Luglio 15, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Schulze ha telefonato a Putin dopo un’offerta diplomatica di Biden e Macron

Sospensione

RIGA, Lettonia – Il presidente russo Vladimir Putin ha detto venerdì al cancelliere tedesco Olaf Scholz che gli attacchi aerei di Mosca contro le infrastrutture civili ucraine sono stati “forzati e inevitabili” a causa degli attacchi ucraini al ponte di Crimea e ad altri obiettivi russi, accusando i paesi occidentali “distruttivi”. La politica di sostegno dell’Ucraina per prolungare la guerra iniziata dalla Russia.

La chiamata di un’ora, avviata da Berlino, è stata la prima di Putin con il leader del G7 da quando la Russia ha subito una serie di sconfitte sul campo di battaglia e da quando Mosca ha iniziato la sua ondata di attacchi alle infrastrutture energetiche dell’Ucraina usando missili e autodetonazioni. Droni. Questi attacchi hanno interrotto i servizi di elettricità, riscaldamento e acqua in molte parti dell’Ucraina, aumentando il rischio di una catastrofe umanitaria questo inverno.

La chiamata è avvenuta il giorno dopo che il presidente Biden, in una conferenza stampa con il presidente francese Emmanuel Macron a Washington, si era detto disposto a parlare con Putin, a condizione che il leader russo fosse sinceramente interessato a “cercare un modo per porre fine alla guerra”. Venerdì il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha escluso la cessione di uno qualsiasi dei territori che la Russia sostiene di aver illegalmente annesso.

Secondo il Cremlino, Putin si è lamentato dei paesi occidentali che inviano armi all’Ucraina e addestrano l’esercito del paese, nonché del loro “ampio sostegno politico e finanziario all’Ucraina”.

Il Cremlino ha dichiarato: “Il presidente della Russia ha invitato la parte tedesca a riconsiderare i suoi approcci nel contesto degli eventi ucraini”.

Russia e Ucraina stanno combattendo la loro prima guerra su vasta scala usando i droni

Tra la proposta dell’Unione Europea di istituire un tribunale per presunti crimini di guerra russi in Ucraina, Putin ha anche cercato di scaricare la colpa delle atrocità, accusando l’Ucraina di “crimini sempre più sanguinosi contro la popolazione civile”, secondo una lettura del Cremlino .

Una dichiarazione del governo tedesco afferma che Schulz ha condannato gli attacchi aerei russi contro le infrastrutture civili in Ucraina durante la chiamata e “ha sottolineato la determinazione della Germania a sostenere l’Ucraina nel garantire la sua capacità difensiva contro l’aggressione russa”.

READ  Questa mappa mostra lo stato di controllo più recente in Ucraina

Putin si è lamentato del fatto che la “linea distruttiva” da parte dell’Occidente, che fornisce armi e sostegno finanziario all’Ucraina, “porta al fatto che Kiev rifiuta completamente l’idea di qualsiasi negoziato”.

Apparendo con Macron, Biden ha detto: “Sono pronto a parlare con il signor Putin se c’è interesse a decidere che sta cercando un modo per porre fine alla guerra. Se è così, e in consultazione con i miei amici francesi e della NATO, Sarei felice di sedermi con il signor Putin per vedere cosa sta succedendo. “Nella sua mente. Non l’ha fatto.”

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha fissato i parametri per un accordo di pace, incluso il pieno rispetto della Carta delle Nazioni Unite, che richiede alla Russia di ritirarsi da tutti i territori ucraini occupati illegalmente, compresa la Crimea. I leader del G7, tra cui Schulz, Biden e Macron, hanno approvato formalmente la proposta di Zelensky in una dichiarazione rilasciata a ottobre.

Biden dice che potrebbe incontrare Putin, ma non ora

Peskov, osservando che Biden ha condizionato qualsiasi colloquio sul ritiro della Russia dall’Ucraina, ha aggiunto che era “chiaro” che Mosca non fosse disposta a farlo. “Cosa ha effettivamente detto il presidente Biden? I negoziati saranno possibili solo se Putin lascerà l’Ucraina”, ha detto Peskov ai giornalisti venerdì.

“L’operazione militare speciale continua”, ha detto. Aggiungendo che Putin è sempre stato aperto ai negoziati perché la Russia ha preferito raggiungere i suoi obiettivi in ​​Ucraina “attraverso mezzi diplomatici pacifici”.

Putin ha parlato l’ultima volta con Scholz e Macron a metà settembre, prima del suo tentativo di annettere illegalmente le regioni ucraine di Luhansk, Donetsk, Zaporizhia e Kherson, e anche prima di un’esplosione sul ponte di Crimea, secondo la Russia, causata da attacchi alle infrastrutture ucraine. . Da allora, la Russia ha perso aree significative, compreso il ritiro da Kherson, la capitale regionale.

Date quelle perdite territoriali, Putin sembrava sempre più assediato, paranoico e ostile, mentre la sua economia affondava e la sua influenza globale diminuiva.

