Luglio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Si apre la lotta per il titolo + Le stelle di Grosjean: vincitori e vinti a Laguna Seca

Si apre la lotta per il titolo + Le stelle di Grosjean: vincitori e vinti a Laguna Seca

Molte cose hanno funzionato contro Alex Palou nella gara di Laguna Seca in IndyCar, ma sono state la sua incredibile velocità e la sua velocità tattica schiacciante a vincerlo anche se la sua strategia sembrava sbagliata.

A volte, Palou era quasi due secondi al giro più veloce dei suoi rivali, e una terza vittoria quest’anno sembra certamente di cattivo auspicio perché sembra un contendente migliore per Will Power (l’ex leader della classifica e chiaro rivale più vicino a Palou anche quest’anno) che è stato. Nel 2022, l’ultima volta che i due hanno combattuto.

Ma c’è molto da imparare da una gara che ha visto lottare una squadra all-star, un risultato storico di Romain Grosjean, un pilota con un polso rotto impressionante e una vittoria mancata che è stata in realtà un risultato notevole.

La gara ha scelto i vincitori e i perdenti della Laguna Seca Wild Race.

Vincitori

Alex Ballou

Il ritmo di Baloo era così buono che quella che sembrava una strategia che lo avrebbe condannato alla mediocrità fu salvata dall’oblio.

Ha creato un distacco di oltre 20 secondi da un gruppo di vetture che hanno scelto di rientrare per la seconda volta al 37esimo giro di 95 – guidate da Colton Herta e Alexander Rossi – per rientrare ai box, ricongiungendosi al terzo posto ma superando la coppia di testa sull’altro. una manciata di giri per risparmiare carburante e poi Baloo si è fermato ai box per non doverlo fare.

Anche tre ammonizioni tardive negli ultimi 20 giri non gli hanno impedito di vincere e di prendere un buon vantaggio in classifica.

È la sua terza vittoria dell’anno, e i suoi risultati a Laguna Seca in IndyCar sono stati: secondo, primo, terzo, primo.

Francamente, lui e il suo team a Ganassi erano una spanna sopra i loro rivali sia in termini di strategia che di come hanno usato quell’incredibile ritmo per massimizzare l’aria pulita e la mancanza di pneumatici, dopo aver utilizzato due set nel gruppo di qualificazione a sei velocità.

Un terzo titolo in quattro anni sembra sempre più probabile, a meno che il suo ovale corto non colpisca il terreno o l’ibrido non mescoli le cose quando verrà introdotto la prossima settimana.

Andretti

Potrebbe essere sembrata una seconda vittoria e una prima sconfitta per Colton Herta, ma l’intera squadra di Andretti ha ottenuto il tipo di risultato di cui aveva veramente bisogno.

Il compagno di squadra Kyle Kirkwood ha avuto la meglio nelle qualifiche, superando Palo non una ma due volte, uscendo dalla curva 1 all’inizio e poi rientrando nella stessa curva dopo le prime soste.

Ma l’Hertha ha preso il comando nella cruciale finestra di interruzione successiva, e solo alla fine è stato battuto dal Palo con un’altra strategia. Sebbene Herta avesse una strategia diversa da Palo, sentivo che entrambe le strategie avrebbero vinto la gara a Palo data la sua velocità.

READ  Un furioso rally nel quarto trimestre ha portato i Packers alla vittoria per 18-17

Ma dopo tre gare piene di incidenti, Herta non ha fatto nulla di stupido e ha ottenuto buoni punti.

Kirkwood continua a rispondere a coloro che si chiedevano se potesse eguagliare la coerenza con il suo ritmo incredibile. Ha ottenuto il miglior “peggiore” piazzamento della serie finora quest’anno (11° sul percorso di Indy) e ha ottenuto altri due piazzamenti tra i primi cinque – solo due erano in vantaggio con la stessa strategia – il terzo consecutivo.

Hertha e Kirkwood sono ora rispettivamente quarta e quinta in classifica.

