Luglio 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Un alto funzionario della sicurezza afferma che l’Ucraina non ha ancora lanciato un contrattacco

Un alto funzionario della sicurezza afferma che l’Ucraina non ha ancora lanciato un contrattacco

KIEV (Reuters) – L’Ucraina non ha ancora lanciato una controffensiva pianificata per riconquistare i territori occupati dai russi, e sarà chiaro a tutti quando inizierà, ha detto mercoledì un alto funzionario della sicurezza.

Oleksey Danilov, segretario del Consiglio per la sicurezza e la difesa nazionale dell’Ucraina, ha smentito le dichiarazioni di funzionari russi secondo cui il contrattacco era già iniziato.

“Tutto questo non è vero. Quando tutto questo inizierà, sarà deciso dai nostri militari”, ha detto Danilov a Reuters in un’intervista. “Quando inizieremo il contrattacco, tutti lo sapranno e lo vedranno”.

Danilov ha detto che i funzionari russi hanno scambiato l’avanzata ucraina locale in alcune aree del fronte per l’inizio di un’operazione più ampia.

Le forze russe, che hanno lanciato la loro invasione su vasta scala nel febbraio 2022, stanno combattendo le forze ucraine lungo gran parte della linea del fronte.

Il vice ministro della Difesa Hana Maliar ha dichiarato mercoledì che l’Ucraina è avanzata da 200 metri a 1.100 metri (220-1.200 iarde) in alcune aree intorno alla distrutta città orientale di Bakhmut nelle ultime 24 ore.

Reuters non è stato in grado di verificare in modo indipendente la situazione sul campo di battaglia.

Kiev spera che la tanto attesa controffensiva segni un momento cruciale nella guerra e vuole riconquistare ampie fasce di territorio occupato dalla Russia.

Danilov ha anche affermato che non ci possono essere dubbi sul fatto che la Russia abbia causato la distruzione della diga di Kakhovka sul fiume Dnipro nella regione meridionale di Kherson martedì perché la regione è stata occupata dall’inizio dell’invasione russa.

Kiev aveva detto diversi mesi fa che le forze russe avevano minato la diga e aveva suggerito che Mosca avesse fatto saltare la diga nel tentativo di impedire alle forze ucraine di attraversare il fiume Dnipro per attaccare le forze russe. La Russia incolpa l’Ucraina per il crollo della diga.

READ  Il calciatore Gary Lineker licenziato dalla BBC per i tweet sulla politica dei rifugiati | Notizie sui diritti umani

“Esso (della Russia) aveva una componente militare. Era il primo (il primo), ed era il piano numero uno”, ha detto. “Hanno pensato che saremmo andati avanti in questa direzione. Le loro azioni non porteranno alle conseguenze a cui vorrebbero portare”.

Danilov ha anche affermato che l’Ucraina dovrà ora affrontare pressioni per accettare i colloqui di pace. Ha ribadito la posizione ucraina secondo cui non potranno aver luogo colloqui fino a quando le forze russe non lasceranno il territorio ucraino.

(Copertura) di Sergei Karazi, scrittura di Olena Harmash, montaggio di Timothy Heritage

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.