Agosto 8, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Rapporto: Kushner dice nel libro che Netanyahu non era entusiasta di riconoscere Gerusalemme

Rapporto: Kushner dice nel libro che Netanyahu non era entusiasta di riconoscere Gerusalemme

Jared Kushner, genero dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, rivela in un prossimo libro che quando Trump ha deciso di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele e di trasferirvi l’ambasciata americana nel 2017, la reazione dell’allora primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu è stata decisamente tiepida , secondo sempre dritto.

Citando estratti dal libro pubblicato online da un funzionario saudita, l’outlet ha riferito che, secondo Kushner, la gentile risposta di Netanyahu ha quasi sabotato il piano.

Il libro di Kushner “Breaking History: A White House Memoir” sarà pubblicato il 23 agosto.

Secondo quanto riferito, il libro affermava che in una telefonata prima dell’annuncio ufficiale, Trump aveva informato Netanyahu della mossa, ma l’ex primo ministro aveva risposto semplicemente: “Se scegli di farlo, ti sosterrò”. Kushner ha scritto che Trump confuso, anticipando una reazione profusa, si è ripetuto, a cui Netanyahu ha risposto di nuovo con “meno entusiasmo del previsto”.

Trump ha iniziato a mettere in discussione la sua decisione… [he] Si è chiesto ad alta voce perché avrebbe corso questo rischio se il primo ministro israeliano non avesse pensato che fosse importante”, ha scritto Kushner, affermando che Trump ha detto all’ex primo ministro: “Bibi, penso che tu sia il problema”.

Netanyahu “ha risposto con calma”, spiegando che era parte della soluzione. Tuttavia, Kushner ha scritto di poter vedere che Trump era chiaramente “deluso”.

Kushner non sembrava dire perché pensava che Netanyahu avesse risposto in quel modo.

READ  Ultime notizie sulla Russia e la guerra in Ucraina

Una dichiarazione dell’ufficio di Netanyahu afferma che “contrariamente alle accuse, il primo ministro Netanyahu, che ha chiesto più volte al presidente Trump di spostare l’ambasciata, apprezza molto questa decisione.

Prima di prendere la decisione, il presidente Trump ha detto al primo ministro Netanyahu: “Alcuni della mia gente stanno dicendo che questa mossa sarebbe pericolosa per gli Stati Uniti. Qual’è la tua opinione?’ Netanyahu ha risposto che non vedeva alcun pericolo reale e non c’era motivo per non spostare l’ambasciata.

“È dubbio che l’ambasciata si sarebbe spostata se Netanyahu avesse risposto diversamente al presidente”.

Gerusalemme è stata la capitale di Israele sin dalla sua fondazione nel 1948, sebbene non fosse riconosciuta da gran parte della comunità internazionale, poiché nel piano di spartizione iniziale delle Nazioni Unite Gerusalemme doveva essere una città internazionale.

Il Consigliere Senior del Presidente degli Stati Uniti Jared Kushner (a destra) parla mentre l’Ambasciatore degli Stati Uniti in Israele David Friedman assiste alla cerimonia ufficiale di apertura dell’Ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme, 14 maggio 2018 (Yonatan Sindel/Flash90)

Trump ha formalmente riconosciuto Gerusalemme come capitale di Israele nel dicembre 2017, quando ha annunciato l’intenzione di trasferirvi l’ambasciata. Nel maggio 2018, la sua amministrazione ha inaugurato la nuova struttura, una mossa che è stata accolta con intense polemiche, sia a Washington che in Medio Oriente.

Dopo la mossa, i palestinesi, che rivendicano Gerusalemme Est come capitale del loro futuro stato, hanno interrotto i legami con Washington, descrivendo l’amministrazione Trump come prevenuta nei confronti di Israele.

A quel tempo, Trump ha affermato che la decisione è stata presa per promuovere gli interessi e la pace degli Stati Uniti nella regione e per rispetto della sovranità di Israele.

READ  Kudlow: Putin è un criminale di guerra, assassino e truffatore

Il libro di Kushner ha anche rivelato che Trump era sconvolto da un pasto prolungato di tre ore a cui ha partecipato con Netanyahu durante la sua visita nel 2017.

“È stato bello, ma ogni volta che pensavo che il pasto sarebbe finito, ne usciva un altro”, avrebbe detto Trump a Kushner, lamentandosi del fatto che l’allora primo ministro stava “parlando con il mio orecchio”.

Netanyahu e Trump hanno mantenuto un buon rapporto per tutto il loro periodo in carica, fino a quando Trump non l’ha sentito tradimento Scritto da Netanyahu Quando si è congratulato con l’attuale presidente degli Stati Uniti Joe Biden per la sua vittoria elettorale nel 2020.

Kushner è sposato con la figlia maggiore di Trump, Ivanka, e ha servito come consigliere della Casa Bianca. Ha svolto un ruolo importante nella politica mediorientale della precedente amministrazione, partecipando a una spinta diplomatica che ha portato agli Accordi di Ibrahim, un accordo di pace che ha portato Israele a stabilire relazioni diplomatiche con Emirati Arabi Uniti, Bahrain e Marocco.

Il personale di Times of Israel ha contribuito a questo rapporto.

Unisciti all’esperienza culinaria israeliana!

La cucina israeliana ha preso d’assalto il mondo. qui La tua possibilità di unirti…

La comunità di Times of Israel è lieta di presentare la sua nuova serie di cucina virtuale, Tifonedove chef di fama mondiale ti mostrano come preparare piatti israeliani classici e moderni.

Per saperne di più

Per saperne di più

sei già un membro? Accedi per non visualizzare più questo messaggio

Sei un lettore professionista

READ  Il discorso di Biden oggi: il presidente vuole che la Russia sia rimossa dal G-20, spera di visitare i rifugiati in Polonia

Ecco perché abbiamo avviato The Times of Israel dieci anni fa, per fornire ai lettori più esigenti come te una copertura imperdibile di Israele e del mondo ebraico.

Finora abbiamo una richiesta. A differenza di altre testate giornalistiche, non abbiamo messo in atto un paywall. Ma poiché il giornalismo che facciamo è costoso, invitiamo i lettori che The Times of Israel è diventato importante a sostenere il nostro lavoro unendosi a Società dei tempi di Israele.

Per un minimo di $ 6 al mese, puoi aiutare a sostenere il nostro giornalismo di qualità mentre ti godi The Times of Israel Annunci gratuiticosì come l’accesso CONTENUTI ESCLUSIVI Disponibile solo per i membri della comunità del Times of Israel.

Grazie,
David Horowitz, editore fondatore di The Times of Israel

Unisciti alla nostra comunità

Unisciti alla nostra comunità

sei già un membro? Accedi per non visualizzare più questo messaggio