Marcus Ericsson ha avuto un fine settimana difficile in cui gli è mancato il ritmo in qualifica – non per la prima volta quest’anno – ma ha trasformato il suo 18° posto in un piazzamento nella top-10 dell’anno. Dopo due giri non è stata la gara più pulita per lui, ma molti piloti non riescono ad evitare il caos che si stava verificando in gara, e lui lo ha fatto.

David Malukas

Normalmente un 16° posto non è qualcosa da festeggiare, ma il solo fatto di arrivare alla fine è stata una vittoria per Malukas. Inoltre, avrebbe finito molto più in alto senza subire una foratura.

Si è qualificato dodicesimo nella sua prima gara da quando si è rotto il polso ed è stato lasciato cadere dalla McLaren, e poi si è guadagnato un’ancora di salvezza a Shank prendendo il posto di Tom Blomqvist per il resto dell’anno.

Nonostante le difficoltà con il polso, ha completato tutti i 95 giri e probabilmente sarebbe entrato nella top ten davanti al compagno di squadra Felix Rosenqvist, partito terzo. Ciò era in parte dovuto al fatto che seguiva la “strategia Balu”, sebbene Malukas avesse la velocità per farla funzionare.

Più gare come questa solleveranno più domande sulle scelte dei piloti della McLaren e spingeranno Malukas più in alto nella stima delle persone.

Rosenqvist ha lottato per eguagliare quelli nella sua strategia e nel processo è rimasto indietro rispetto ad altri fattori chiave della strategia. Anche un certo blocco dei freni ha contribuito al suo finale 11° posto.

Romain Grosjean

Sebbene fosse esasperato dagli standard di guida dei suoi rivali in qualifica – disse di avere una macchina abbastanza veloce per finire primo ma finì ottavo – Grosjean ha condotto una gara sensata e ponderata.

È stato in parte potenziato seguendo la “Strategia Palou”, ma una velocità epica dopo la sua ultima sosta ha davvero contribuito a consolidare la sua posizione in testa.

È arrivato quarto, il miglior risultato di gara nella storia dell’IndyCar di Juncos Hollinger. Dopo un anno così difficile per Grosjean e il team, questo è stato un gradito ricostituente, migliore di quello ottenuto da Callum Ilott su questa pista l’anno scorso.

READ  Garbine Muguruza: L'ex campionessa di Wimbledon annuncia il suo ritiro dal tennis

Santino Ferrucci

La gara di Ferrucci a Laguna Seca è stata un buon riflesso del 2024; Ha ricevuto una penalità per comportamento antisportivo nel riscaldamento pre-gara per essersi scontrato con Romain Grosjean, poi ha trasformato un 17° posto in un nono posto che lo ha portato al 12° posto nella classifica a punti.

Qualunque cosa tu pensi di Ferrucci, quest’anno ha ottenuto cinque piazzamenti nella top-10 in otto gare in una squadra che molte persone considerano inferiore. Chiaramente Voight sta facendo qualcosa di giusto!

Honda

La quinta vittoria consecutiva di Laguna consolida la posizione della Honda al vertice della classifica costruttori dopo che la Chevrolet sembrava potesse rubare un rally quest’anno.

Un primo e secondo posto, cinque vetture nella top 10 e la chiusura delle prime due file dopo le qualifiche sono solo alcuni dei punti salienti, mentre la mancanza di affidabilità all’inizio della stagione combinata con l’introduzione dell’ibrido nella gara successiva potrebbe scuotere le cose, la Honda ha avuto una buona prestazione ben al di fuori della vittoria della 500 Miglia di Indianapolis.

Perdenti

Penske

Si è qualificato per il settimo, quattordicesimo e quindicesimo posto e si è classificato settimo, diciannovesimo e ventunesimo. Ogni giorno come questo per Penske è una perdita.

