Ottobre 3, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Si sta formando la tempesta tropicale Fiona, che presto colpirà le Piccole Antille, Porto Rico

Si sta formando la tempesta tropicale Fiona, che presto colpirà le Piccole Antille, Porto Rico

La tempesta tropicale Fiona, che si è formata mercoledì sera a diverse centinaia di miglia a est delle Piccole Antille, colpirà le Isole Sottovento e Porto Rico con piogge torrenziali, onde agitate, correnti costiere e forti venti di burrasca. Questo è solo il primo capitolo di quello che sembra essere un lungo tour dell’Atlantico occidentale, con prove crescenti che Fiona potrebbe alla fine diventare un uragano e potrebbe essere uno da tenere d’occhio alle Bermuda o sulla costa orientale degli Stati Uniti.

Gli avvisi di tempesta tropicale sono stati revocati per le Isole Sottovento settentrionali – tra cui Saba, St. Eustatius, St. Martin, Antigua e Barbuda, St. Kitts e Nevis, Montserrat e Anguilla – e potrebbero essere estesi a Porto Rico e alla US Virgin Isole entro giovedì pomeriggio o sera. Gli orologi attuali saranno probabilmente aggiornati agli avvisi perché la tempesta di 50 mph si sta spostando verso ovest a 14 mph.

Come un uragano del Pacifico può aiutare a estinguere gli incendi della California

È probabile che i venti raggiungano la forza della tempesta tropicale a partire da venerdì notte e accompagneranno forti piogge comprese tra 3 e 6 pollici. Dopo essere passata vicino o sopra Porto Rico, Fiona cerca di piegarsi a nord, a quel punto un puzzle composto da componenti atmosferiche incerte giocherà un tiro alla fune da ovest a est per determinare dove andrà alla fine.

Fiona è la sesta tempesta nominata di quella che finora è stata una stagione di uragani relativamente calma nell’Atlantico. Il bacino atlantico gestisce circa il 47,4% dell’ACE medio, o energia accumulata dagli uragani, una misura dell’attività complessiva di una tempesta.

Secondo il ricercatore sugli uragani Philip Klotsbach, questo è l’inizio di stagione più lento dal 2014, sfidando le previsioni degli esperti per una stagione 2022 particolarmente attiva. In confronto, l’impegnativa stagione 2021 aveva già scatenato 20 tempeste denominate ed era sull’orlo dell’immersione nell’alfabeto greco.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: la Russia invade l'Ucraina

A partire dalle 11:00 ET di giovedì, il centro di Fiona si trovava a circa 495 miglia a est delle Isole Sottovento e si stava spostando verso ovest a un ritmo tipico. Questo movimento verso ovest dovrebbe continuare fino a venerdì, quando Fiona avrà un impatto sulle isole e su Porto Rico.

I venti massimi sono stati stimati a 50 mph e il National Hurricane Center prevede un leggero rafforzamento fino a una raffica di 55 mph. Successivamente, è previsto un plateau di intensità mentre prosegue più a ovest. L’agenzia ha chiesto alle navi entro 300 miglia dal luogo della tempesta di registrare e inviare osservazioni meteorologiche ogni tre ore, il che aiuterà negli sforzi di previsione e modellazione. Un cacciatore di uragani della US Air Force sarà inviato giovedì per indagare sulla tempesta.

Nelle immagini satellitari a infrarossi, Fiona è piena di convezione profonda, o rovesci e temporali. Ciò è evidenziato dalle tonalità rosso scuro e bianco, che indicano le cime delle nuvole alte e fresche. Ma la maggior parte della tempesta migra a est della sua circolazione di basso livello: nota in bianco che il campo di nubi di basso livello sale al centro, che è oscurato da nubi più alte a est.

Questa mancanza di allineamento verticale del sistema è il risultato del taglio dei venti da ovest a nord-ovest o del cambiamento della velocità e/o della direzione del vento con l’altitudine. Rovescia il sistema e finché non riesce a impilarsi meglio in verticale, Fiona faticherà a condensare. Non ci si aspetta davvero un rafforzamento a breve termine, poiché la falciatura non sembra rilassarsi a breve.

In definitiva, il centro di basso livello potrebbe estendersi se un temporale e la corrente ascensionale associata passano sopra detto vortice, ma resta da vedere se ciò accadrà prima di raggiungere Porto Rico.

READ  Il comandante ucraino ordina uno sforzo di evacuazione internazionale presso lo stabilimento di Mariupol poiché la situazione è "critica"

Si prevede che Fiona porterà impatti alle Isole Sottovento settentrionali a partire dalla fine di venerdì e il suo nucleo dovrebbe attraversare l’arcipelago all’inizio di sabato. Si prevede una piovosità generale compresa tra 3 e 6 pollici, con quantità probabilmente maggiori a livello locale. Sono probabili anche tempeste con venti che si avvicinano a 50-60 mph, insieme a pericolose correnti costiere.

Da lì, il modello statunitense (GFS) suggerisce che Fiona può seguire il Porto Rico settentrionale mentre continua a sorvegliare il confine nord-orientale del territorio degli Stati Uniti.

Al contrario, il modello europeo simula un percorso a sud di Porto Rico e infine a Hispaniola. Ciò potrebbe interrompere la rotazione della tempesta prima che appaia sulle acque delle Bahamas sudorientali. Forti piogge sulla Repubblica Dominicana e su Haiti possono causare inondazioni e smottamenti, in particolare nelle aree montuose dove esiste il potenziale per totali a due cifre.

Le previsioni dell’Hurricane Center per il percorso di Fiona suddividono la differenza tra i modelli statunitensi ed europei e richiedono un percorso su Porto Rico prima che Fiona salpi nel Mona Pass a ovest dell’isola e ad est di Hispaniola mentre inizia una curva verso nord. L’ultimo jolly, e quindi i diversi scenari di percorso, è quando si verifica quella direzione destra-nord, che dipende dalla forza e dalla posizione dell’alta pressione nel nord-est. Quell’alto serviva da corrimano.

Alla fine, Fiona sarà diretta a nord, dove se evade dalla Terra e il suo nucleo interiore rimane intatto, potrebbe iniziare a condensare nei prossimi cinque o sette giorni.

Alcune simulazioni al computer suggeriscono che passerà vicino alla costa orientale, si dirigerà a ovest dall’elevazione delle Bermuda e si spingerà ulteriormente verso la costa avvicinandosi a bassa pressione nel tentativo di catturarlo. Altri modelli gli consentono di fuggire in mare, il che potrebbe rappresentare un pericolo ancora maggiore per le Bermuda. Infine, è troppo presto per dirlo, ma questo è qualcosa che vorrai tenere d’occhio.

READ  Cosa c'è dietro le ondate di caldo in Europa?