Luglio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Un antico fossile di rettile getta nuova luce sull’evoluzione marina primordiale

Un antico fossile di rettile getta nuova luce sull’evoluzione marina primordiale

Stavros Chondromicalis

Ricostruzione artistica dei più antichi rettili marini conosciuti dell’emisfero australe: notosauri che nuotavano lungo l’antica costa antartica dell’attuale Nuova Zelanda circa 246 milioni di anni fa.



CNN

Gli scienziati hanno scoperto un fossile di rettile marino di 246 milioni di anni, il più antico del suo genere mai trovato nell’emisfero australe, gettando nuova luce sull’evoluzione iniziale dei mammiferi marini.

IL Il più grande evento di estinzione di massa Secondo i reperti fossili, nota come la “Grande Morte”, essa avvenne circa 252 milioni di anni fa, spazzando via circa il 95% delle specie che vivevano sulla terra e nel mare.

Ciò che seguì fu l’emergere di nuove creature che si sono evolute da quelle sopravvissute, compresi i rettili che si sono evoluti dalla vita sulla terra alla vita nel mare.

I Sauropterigi erano antichi rettili acquatici che esistevano circa 180 milioni di anni fa durante l’era mesozoica, da 251 a 66 milioni di anni fa.

I notosauri erano un tipo di sauropterigi che visse sulla Terra durante il periodo Triassico, il primo periodo dell’era dei dinosauri, da 251 milioni a 200 milioni di anni fa.

Tuttavia, secondo lo studio pubblicato sulla rivista, la sua evoluzione iniziale era nota solo grazie ai fossili trovati nell’emisfero settentrionale. Biologia attuale Lunedi.

Fossili di questi animali si trovano comunemente in Europa, così come nella Cina sudoccidentale e nel Medio Oriente, con alcuni ritrovamenti frammentari nel Wyoming negli Stati Uniti e nella Columbia Britannica in Canada, secondo l’autore principale dello studio Benjamin Kerr, paleontologo dell’Università di Uppsala. Museo dell’Evoluzione in Svezia.

READ  La NASA rivela dove vuole che i prossimi americani atterrino sulla luna

“Ma non è affatto previsto trovarne uno all’altra estremità della Terra”, ha detto Kerr alla CNN martedì.

All’epoca in cui esistevano i notosauri, quasi tutte le masse terrestri della Terra erano combinate in un unico continente gigante noto come Pangea. Questo gigantesco continente aveva la forma di un ferro di cavallo e al suo centro si trovava l’oceano Paleo-Tetide, dove si ritiene che questi animali vivessero, secondo Kerr.

Ha detto che la grande domanda è come questi animali si sono spostati da un lato all’altro della Terra, dal momento che l’altro lato era circondato da un gigantesco oceano globale chiamato Panthalassa, che si estende da un polo all’altro.

“Questo non è mai stato spiegato e non sappiamo cosa sta succedendo. All’improvviso troviamo un Notosaurus nell’Antartico in Nuova Zelanda, quindi è come se tutto fosse capovolto”, ha detto Kerr.

Secondo un comunicato stampa universitario, una singola vertebra di notosauro è stata trovata in un’area più aspra lungo il fiume Balmacaan, alla base del Monte Harper in Nuova Zelanda, nel 1978. Molti fossili vengono trovati continuamente, ha detto Kerr, e il materiale è stato depositato nella National Fossil Collection della Nuova Zelanda. Il defunto paleontologo Robert Euan Fordyce lo aveva avvisato della scoperta, ma la pandemia di coronavirus ha ritardato il viaggio dei ricercatori per osservarlo fino all’anno scorso.

Solo dopo che un team internazionale di paleontologi ha esaminato le vertebre e i fossili delle rocce circostanti, hanno scoperto che esse spingevano indietro di oltre 40 milioni di anni la documentazione fossile dei saurotteri nell’emisfero meridionale.

Kerr ha affermato che l’età del fossile è “davvero interessante” perché mostra che “246 milioni di anni fa, che è molto vicino all’alba dell’era dei dinosauri, si adattarono sostanzialmente alla vita nel mare e… improvvisamente divennero cosmopoliti”. .” ”

READ  Prima che Ingenuity sbarcasse su Marte, gli scienziati riuscirono quasi a ucciderlo

Il fossile fornisce la prima prova che la globalizzazione precoce stava avvenendo nello stesso periodo in cui questi rettili stavano aumentando con la formazione di predatori oceanici e complessi ecosistemi marini, hanno detto i ricercatori.

Kerr ha affermato che lo studio suggerisce che questi antichi rettili marini vagavano attorno ai poli della Terra, nuotando lungo tutto il supercontinente come un’autostrada costiera continua.

I nothosauri avevano un corpo snello, collo lungo, arti e coda lunghi. Stavano remando nell’acqua con gli arti. Ma col passare del tempo, i sauropterigi successivi svilupparono pagaie migliori.

Kerr, che lavora anche alle Svalbard nell’Artico norvegese, ha detto che i ricercatori intendono cercare più fossili in tutto il mondo nel tentativo di “tracciare queste storie da un polo all’altro” e capire come gli animali migrarono intorno al supercontinente.

“Quello che stiamo guardando qui potrebbe essere una storia che va oltre questo evento di super-estinzione, e va più indietro nel tempo, e possiamo iniziare a vedere che questi animali erano effettivamente adattati alla vita nel mare”, ha detto. “Vedremo. Continueremo a scavare e vedremo cosa possiamo trovare.”