Gennaio 29, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Un fiore fossile intrappolato nell’ambra con un’identità sbagliata per 150 anni

Eva Maria Sadowski, ricercatrice post-dottorato presso il Museo di storia naturale di Berlino, non aveva in mente un programma particolare quando ha deciso di prendere in prestito il più grande fiore fossile di ambra mai conservato.

“L’ho fatto senza alcuna aspettativa”, ha detto, “l’ho fatto solo perché ero curiosa”.

La sua curiosità ha tirato il filo di un caso di identità errata di oltre 150 anni, portando a un quadro più chiaro di come appariva la foresta ambrata nel Mar Baltico nel nord Europa più di 33 milioni di anni fa.

Il fiore preservato prosperò all’incirca a metà strada tra l’estinzione degli ultimi dinosauri non aviari e l’evoluzione dell’uomo, che lo trovò nel XIX secolo in una regione che ora fa parte della Russia. Nel 1872, gli scienziati lo classificarono come Stewartia kowalewskii, una pianta da fiore sempreverde estinta.

L’identità del fiore di ambra grigia del Baltico non è stata rivista fino all’articolo del Dr. Sadoski Rapporti scientifici È stato pubblicato giovedì.

Le piante in ambra sono rare. Dei campioni di ambra baltica, solo dall’1% al 3% degli organismi intrappolati sono vegetariani. Ciò potrebbe essere dovuto al pregiudizio dei collezionisti di ambra nei confronti degli animali, ma potrebbe anche essere dovuto agli animali che vagano in pozzanghere di resina appiccicosa mentre le piante sono costrette a cadervi accidentalmente.

Il dottor Sadowski ha affermato che sebbene sia difficile da ottenere, le piante trovate nell’ambra forniscono ai paleobotanici una grande quantità di informazioni. L’ambra, che è fatta di resina dell’albero, conserva gli antichi esemplari in tre dimensioni, rivelando “tutte le sottili caratteristiche che di solito non si ottengono in altri tipi di fossili”.

READ  La Terra completa la sua rotazione in meno di 24 ore e si schianta di nuovo per il giorno più breve

Il fiore che attirò l’attenzione del Dr. Sadowski era largo un centimetro, tre volte più grande del secondo fiore più grande conservato nell’ambra mai scoperto. Un collega le aveva detto delle dimensioni “enormi” del fiore prima che lei lo cercasse, e lei si chiese se stesse esagerando. Non lo era. Quindi ha deciso di vedere cosa potrebbero rivelare 150 anni di progresso tecnologico su Stewartia kowalewskii.

Una volta che ha avuto il fossile del fiore a portata di mano, la dottoressa Sadowski ha lucidato la pepita d’ambra con un panno di pelle inumidito e dentifricio, una tecnica che ha imparato dal suo consulente di dottorato, Alexander Schmidt, che ha imparato alcuni dei suoi metodi da un dentista. Sotto un potente microscopio, la dottoressa Sadowski ha visto dettagli perfettamente conservati dell’anatomia del fiore, insieme a chiazze di polline, che ha usato per vedere se una pianta era stata classificata nella famiglia corretta 150 anni prima.

Il dottor Sadowski ha raschiato i grani vicino alla superficie dell’ambra con un bisturi. “Lo faccio solo nelle mattine molto tranquille nel mio ufficio, dove non sono disturbato da nessuno: hai bisogno che le mie mani siano ferme, non tremanti”, ha detto.

Dopo che i granuli sono stati isolati e fotografati, la coautrice dello studio Christa Charlotte Hoffmann dell’Università di Vienna ha esaminato i granuli di polline, insieme alle caratteristiche microscopiche dell’anatomia del fiore. Ciò indica un genere molto diverso da quello identificato nel 1872: Symplocos, un genere di arbusti da fiore e piccoli alberi che oggi non si trovano in Europa ma sono diffusi nell’odierna Asia orientale.

READ  Il fossile dell'antenato del calamaro vampiro prende il nome da Biden

La rivisitazione del fiore gigante aiuta a rimpolpare ciò che gli scienziati sanno sulla biodiversità della foresta d’ambra baltica. Fa anche luce su come il clima della Terra è cambiato negli ultimi 35 milioni di anni: la presenza di Symplocos aiuta a dimostrare che l’antica Europa era molto più mite di quanto non fosse per la maggior parte della storia umana.

ha detto Regan Dunn, un paleobotanico del La Brea Tar Pits Museum and museum che non è stato coinvolto nella ricerca. “Questo ci consente di comprendere meglio l’impatto della nostra specie sul pianeta”.

Mentre “Jurassic Park” Gli appassionati potrebbero essere delusi nell’apprendere che non c’è alcuna possibilità di ottenere il DNA da un fiore d’ambra.Ci saranno sicuramente altre scoperte, ha detto George Poinar Jr., lo scienziato il cui lavoro ha ispirato la serie. Nei quasi 50 anni in cui ha studiato l’ambra, i progressi della microscopia hanno reso i dettagli nascosti di organismi antichi eccitanti ed evidenti.

“Penso che sia fantastico per le persone vedere la vita così”, ha detto.