Luglio 14, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Tentativo di colpo di stato in Bolivia: un generale viene arrestato e l’esercito fugge dal palazzo

Tentativo di colpo di stato in Bolivia: un generale viene arrestato e l’esercito fugge dal palazzo

LA PAZ, Bolivia (AP) – Mercoledì veicoli blindati hanno preso d’assalto le porte del palazzo del governo della Bolivia, guidati da un alto generale che ha promesso di “ripristinare la democrazia” in quello che il presidente ha definito Tentativo di colpo di statoPoi il declino è stato rapido: l’ultima crisi che ha colpito il Paese sudamericano Di fronte a una battaglia politica e a una crisi economica.

Nel giro di poche ore, il paese di 12 milioni di abitanti fu testimone di uno scenario in rapida evoluzione in cui le truppe sembravano prendere il controllo del governo del presidente Luis Arce. Promise fermezza e nominò un nuovo comandante dell’esercito, che ordinò immediatamente alle truppe di ritirarsi.

I soldati si sono ritirati rapidamente insieme a una fila di veicoli militari, ponendo fine alla ribellione dopo sole tre ore. Centinaia di Sostenitori dell’Arce Poi si sono precipitati nella piazza antistante il palazzo, sventolando bandiere boliviane, cantando l’inno nazionale e cori.

Il ritiro dei soldati è stato seguito dall’arresto del comandante dell’esercito, generale Juan Jose Zuniga, dopo che la Procura ha aperto un’indagine.

Mercoledì veicoli blindati hanno preso d’assalto le porte del palazzo del governo della Bolivia mentre il presidente Luis Arce ha dichiarato che il paese stava affrontando un tentativo di colpo di stato, ha insistito sulla sua fermezza e ha esortato la gente a mobilitarsi.

Il ministro del governo Eduardo del Castillo ha affermato che oltre a Zuniga è stato arrestato l’ex vice ammiraglio della marina Juan Arnaiz Salvador.

“Qual è l’obiettivo di questo gruppo? L’obiettivo era rovesciare l’autorità democraticamente eletta”, ha detto del Castillo ai giornalisti mentre annunciava gli arresti.

READ  OpenAI afferma che Russia e Cina hanno utilizzato l’intelligenza artificiale in campagne segrete

Mercoledì sera, il ministro della Difesa Edmundo Novello ha detto che “ora tutto è sotto controllo”. Circondato dai nuovi comandanti militari nominati da Arce, Novello ha detto che la Bolivia ha vissuto un “colpo di stato fallito”.

L’apparente tentativo di colpo di stato è avvenuto in un momento in cui il paese ha dovuto affrontare mesi di tensioni e battaglie politiche tra Arce e il suo ex alleato, l’ex presidente di sinistra Evo Morales, per il controllo del partito al governo. È arrivato anche nel mezzo di una grave crisi economica.

Questi scontri hanno paralizzato gli sforzi del governo per affrontare la crisi economica. Ad esempio, gli alleati di Morales al Congresso hanno costantemente lavorato per contrastare i tentativi di Arce di contrarre debiti per alleviare parte della pressione.

Notando questa paralisi del paese durante la ribellione, Zuniga ha detto ai giornalisti che l’esercito era stanco delle lotte intestine e stava cercando di “ripristinare la democrazia”.

“Stiamo ascoltando il grido della gente perché le élite hanno controllato il Paese per molti anni”, ha detto, aggiungendo che i politici stanno “distruggendo il Paese: guardate la situazione in cui ci troviamo, quale crisi ci hanno lasciato”. In.”

Ha detto: “Le forze armate sono determinate a ripristinare la democrazia e renderla una vera democrazia”.

La crisi in rapido sviluppo è iniziata nel primo pomeriggio quando le strade di La Paz hanno cominciato a riempirsi di soldati. Ars ha twittato che lo schieramento delle truppe era irregolare e lui e altre figure politiche hanno subito avvertito di un tentativo di colpo di stato.

Tuttavia, l’apparente tentativo di spodestare il presidente in carica sembra mancare di qualsiasi sostegno reale, e perfino i rivali di Arce hanno unito le forze per difendere la democrazia e sconfessare la rivolta.

