Luglio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Un accordo tra Russia e Corea del Nord potrebbe indebolire l’influenza della Cina, ma Pechino ha ancora influenza su entrambi.

Un accordo tra Russia e Corea del Nord potrebbe indebolire l’influenza della Cina, ma Pechino ha ancora influenza su entrambi.

PECHINO (AP) – In assenza di opzioni chiare, la Cina sembra mantenere le distanze Russia e Corea del Nord sono sempre più vicine Gli uni verso gli altri attraverso un nuovo accordo di difesa che potrebbe ribaltare l’equilibrio di potere tra i tre stati autoritari.

Gli esperti affermano che i leader cinesi sono probabilmente preoccupati per la possibilità di perdere influenza sulla Corea del Nord dopo il leader Kim Jong Un e il presidente russo Vladimir Putin. L’accordo è stato firmato questa settimanaCome ciò potrebbe portare ad una maggiore instabilità nella penisola coreana. Ma Pechino potrebbe anche avere difficoltà a trovare una risposta a causa dei suoi obiettivi contrastanti: mantenere la pace nelle due Coree e allo stesso tempo confrontarsi con gli Stati Uniti e i suoi alleati occidentali sulla scena globale.

Pechino non ha ancora commentato l’accordo, che prevede che entrambi i paesi lo facciano Fornire assistenza difensiva Se l’altro Paese viene attaccato, si limita a ripetere affermazioni stereotipate secondo cui cerca di sostenere la pace e la stabilità nella penisola coreana e di promuovere una soluzione politica del divario Nord-Sud.

La risposta cinese è stata “molto debole”, ha affermato Victor Cha, vicepresidente senior per l’Asia e la Corea presso il Centro per gli studi strategici e internazionali, aggiungendo che potrebbe essere un segno che Pechino non sa ancora cosa fare.

Ha aggiunto: “Ogni scelta è una cattiva scelta”. “O non sei in grado di prendere una decisione a causa di punti di vista fortemente contrastanti oppure… non sei in grado di prendere una decisione perché non sai come valutare la situazione.”

La partnership Russia-Corea del Nord potrebbe essere accolta con favore da alcuni a Pechino come un modo per contrastare il dominio degli Stati Uniti negli affari globali, ma Cha ha affermato che c’è “anche un grande disagio” in Cina, che non vuole perdere influenza e non vuole perdere influenza. vuole che gli Stati Uniti vedano una forza nucleare destabilizzante sul paese. È vicino alla vicina Russia e non vuole trasferire il conflitto dall’Europa all’Asia.

READ  Cina e Giappone riaffermano la “relazione strategica” nei rari colloqui tra i due leader

Ma la Cina non solleva pubblicamente queste preoccupazioni. “Non vogliono spingere Kim Jong Un tra le braccia di Vladimir Putin”, ha detto Cha, riferendosi ai leader dei due paesi.

Lin Jian, portavoce del ministero degli Esteri cinese, ha rifiutato di commentare il nuovo accordo. “La cooperazione tra Russia e Corea del Nord è una questione tra due stati sovrani. Non abbiamo informazioni sulla questione rilevante”, ha detto, riferendosi alla Corea del Nord con le iniziali del suo nome ufficiale, Repubblica popolare democratica di Corea.

John Kirby, portavoce della Casa Bianca per la sicurezza nazionale, ha detto ai giornalisti che l’accordo tra Russia e Corea del Nord “dovrebbe essere motivo di preoccupazione per qualsiasi paese che ritenga che le risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU debbano essere rispettate”. Il Consiglio di Sicurezza ha imposto sanzioni alla Corea del Nord nel tentativo di fermare lo sviluppo di armi nucleari.

Kirby ha anche affermato che l’accordo “dovrebbe essere motivo di preoccupazione per chiunque creda che sostenere il popolo ucraino sia una cosa importante da fare”. “Crediamo che la Repubblica popolare cinese condividerà questa preoccupazione”.

Un aspetto di cui la Cina potrebbe preoccuparsi è se la Russia aiuterà il programma di armi della Corea del Nord condividendo tecnologia avanzata, ha affermato Alexander Gabuev, direttore del Carnegie Russia Eurasia Center.

Ha aggiunto: “Se la Cina è davvero preoccupata, ha influenza sia in Russia che in Corea del Nord, e potrebbe tentare di imporre alcune restrizioni a tale relazione”.

