Maggio 18, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Sam Elliott critica Il potere del cane

Sam Elliott critica Il potere del cane

Sam Elliott ha criticato il film candidato all’Oscar “The Power of Dog” in un’intervista con Marc Maron nel suo podcast “WTF”.

Elliott, che è stato nominato per un Academy Award per il suo ruolo in “A Star Is Born” e recita nella serie Paramount + Western “1883”, era furioso quando Maron gli ha chiesto nel podcast di lunedì se gli piaceva “The Power of the Dog”. ”

“Vuoi parlare di quella sciocchezza?” Elliott ha detto quando Marron ha rilasciato il film Netflix.

Il nuovo dramma psicologico occidentale di Jane Campion, che è stato nominato per il miglior film, segue un allevatore del Montana, un gay chiuso alle prese con la sua virilità tossica, interpretato da Benedict Cumberbatch.

Elliot ha descritto Campion come un “regista fantastico” e ha detto che amava il suo lavoro precedente. Ma ha messo in dubbio il suo punto di vista.

“Cos’è… questa donna di là… Nuova Zelanda, sai del West americano?” chiese Elliot. “E perché… ha girato quel film in Nuova Zelanda e lo ha chiamato Montana e ha detto: ‘Ecco cos’era?'” “Mi ha strofinato nel modo sbagliato, amico mio.”

Elliott ha affermato che la rappresentazione comune dei cowboy americani come “uomini macho” è un “mito” e che, nella sua esperienza, allevare bestiame è un’operazione di famiglia.

Ha detto di essere appena arrivato dal Texas, “dove sono stato in giro con famiglie, non uomini, ma famiglie e famiglie grandi, lunghe, estese e multigenerazionali che si guadagnano da vivere e le loro vite ruotano attorno ai cowboy”.

Elliott ha paragonato i cowboy in “The Power of the Dog” ai ballerini di Chippendales.

READ  Philips, di proprietà della Russia, risponde all'appello di boicottaggio con una donazione ucraina

Ha detto: “Stanno correndo per l’aula senza magliette. Ci sono tutti questi riferimenti all’omosessualità durante il dannato film”.

I rappresentanti di Netflix, Campion ed Elliott non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.