Luglio 18, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Scoperta di un antico rettile simile a un coccodrillo chiamato “pseudosuchiano”

Scoperta di un antico rettile simile a un coccodrillo chiamato “pseudosuchiano”

La storia della Terra contiene molte creature affascinanti, alcune delle quali continuano ancora oggi a sconcertare gli esperti, come gli pseudopodi.

Un esempio di tali creature è la nuova specie di rettile predatore scoperta di recente, situata nel cuore del Brasile, che costituisce un’aggiunta degna di nota ai racconti del Terziario.

Quest’ultima scoperta fa luce su un’antica stirpe di rettili simili a coccodrilli noti come pseudo-rettili, chiamati Parvosuchus orelloiOra intraprendiamo un viaggio per comprendere questi “falsi coccodrilli” e il loro ruolo nel passato del nostro pianeta.

Racconti terziari di persone simili ai Suici

Prima ancora che i dinosauri apparissero sul palco, i finti dinosauri camminavano impettiti sulla superficie della Terra davanti agli occhi di tutti. Abitavano il nostro pianeta tra 252 e 201 milioni di anni fa, durante il periodo terziario, ed erano i rettili a quattro zampe più diffusi dell’epoca.

La loro esistenza è meglio descritta da coloro che erano al vertice della catena alimentare: i grandi societi carnivori.

allo stesso tempo, Insetti sottiliParenti più piccoli di questi predatori parteciparono a questo periodo, di cui si conoscono tracce in regioni come la Cina e l’Argentina.

L’eroe della nostra storia, Rodrigo Müller, uno scienziato brasiliano, ha aggiunto colore alla nostra comprensione degli organismi parassiti. Approfondiamo questo argomento.

I Sudosoukiani erano un clan meraviglioso

I falsi coccodrilli, o “falsi coccodrilli”, appartengono a un gruppo eterogeneo di arcosauri, fratelli di uccelli e coccodrilli moderni e dei loro parenti estinti.

Hanno prosperato, diversificato e adattato, esibendo una gamma di dimensioni, forme e stili di vita diversi quanto gli ambienti in cui vivevano. Possono essere classificati in alcuni gruppi importanti:

  • AetosauriaCreature erbivore con armature pesanti, note per i loro corpi larghi e piatti e le gambe corte.
  • Uccelli familiariI “coccodrilli aviari”, un’interessante combinazione di caratteristiche di uccelli e coccodrilli, erano probabilmente predatori attivi.
  • RayoshidaiVeri giganti del loro tempo, erano grandi predatori con arti potenti e morsi terrificanti.
  • Coccodrillomorfo:Gli antenati degli odierni coccodrilli, inizialmente piccoli e terrestri, ma in seguito evoluti in capacità semiacquatiche.
READ  Guarda l'ultimo test pre-lancio del razzo lunare Artemis

Anatomia dell’adattabilità antica

Gli omopodi mostrano una sorprendente gamma di caratteristiche anatomiche che esemplificano la loro adattabilità e il loro successo evolutivo. Le forme dei loro teschi e dei loro denti indicavano la diversità della loro dieta e dei loro stili di vita.

Le specie predatrici avevano denti affilati e seghettati per strappare la carne, mentre le specie erbivore avevano denti piatti per macinare il materiale vegetale.

Allo stesso modo, la struttura dei loro arti variava notevolmente in base al loro stile di vita. Ad esempio, i raeosuchidi avevano arti forti, simili a colonne, che si adattavano al loro stile di vita predatorio e terrestre. D’altra parte, gli arti dei primi coccodrilli erano più fini, adatti sia alla terra che all’acqua.

Un’altra caratteristica importante osservata in molti pseudorettili, in particolare negli etosauri, è la presenza di un’estesa armatura corporea costituita da placche ossee o ossa dermiche. Questi scudi non solo fornivano protezione, ma potrebbero anche aver svolto un ruolo nella regolazione della temperatura.

L’ecosistema tripartito e i ruoli parasociali

Non solo gli pseudo-dinosauri sopravvissero, ma prosperarono in diversi ambienti ambientali. Specie come i reosuchidi erano i predatori dominanti sulla terra, mentre i dinosauri etosauri erano i principali erbivori nel loro ecosistema. Alcuni pseudo-dinosauri seguivano addirittura una dieta olistica o generalista.

Sfortunatamente, la maggior parte degli pseudodinosauri scomparve alla fine del Terziario, a causa di una combinazione di attività vulcanica, cambiamento climatico e competizione con gli arcosauri emergenti come i primi dinosauri.

Tuttavia, la stirpe dei coccodrilli continuò e si evolse nel gruppo di coccodrilli che vediamo oggi.

Nuova scoperta brasiliana: Parvosuchus orelloi

Torniamo alla nostra recente scoperta fatta da Rodrigo Müller. Ha trovato una nuova specie di tartaruga marina da un esemplare situato nella Formazione di Santa Maria in Brasile.

READ  Le meduse rigenerano i tentacoli perduti e ora sappiamo come farlo

Lo scheletro parziale ha circa 237 milioni di anni ed è costituito da un cranio completo, 11 vertebre dorsali, parte del bacino e arti parzialmente conservati.

Un antico rettile simile a un coccodrillo chiamato Parvosuchus aurelioi, un rettile simile al parvosuchus. Credito immagine: Matheus Fernandes

battesimo Parvosuchus orelloiIl nome è un omaggio al paleontologo dilettante Pedro Lucas Porcella Aurelio, che trovò il materiale fossile.

Si stima che questa piccola creatura simile a un coccodrillo fosse lunga meno di un metro e avesse mascelle lunghe e sottili piene di denti appuntiti e ricurvi all’indietro.

Questa sorprendente scoperta rappresenta la prima specie di questo tipo ad essere confermata in Brasile e attira l’attenzione sulla sorprendente diversità tra gli pseudo-dinosauri durante il Terziario.

Dal Terziario all’era moderna

Questo viaggio attraverso il mondo terziario e sociale è una testimonianza della ricca e diversificata storia della Terra.

Scoperta Parvosuchus orelloi La scoperta di questi rettili in Brasile rappresenta un risultato importante nel rivelare l’enorme eredità di questi antichi rettili. Ci ricorda l’incredibile biodiversità che un tempo abbelliva i paesaggi del nostro pianeta, dove vivevano creature grandi e piccole.

La comprensione derivata dallo studio degli organismi parassiti fornisce informazioni sul passato ecologico del nostro mondo e dimostra l’adattabilità e la resilienza della vita.

Mentre continuiamo a scoprire gli archivi del passato della Terra, ogni nuova scoperta, ad es Parvosuchus orelloiQuesta scoperta ci avvicina di un passo alla comprensione del meraviglioso tessuto della vita e di come si è evoluta nel corso di milioni di anni.

Lo studio completo è stato pubblicato sulla rivista Rapporti scientifici.

———

Ti è piaciuto quello che hai letto? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere articoli interessanti, contenuti esclusivi e gli ultimi aggiornamenti.

READ  Rilascia il succo dell'ESA in una caccia al tesoro cosmica

Vieni a conoscerci su EarthSnap, un’app gratuita offerta da Eric Ralls e Earth.com.

———