Le battute d’arresto nella guerra in Ucraina hanno minato l’influenza della Russia con gli alleati regionali

Invece di segnalare la volontà di fare concessioni, funzionari russi sempre più anziani hanno iniziato a trasmettere affermazioni distorte e infondate, insistendo sul fatto che la Russia fosse effettivamente la vittima della guerra e cercando di addossare la colpa per i continui combattimenti all’Ucraina per aver rifiutato di accettarlo. Termini russi.

READ  La Cina minaccia di rispondere alle misure Covid “inaccettabili” imposte ai viaggiatori

Le annessioni illegali di Putin sono progettate per stabilire nuove linee rosse russe e togliere il territorio dal tavolo nei futuri negoziati di pace, termini che sapeva che Kiev non avrebbe mai accettato. Ma la Russia è stata costretta a cedere la città di Kherson e altre aree a ovest del fiume Dnepr, anche dopo che i funzionari russi hanno ripetutamente accennato che avrebbero difeso le “nuove terre” con armi nucleari.

Mosca e Kiev si stanno preparando per una dura campagna invernale che potrebbe decidere i rispettivi destini.

Schultz ha iniziato venerdì il contatto di un’ora con Putin, ma non è chiaro se sia stato fatto in coordinamento con gli alleati o anche con altri Paesi Ue, che nei giorni scorsi hanno faticato a trovare un accordo su un piano. forzare una copertura sui prezzi del petrolio russo. Un portavoce della Commissione europea, il braccio esecutivo dell’UE, ha affermato di non essere stato informato sulla questione prima della chiamata di Schulze.

Macron e Scholz sono stati criticati per i loro sporadici contatti con Putin.

Macron è stato accusato di essere rimasto ingenuo nei rapporti con Putin anche quando il leader russo non ha mostrato alcuna volontà di cambiare rotta in Ucraina.

Nei primi giorni dopo che Putin ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio, Schulz è stato criticato per il ritmo lento delle consegne di armi e per l’indecisione che ha lasciato i critici a chiedersi se stesse cercando di tenere aperta la porta al Cremlino.

Anche se la Germania ha annunciato quello che ha definito uno “Zeitenweinde”, o punto di svolta, nella politica estera, rafforzando la sicurezza e inviando armi all’Ucraina, la realtà non ha tenuto il passo con le aspettative.

Parlando a una conferenza sulla sicurezza a Berlino all’inizio di questa settimana, Schultz ha detto che vorrebbe vedere un ritorno al precedente “regime di pace” che esisteva in Europa. “Ciò che la Russia sta facendo oggi risale all’approccio imperialista del diciannovesimo, diciottesimo e diciassettesimo secolo, per cui un paese più forte crede di poter conquistare il territorio del suo vicino”, ha affermato. “Dobbiamo tornare a una situazione in cui siamo nuovamente d’accordo sul fatto che i confini non saranno modificati con la forza”.

READ  Hossein Amir Abdollahian: la risposta dell’Iran sarà “immediata e al massimo livello”. Il ministro degli Esteri avverte Israele

Nella sua dichiarazione di venerdì, il governo tedesco ha affermato che Schulz ha detto a Putin che una soluzione diplomatica, “compreso il ritiro delle forze russe, deve essere trovata il prima possibile”.

Alcuni paesi dell’UE hanno anche suggerito che tali colloqui con Putin rischiano di esporre le divisioni tra gli alleati occidentali quando dovrebbero presentare un fronte unito a sostegno dell’Ucraina.

Gli alleati occidentali si stanno muovendo per fissare il prezzo del petrolio russo a 60 dollari al barile

La Russia scommette silenziosamente sulla speranza che l’unità europea sul sostegno all’Ucraina crolli durante l’inverno, convinta che l’aumento dell’inflazione e dei costi energetici, così come il costo crescente della guerra, possano alimentare la rabbia popolare.

Un alto funzionario dell’Europa orientale ha affermato di non essere stato informato in anticipo della chiamata di Schulze e di averlo appreso da resoconti di notizie. Il funzionario, che ha parlato in condizione di anonimato per discutere di temi delicati, ha espresso la preoccupazione che una chiamata di Scholz possa essere interpretata da Putin come un segno di debolezza europea, indicando probabilmente la disponibilità ad accettare un esito diverso dalla “piena liberazione dell’Ucraina”. “

Per ora, ha detto il funzionario, “non dovrebbe trattarsi di dialogo” ma di assicurarsi che “non ci sia spazio per la Russia per continuare a terrorizzare i suoi vicini”. Il funzionario ha aggiunto che con tutta la recente attenzione a ritenere la Russia responsabile, parlare con “la persona principalmente responsabile di questi crimini” invia un segnale contraddittorio.

Giovedì, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che la Russia aveva effettivamente bombardato le infrastrutture energetiche civili, ma ha affermato che si trattava di un obiettivo militare e che gli attacchi avevano lo scopo di interrompere le spedizioni di armi occidentali in Ucraina.

Lavrov ha affermato che il sistema energetico ucraino era “subordinato agli interessi militari di Kiev”.

Morris riferisce da Berlino e Rohalla da Bruxelles.