Luglio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Risolvi il mistero del perché i grandi animali si estinsero 50.000 anni fa

Risolvi il mistero del perché i grandi animali si estinsero 50.000 anni fa

Gli scienziati hanno a lungo dibattuto sul perché il mammut lanoso, il bradipo gigante e altri 44 erbivori giganti si estinsero circa 50.000 anni fa.

Alcuni paleontologi, biologi e altri hanno affermato che i drastici eventi di cambiamento climatico delle ultime due ere glaciali furono responsabili dell’estinzione di queste maestose creature. Ma un nuovo studio ha trovato un colpevole diverso: gli esseri umani.

Uno studio completo che ha combinato dati paleoclimatici, campioni di DNA conservati, prove archeologiche e altro ancora ha concluso che la “predazione umana” da parte dei primi cacciatori-raccoglitori è ora la spiegazione più supportata tra tutte le prove disponibili.

“Esiste un forte e cumulativo sostegno alle pressioni comportamentali dirette e indirette da parte degli esseri umani moderni”, ha concluso il team nel loro nuovo studio.

I ricercatori hanno affermato che gli esseri umani sono stati il ​​“fattore principale” dietro l’estinzione di queste specie.

Gli scienziati hanno a lungo dibattuto sul perché il mammut lanoso, il bradipo gigante e altri 44 erbivori giganti si estinsero circa 50.000 anni fa. Sopra, un’incisione di Ernest Grace raffigurante un uomo preistorico che caccia un mammut lanoso

Gli scienziati chiamano gli animali di grandi dimensioni – definiti come qualsiasi cosa che pesa più di 99 libbre (45 chilogrammi) – “megafauna”. Il loro tasso di estinzione superiore alla media nei tempi moderni ha suscitato preoccupazione e fascino.

“La perdita ampia e altamente selettiva di megafauna negli ultimi 50.000 anni è unica rispetto a quella degli ultimi 66 milioni di anni”, secondo l’autore principale dello studio. Jeans di Christian Svenningche ricerca paleoecologia e biodiversità presso l’Università di Aarhus.

READ  SpaceX conclude un intenso fine settimana con il lancio di 22 satelliti Starlink (video)

“I periodi precedenti di cambiamento climatico non hanno portato a estinzioni grandi e selettive, il che contraddice il ruolo principale del clima nell’estinzione della megafauna”, ha osservato Svenning in una nota.

Svenning, che dirige il Centro per le dinamiche ecologiche nella nuova biosfera (ECONOVO) presso la Fondazione nazionale danese per la ricerca presso l’Università di Aarhus, ha gestito un team di altri sette ricercatori che hanno contribuito alla compilazione del nuovo studio.

Un’interessante raccolta di manufatti e prove fisiche provenienti dalla documentazione archeologica ha contribuito a rafforzare le loro conclusioni ed è stata pubblicata a marzo sulla rivista Cambridge Saws: Estinzione.

Antiche trappole, progettate da esseri umani preistorici per catturare animali estremamente grandi, così come analisi di ossa umane e resti proteici su punte di lancia recuperate, suggeriscono che i nostri antenati erano in grado di cacciare e mangiare alcuni dei più grandi mammiferi sulla Terra.

“Un altro modello importante che smentisce il ruolo del clima è che le recenti estinzioni della megafauna colpiscono tanto duramente le regioni climaticamente stabili quanto quelle instabili”, ha detto Svening.

Ma mentre la vulnerabilità della regione ai cambiamenti climatici non ha avuto alcun ruolo in queste estinzioni, lo ha fatto l’imminente migrazione dei cacciatori umani, ha scoperto il team di Svenning.

I ricercatori notano che 40 dei 48 grandi mammiferi conosciuti durante questo periodo (in alto a destra nel grafico) si estinsero, mentre solo proporzioni sempre più piccole di ciascuna classe di specie di peso inferiore si estinsero.  La riga inferiore divide questi numeri estinti per continente

I ricercatori notano che 40 dei 48 grandi mammiferi conosciuti durante questo periodo (in alto a destra nel grafico) si estinsero, mentre solo proporzioni sempre più piccole di ciascuna classe di specie di peso inferiore si estinsero. La riga inferiore divide questi numeri estinti per continente

I reperti fossili mostrano che queste grandi specie si estinsero in tempi molto diversi e a velocità molto variabili, con alcune diminuendo in numero molto rapidamente e altre in modo più graduale, in alcuni casi nell’arco di 10.000 anni o più.

READ  Rocket Lab lancia un secondo satellite climatico delle dimensioni di una scatola di scarpe per la NASA

Poche di queste estinzioni corrispondono bene ai dati climatici di questo periodo, noto come tardo Quaternario, che comprende la fine del Pleistocene, le ultime due ere glaciali e l’alba dell’Olocene 11.700 anni fa.

Ma molte di queste estinzioni erano legate all’arrivo degli esseri umani moderni nella regione.

“I primi esseri umani moderni erano cacciatori efficienti anche delle specie animali più grandi e avevano chiaramente la capacità di ridurre il numero di animali più grandi”, ha osservato Svenning.

“Questi grandi animali erano e continuano ad essere particolarmente vulnerabili allo sfruttamento eccessivo perché hanno lunghi periodi di gestazione, producono pochissimi piccoli alla volta e impiegano molti anni per raggiungere la maturità sessuale”, ha aggiunto.

L’indagine condotta dal suo team sulle estinzioni di grandi animali durante questo periodo ha rilevato che 40 dei 48 animali più grandi, che pesavano più di 2.200 libbre (1.000 kg), si estinsero.

Da lì in poi i tassi di estinzione tendono a diminuire in base alla classe di peso, suggerendo che la megafauna e gli erbivori pacifici in particolare avevano un grosso bersaglio sulla schiena.

Nei millenni più recenti, da circa 5.000 anni fa ad oggi, la restante megafauna rimane tra le specie più a rischio di estinzione a causa delle attività umane, compreso il bracconaggio e la perdita di habitat.

I ricercatori hanno citato specificamente l’estinzione globale delle specie di bufali acquatici Bubalo MefistofeleUn tipo di cavallo o equide chiamato Ekos Ovodovi e specie di primati Jonesy Imperialis.

Hanno anche lanciato l’allarme per la diminuzione del numero di gran parte della megafauna cinese, come la specie degli elefanti. Il più grande elefanteDue specie di rinoceronte Deserorinus somatrensis E Rinoceronte Sundyx E tigre tigre Tigri.

READ  Il NASA Power Hack estende ancora di più la missione di 45 anni di Voyager 2

Svenning sostiene che l’estinzione della megafauna potrebbe mettere a repentaglio interi ecosistemi, poiché queste grandi creature svolgono un ruolo importante nella dispersione dei semi, nel modellare la vegetazione attraverso le loro abitudini alimentari e nel contribuire al ciclo dei nutrienti attraverso i loro rifiuti.

“I nostri risultati evidenziano la necessità di sforzi attivi di conservazione e restauro”, ha affermato il ricercatore.

“Reintroducendo i grandi mammiferi, possiamo contribuire a ripristinare l’equilibrio ecologico e sostenere la biodiversità, che si è evoluta in ecosistemi ricchi di megafauna”, ha concluso Svenning.