Gennaio 28, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Un alleato chiave di Netanyahu non può essere un ministro del governo, ha stabilito la Corte Suprema di Israele, scatenando una potenziale crisi di governo


Gerusalemme
Cnn

Mercoledì la Corte Suprema israeliana ha deciso dieci contro uno di non consentire ad Aryeh Deri, leader del partito Shas e alleato chiave del primo ministro Benjamin Netanyahu, di servire come ministro degli interni a causa della sua condanna del febbraio 2022 per frode fiscale.

La corte ha stabilito che Netanyahu dovrebbe rimuovere Deri dall’incarico. Una tale mossa farebbe precipitare il paese in una crisi costituzionale.

Il partito Shas di Al-Dari – che a novembre ha vinto 11 seggi nella Knesset israeliana da 120 seggi ed è una componente chiave della coalizione di Netanyahu – ha risposto immediatamente, definendo la decisione della corte “arbitraria e senza precedenti”.

Il partito religioso sefardita ha affermato che il tribunale “oggi ha annullato i voti e le votazioni di 400mila elettori del movimento Shas”.

“Oggi il tribunale ha infatti stabilito che le elezioni non hanno senso. La decisione del tribunale è politica e maliziosa”, ha affermato il partito.

Alla Corte Suprema è stato chiesto di prendere in considerazione la modifica della legge israeliana che consente a Deri di lavorare per il governo nonostante la sua condanna per frode fiscale. I giudici hanno deciso che la sua nomina “non poteva continuare”.

“Questo è, tra l’altro, dovuto al suo arretrato di condanne penali” e al suo fallimento nel ritirarsi dalla vita pubblica come aveva detto che avrebbe fatto quando fu processato nel caso di frode fiscale.

Deri era un membro della Knesset al momento della sua condanna per frode fiscale lo scorso anno.

Si è dimesso da legislatore piuttosto che dare al commissario capo per le elezioni l’opportunità di decidere se la condanna lo avesse escluso dal servizio come ministro.

READ  Aggiornamenti live: la guerra della Russia in Ucraina

Gli alleati di Deri hanno indicato questa settimana che il leader del partito Shas non si dimetterà dal suo incarico ministeriale anche se la sentenza del tribunale fosse contro di lui.

Il suo rifiuto di dimettersi – o il rifiuto di Netanyahu di licenziarlo – potrebbe portare a una crisi costituzionale che contrapponga il governo alla Corte Suprema.

La coalizione di governo di Netanyahu conta sugli 11 seggi di Shas, quindi la rimozione di Deri farebbe precipitare il governo in crisi.

Questa è una storia in via di sviluppo, ne seguiranno altre…