste sono giustizia per sua figlia e una rapida sepoltura.

Anthony Cohn/NPR


Nascondi didascalia

Attiva/disattiva didascalia

Anthony Cohn/NPR

Sebbene la Cina rappresenti solo una frazione di questi permessi, un gruppo molto più ampio di cittadini cinesi vive e lavora in Corea del Sud e costituisce la maggioranza della popolazione straniera: quelli con origini etniche coreane, come Joo e Bi, Che spesso parlano correntemente anche il coreano.

I cinesi di origine coreana, noti come josunguk, ricevono visti speciali che offrono loro opzioni lavorative più ampie e un percorso più semplice verso la residenza permanente, rispetto ad altri lavoratori stranieri.

READ  Il numero delle vittime dell'incendio in una fabbrica a Taiwan è sceso a nove persone, di cui una dispersa. Le quattro vittime erano vigili del fuoco

Molti di loro arrivano in Corea del Sud dalle aree coreane del nord-est della Cina in cerca di lavori meglio retribuiti rispetto a quelli nazionali. La maggior parte lavora come manovale in settori quali l’industria manifatturiera, l’edilizia e la ristorazione, sopportando rischi industriali, salari quasi minimi e persino un lavoro massacrante. Discriminazione sociale.

Jo dice che lei e sua figlia sono arrivate in Corea del Sud dalla città di Yanbian, nel nord-est della Cina, nel 2014.

Dice a NPR che sua figlia ha lavorato ad Aricel per circa un mese prima dell’incidente.

“Non guadagnano molti soldi”, dice Jo dei lavoratori come sua figlia, “e non tutti vogliono fare questi lavori”.

Sua figlia stava lavorando vicino a una pila di batterie al secondo piano dell’edificio, come nel caso della maggior parte delle vittime, quando un’esplosione nella pila ha provocato un’altra esplosione, mandando fiamme e fumo in pochi secondi.

Fuggirono dalla parte senza via d’uscita

Il pavimento era destinato all’assemblaggio e all’imballaggio delle batterie, e diversi dipendenti erano lì, ha detto Cho Seon-ho, capo del dipartimento di gestione dei vigili del fuoco e dei disastri della provincia di Gyeonggi, in una conferenza stampa il giorno dell’incidente. Lavoratori temporanei Non è stato assunto direttamente da Aricell.

Ha spiegato che un gran numero di loro sono fuggiti dall’incendio verso uno dei lati dell’edificio che non aveva uscita.

La figlia di Joe era una di loro. Jo ha mostrato il filmato della scena a circuito chiuso su NPR e ha detto: “Vedi? Quella è mia figlia. È ancora seduta lì, dopo due esplosioni”.

Dice che sua figlia non ha ricevuto alcuna formazione sulla sicurezza. “Se avesse ricevuto un addestramento adeguato, come avrebbe potuto non sapere cosa fare? Se avesse saputo cosa fare, non sarebbe scappata, giusto? Non capiva niente di esplosioni.”

Hanno insistito i funzionari della fabbrica proprietaria Aricel V Conferenza stampa L’azienda ha confermato di aver fornito regolari corsi di formazione sulla sicurezza e di aver distribuito manuali di emergenza in coreano, inglese e cinese in tutta la fabbrica.

“Non veniamo qui per morire, ma perché la società sudcoreana ha bisogno di noi”.

In seguito all’incidente, la Corea del Sud ha condotto ispezioni di emergenza sui luoghi di lavoro legati alle batterie. Il ministro del Lavoro Lee Jong-sik ha affermato che il governo svilupperà un piano per rafforzare la formazione sulla sicurezza e sostenere e monitorare in modo più completo le industrie che impiegano un gran numero di lavoratori stranieri.

Ma gli attivisti sostengono che tali misure arrivano sempre troppo tardi, dopo che le vite sono già state perse.

“Ciò che i lavoratori migranti temono di più è se riusciranno a lasciare il paese vivi”, ha detto Udaya Ray, capo del sindacato dei lavoratori migranti, in una conferenza stampa tenutasi questa settimana davanti all’altare per le vittime nel municipio di Hwaseong. “Lavoriamo con ansia perché lavoriamo in luoghi in cui lavorano non sicuri.

“Non siamo venuti qui per morire, ma perché la società sudcoreana ha bisogno di noi”, ha detto.

Anthony Cohen di NPR ha contribuito a questo rapporto da Hwaseong.