La forza di volontà era la luce splendente. Ha ottenuto il suo peggior piazzamento in qualifica, 15°, ed è caduto in una partenza movimentata, ma poi ha approfittato di un taglio anticipato per recuperare punti prima di uscire con le gomitate in ritardo, subendo anche un colpo dal compagno di squadra Scott McLaughlin tramite un tuffo in ritardo. la svolta. 6, che di fatto ha concluso la corsa di McLaughlin nella top 10 per tutta la giornata.

Josef Newgarden ha avuto una giornata difficile poiché una violazione del pit stop durante la sua prima sosta gli è valsa una penalità, ma poi ha utilizzato una strategia di balloo ed è stato incredibilmente fortunato quando si è fermato all’ammonizione durante la sua ultima sosta, ovvero invece di andare al pit stop . Alla fine della top ten, dopo essere partito dal comando, è sceso solo al secondo posto. Ma si è tirato indietro ed è entrato in testacoda alla curva 6, concludendo la gara al 19° posto.

Ciò lascia McLaughlin all’ottavo posto in punti e Newgarden al nono posto. Nel frattempo, Bauer è ancora a caccia della vetta, ma il suo vantaggio è ora di 23 punti su Palo.

READ  I Golden Knights hanno sconfitto i Panthers nel gioco 1 della finale della Stanley Cup

Agostino Cannabino

Canabino si è classificato 13° nelle qualifiche su una pista sulla quale l’anno scorso aveva corso con sicurezza nella top 10, quindi usurpare il suo miglior piazzamento nella serie dei 12° posti sembrava possibile.

In gara, è tornato indietro dopo essere caduto presto, ma ha ricevuto un passaggio per agganciare Kevin Simpson in un testacoda che ha posto fine alla sua gara e a quella di Graham Rahal – Rahal è stato raccolto nell’incidente successivo – e Canabino è arrivato 18 °.

Dato che il compagno di squadra di Juncos, Grosjean, è arrivato quarto, si sarebbe dovuto ottenere un risultato migliore che avrebbe allontanato Canabino dall’intensa battaglia del leader.

Christian Lundgaard

Lundgaard è partito sesto e ha concluso quindicesimo e francamente è stato un ottimo risultato considerando come è andata la sua gara.

I Flashpoints sparavano a Rainey Curve mentre lei combatteva presto contro McLaughlin e raccoglieva il tampone del freno attaccato alla sua ala anteriore, ottenendo in ritardo un passaggio per un contatto evitabile.

È anche andato largo nel Cavatappi e ha preso tutta l’aria, il che è certamente impressionante da guardare ma non così eccezionale per un’auto guidata da Rahal Letterman Lanigan.

Dopo essere sembrato una scelta comoda per la top-10 del campionato di quest’anno, questo è stato il suo quarto risultato dell’anno fuori dalla top-10.

Con cinque delle ultime nove gare della stagione su ovali dove la squadra ha faticato, la fine dell’anno potrebbe essere dura. Queste gare su strada sono cruciali per l’intera squadra.

Dale Quinn

Con un problema al motore per Jack Harvey e una caduta per Luca Giotto, Quinn ha subito un doppio ritiro a Laguna Seca.

Al momento è senza un solo pilota per la gara del Mid-Ohio poiché Ghiotto non è disponibile e chiunque verrà assunto sarà probabilmente qualcuno senza esperienza nell’unità ibrida che debutterà prossimamente.

È stato un anno difficile per Davide contro Golia ed è difficile vedere come possa andare meglio. Di questo passo, sarebbe molto fortunato se una delle due vetture riuscisse a raggiungere il girone del leader senza un po’ di fortuna.

Rinus Vikai

VeeKay, che non è mai arrivato al di sotto del 14° posto in campionato durante la sua carriera, è 17° con solo due piazzamenti nella top-10 quest’anno.

La squadra di Ed Carpenter ha faticato a trovare il suo equilibrio nel periodo precedente alle qualifiche, con VeeKay arrivato 20esimo, e ha finito per non finire la gara a causa di un problema meccanico.