Luglio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Tre accusati di cospirazione per vendere documenti rubati nelle parole di Eagles

Tre accusati di cospirazione per vendere documenti rubati nelle parole di Eagles

Sospensione

Era la fine degli anni ’70 e il mondo si stava crogiolando nell’età d’oro del rock and roll. Le aquile stavano cavalcando un’ondata di popolarità Che culminò con il lancio di “Hotel California” nel dicembre 1976.

L’album ha consolidato la posizione degli Eagles nella scena musicale americana e la posizione della band come proprietà rock. Ma pagine di testi e note scritti a mano dietro ad alcune delle sue canzoni in cima alle classifiche sono misteriosamente scomparse poco dopo, per riapparire solo quasi cinque decenni dopo come il principale fronte d’accusa della Corte Suprema dello Stato di New York.

Tre uomini sono stati accusati martedì di aver tentato di vendere un deposito di giornali – tra cui circa 100 pagine piene di testi come “New Kid in Town”, “Life in the Fast Lane” e l’iconico “Hotel California” – nonostante la loro mancanza di informazione corretta. . Diritti materiali.

Il banditore rock Edward Kosinski, il commerciante di libri rari Glenn Horowitz e il direttore delle acquisizioni della Rock and Roll Hall of Fame Craig Insiardi sono stati accusati di complottare per vendere pagine rubate – per un valore di oltre $ 1 milione – mentendo alle autorità e inventando storie su dove i materiali provenivano da E il suo legittimo proprietario, Dawn Henley, un membro fondatore di Eagles, ha impedito loro di acquisirlo.

Questi imputati hanno cercato di conservare e vendere questi manoscritti unici e preziosi, anche se sapevano di non avere il diritto di farlo. Il procuratore generale di Manhattan Alvin L. Praga dentro nuova versione.

READ  Buckingham Palace ha rilasciato una nuova foto di re Carlo III, Camilla, William e Kate

Gli avvocati di Kosinski, Horowitz e Inciardi – che martedì si sono dichiarati innocenti in tribunale – non hanno immediatamente risposto alle richieste di commento del Washington Post. Tuttavia, in una dichiarazione congiunta, hanno ritenuto le accuse ingiustificate, una legge e un reato menzionato.

“L’ufficio di DA sostiene che non c’è crimine e denigra ingiustamente professionisti rispettati”, hanno detto gli avvocati degli uomini in una dichiarazione all’outlet. Combatteremo energicamente queste accuse ingiustificate. Questi ragazzi sono innocenti”.

Come le carte siano finite nelle mani di tre magnati dei collezionisti – e siano state quasi vendute dai giganti delle aste Sotheby’s e Christie’s – è una storia iniziata quando l’ex chitarrista degli Eagles Don Felder Inizia a scrivere la canzone “Hotel California” dopo essere entrato a far parte del gruppo nel 1974.

Ora è Eagles di fronte all’Hotel California nel tribunale federale

Felder ha condiviso un demo che ricorda “Mexican Reggae” con Henley e Glenn Fry, capo degli Eagles morto nel 2016, e hanno inventato il concept e il testo cinematografico per la canzone, che alla fine avrebbe elevato l’album con lo stesso nome a numero uno. nel 1977. Da allora, l'”Hotel California” – che trae ispirazione dalla vita negli hotel e dal “ventre oscuro del sogno americano”, è diventato Henley Raccontare CBS News – È scoppiato teorie cospirazioniste Per le sue parole e gli elogi per gli effetti sonori dell’arpeggio.

Il processo di creazione della canzone è stato documentato da Henley in Pages che è svanito dopo essere stato acquisito da uno scrittore che stava lavorando a un libro sulla band. Quindi l’impiegato – che non è stato nominato nell’atto d’accusa – ha poi venduto gli oggetti nel 2005 a Horowitz, che a sua volta li ha venduti agli altri due uomini, secondo i documenti del tribunale.

READ  La famiglia di Bill Paxton si riconcilia con Cedars-Sinai nella causa per omicidio colposo - The Hollywood Reporter

Quando Henley si è reso conto che Inciardi e Kosenki stavano cercando di vendere i manoscritti perduti da tempo, ha detto loro che erano stati rubati, ha chiesto che fossero restituiti e ha presentato una denuncia alla polizia. Tuttavia, “invece di fare qualsiasi sforzo per garantire che avessero effettivamente la proprietà legittima, gli imputati hanno risposto impegnandosi in una campagna durata anni per impedire a Henley di recuperare i manoscritti”, affermano i querelanti.

Sebbene i pubblici ministeri abbiano affermato che lo scrittore senza nome avesse rubato le carte, in contatto con il trio accusato, lo scrittore ha detto nel 2012 di ricordare di aver “trovato il materiale scartato nel backstage nello spogliatoio degli Eagles nel backstage”. Più tardi, ha detto di averlo ottenuto tramite l’assistente di Henley dopo essere stato a casa del musicista Malibu. Nel 2016, lo scrittore ha cambiato di nuovo la sua storia, dicendo che Fry gli aveva segretamente dato i documenti – un modo conveniente, dicono i pubblici ministeri, per confermare la proprietà dei materiali una volta che Fry è morto e non ha più potuto contestare l’account.

Secondo i documenti del tribunale, Frey è “purtroppo morto e identificarlo come la fonte farà sparire per sempre”.

Don Henley dice che gli Eagles sono finiti. Era sempre la band di Glenn Fry.

L’accusa sostiene che le mutevoli narrazioni facevano parte di uno sforzo quinquennale per mettere all’asta gli oggetti. Sebbene Sotheby’s e Christie’s fossero inizialmente interessati a vendere i giornali, non furono mai messi all’asta. A partire da dicembre 2016, le autorità hanno iniziato a eseguire mandati di perquisizione per recuperare oggetti da Sotheby’s e dalla casa di Kosinski nel New Jersey.

READ  È morto a 97 anni Norman Jewison, regista di Fiddler on the Roof e Moonstruck

Ora, sembra che 100 pagine di scarabocchi, note e testi stiano tornando su Henley.

Il direttore di Henley, Irving Azoff, ha dichiarato: “Nessuno ha il diritto di vendere proprietà acquisite illegalmente o trarre profitto dal furto a titolo definitivo di passaggi insostituibili della storia della musica”. la pittura. “Queste parole scritte a mano sono parte integrante dell’eredità che Don Henley ha creato nel corso dei suoi oltre 50 anni di carriera. Attendiamo con impazienza il ritorno della proprietà di Don, affinché lui e la sua famiglia possano godere e preservare per le generazioni a venire .”