L’incontro tra Putin e Kim questa settimana è stato l’ultimo capitolo di decenni di complesse relazioni politiche e militari nell’Asia orientale, dove il Partito comunista cinese, un tempo perdente, è emerso come una forza trainante che esercita influenza sia sulla Corea del Nord che sulla Russia.

READ  Il numero delle vittime dell'incendio in una fabbrica a Taiwan è sceso a nove persone, di cui una dispersa. Le quattro vittime erano vigili del fuoco

Questi e altri sviluppi hanno sollevato preoccupazioni negli Stati Uniti sul fatto che Pechino, ora la seconda economia mondiale, possa sfidare l’ordine globale guidato dagli Stati Uniti alleandosi con paesi come Russia, Corea del Nord e Iran. Pechino ha respinto questa affermazione.

Sun Yun, direttore del Programma Cina presso lo Stimson Center, ha affermato che Pechino non vuole formare un’alleanza trilaterale con la Corea del Nord e la Russia perché “ha bisogno di mantenere aperte le sue opzioni”.

ARCHIVIO – Il presidente cinese Xi Jinping, a destra, e il presidente russo Vladimir Putin si guardano l’un l’altro mentre si stringono la mano prima dei colloqui a Pechino, Cina. (Sergei Bobylev, Sputnik, foto della piscina del Cremlino tramite AP, file)

FILE - In questa foto di file pubblicata il 20 giugno 2019 dall'agenzia cinese Xinhua News Agency, in visita al presidente cinese Xi Jinping, a sinistra, e al leader nordcoreano Kim Jong Un che salutano da una limousine aperta mentre viaggiano lungo una strada a Pyongyang, Corea del Nord.  La Cina sembra mantenere le distanze mentre Russia e Corea del Nord si avvicinano con un nuovo patto di difesa che potrebbe ribaltare l’equilibrio di potere tra i tre paesi autoritari.  (Ju Peng/Xinhua tramite AP, file)

FILE – In questa foto di file pubblicata il 20 giugno 2019 dall’agenzia cinese Xinhua News Agency, in visita al presidente cinese Xi Jinping, a sinistra, e al leader nordcoreano Kim Jong Un che salutano da una limousine aperta mentre viaggiano lungo una strada a Pyongyang, Corea del Nord. (Ju Peng/Xinhua tramite AP, file)

Ha aggiunto che tale alleanza potrebbe significare una nuova Guerra Fredda, qualcosa che Pechino afferma di essere determinata a evitare, e che l’impegno con Pyongyang e Mosca sarebbe in conflitto con gli obiettivi della Cina di mantenere le relazioni con l’Europa e migliorare le relazioni con il Giappone e la Corea del Sud.

Son ha aggiunto che il riavvicinamento tra Corea del Nord e Mosca “apre possibilità e possibilità di incertezza, ma sulla base di quanto accaduto finora, non credo che gli interessi nazionali della Cina ne siano stati danneggiati”.

READ  L'Arabia Saudita considera di accettare yuan invece di dollari nelle vendite di petrolio cinese

Danny Russell, che è stato il principale diplomatico statunitense per l’Asia nell’amministrazione Obama, ha affermato che legami più stretti tra Putin e Kim potrebbero indebolire l’influenza di Pechino e renderla il “più grande perdente”.

“A parte il disagio per l’interferenza di Putin in quella che la maggior parte dei cinesi considera la propria sfera di influenza, il costo reale per la Cina è che abbracciare la Russia dà alla Corea del Nord una maggiore impunità e più spazio di manovra senza riguardo agli interessi di Pechino”, ha affermato.

Russell, che ora è vicepresidente per la sicurezza internazionale e la diplomazia presso l’Asia Society Policy Institute, ha affermato che Kim desidera ridurre la dipendenza del suo Paese dalla Cina.

“Allentare l’influenza cinese significa che Kim Jong Un potrebbe ignorare le richieste di moderazione di Pechino, creando probabilmente il caos in un momento in cui (il leader cinese) Xi Jinping desidera disperatamente stabilità”, ha affermato.

___

Tang ha riferito da Washington. Gli scrittori dell’Associated Press Will Weissert e Matthew Lee hanno contribuito da Washington.