In uno sviluppo, Zuniga ha affermato in dichiarazioni ai giornalisti prima del suo arresto che Arce stesso aveva chiesto al generale di assaltare il palazzo con una mossa politica. Il presidente mi ha detto: La situazione è molto complessa e molto critica. “È necessario preparare qualcosa per aumentare la mia popolarità”, ha detto Zuniga citando il leader boliviano.

Zuniga ha chiesto ad Arce se doveva “far fuori i mezzi blindati?” “Portateli fuori”, rispose Ars.

Il ministro della Giustizia Ivan Lima ha negato le affermazioni di Zuniga, dicendo che il generale mentiva e cercando di giustificare le sue azioni per le quali ha detto che avrebbe dovuto affrontare la giustizia.

Ha detto Lima sulla piattaforma dei social media

La scena ha scioccato i boliviani, che non sono estranei ai disordini politici; Nel 2019, Morales è stato estromesso dalla carica di presidente dopo una precedente crisi politica.

Mercoledì, mentre la crisi si svolgeva, Arce ha affrontato Zuniga nel corridoio del palazzo, come si vede in un video trasmesso dalla televisione boliviana. “Sono il tuo comandante, ti ordino di ritirare i tuoi soldati e non permetterò questa disobbedienza”, ha detto Arce.

Circondato dai ministri, ha aggiunto: “Eccoci qui, risoluti a Casablanca, di fronte a qualsiasi tentativo di colpo di stato”. Abbiamo bisogno che il popolo boliviano si organizzi.

Meno di un’ora dopo, Arce ha annunciato i nuovi comandanti dell’esercito, della marina e dell’aeronautica tra grida di sostenitori, ringraziando la polizia del paese e gli alleati regionali per essere stati al suo fianco. Ars ha detto che le forze che si sono ribellate contro di lui stanno “macchiando l’uniforme” dell’esercito.

“Ho ordinato a tutti i coscritti di tornare alle loro unità”, ha detto il comandante dell’esercito appena nominato Jose Wilson Sanchez. “Nessuno vuole le immagini che vediamo per le strade.”

Poco dopo, veicoli blindati sono usciti dalla piazza, seguiti da centinaia di combattenti militari, mentre la polizia antisommossa ha allestito barricate davanti al palazzo del governo.

L’incidente è stato accolto con un’ondata di rabbia da parte di altri leader regionali, tra cui l’Organizzazione degli Stati Americani, il presidente cileno Gabriel Buric, il leader dell’Honduras e gli ex leader boliviani.

Gustavo Flores Macias, professore di governo e politiche pubbliche che si occupa di America Latina alla Cornell University, ha affermato che è importante che i leader e le organizzazioni mondiali continuino a condannare il tentativo di colpo di stato man mano che si sviluppano gli sviluppi.

“Se permettessimo lo sconvolgimento dell’ordine costituzionale in Bolivia, ciò potrebbe avere l’effetto di una manifestazione”, ha detto Flores Macias di New York in un’intervista all’Associated Press. “Ciò potrebbe inviare un segnale: se va bene che ciò accada in Bolivia, potrebbe accadere altrove”.

La Bolivia è stata testimone di intense proteste negli ultimi mesi a causa del forte declino dell’economia, da una delle economie in più rapida crescita del continente due decenni fa a una delle economie più colpite dalla crisi.

Arce e Morales combattono per il futuro del Movimento dissidente per il Socialismo in Bolivia, conosciuto con l’acronimo spagnolo MAS, prima delle elezioni previste per il 2025.

Sulla scia del caos di mercoledì, i media locali hanno mostrato che i boliviani facevano scorta di cibo e altri beni di prima necessità nei supermercati, preoccupati per quello che sarebbe successo dopo.

Ma il vicepresidente del paese, David Choquehuanca, nel suo discorso ai sostenitori fuori dal palazzo presidenziale ha promesso: “Il popolo boliviano non permetterà mai più tentativi di colpo di stato”.

——

Janetsky ha riferito da Città del Messico e Anita Snow ha contribuito a questo rapporto da Phoenix, Arizona.