Luglio 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Quincy Wilson, 16 anni, era a poche frazioni di secondo dal diventare il più giovane olimpionico americano di sempre

Quincy Wilson, 16 anni, era a poche frazioni di secondo dal diventare il più giovane olimpionico americano di sempre

EUGENE, Oregon – Quincy Wilson, un sedicenne della Bullis School fuori Washington, DC, è arrivato sesto con un tempo di 44,94 nella finale dei 400 metri di lunedì ai Campionati olimpici di atletica leggera degli Stati Uniti.

Quincy Hall ha segnato 44:17 per prendere il comando, e anche Michael Norman (44:41) e Chris Bailey (44:42) si sono guadagnati un posto nella squadra diretta a Parigi.

Sebbene Wilson non sia riuscito a far parte della squadra come corridore individuale, diventando l’uomo più giovane che abbia mai fatto ciò, avrà la possibilità di far parte della staffetta 4×400 degli Stati Uniti.

Lunedì Quincy Hall gareggerà nella finale maschile dei 400 metri a Eugene, Oregon.Patrick Smith/Getty Images

Il risultato non toglie nulla allo straordinario fine settimana dello studente delle superiori dopo aver stabilito – e poi migliorato – un record mondiale per corridori under 18 che resisteva da 42 anni.

“Non sono mai stato così felice in vita mia quando si tratta di pista”, ha detto Wilson dopo aver corso una semifinale di 44,59 secondi. “Ho lavorato per questo momento. Questo record che ho battuto due giorni fa significa che per 42 anni nessuno è riuscito a batterlo due volte in due giorni. Significa molto per me, perché significa molto il lavoro sta dando i suoi frutti.

Wilson, che ha terminato il suo secondo anno di liceo appena 19 giorni fa, ha gareggiato questa settimana con alcuni dei corridori più veloci del mondo. Vernon Norwood ha 32 anni, il doppio dell’età di Wilson. Michael Norman (26 anni) si è classificato quinto alle Olimpiadi di Tokyo.

READ  GUARDA: Jurickson Profar è stato espulso da Padres dopo aver discusso di un'importante chiamata di controllo dello swing al NLCS Game 3

Norman ha descritto la performance di Wilson come “straordinaria”.

“Un sedicenne viene qui e gareggia come un vero concorrente”, ha detto Norman. “Non lascia mai che il momento diventi troppo grande. Vive il momento e gareggia, quindi è bello vedere giovani talenti come lui farsi avanti e spingerci a correre un po’ più veloci e farci uscire dalla nostra zona di comfort. Ha un brillante futuro davanti a sé finché rimane coerente e concentrato.”

Michael Norman gareggia nella prima manche dei 400 metri maschili il primo giorno delle prove olimpiche di atletica leggera degli Stati Uniti a Eugene, Oregon, lunedì.Christian Petersen/Getty Images

Wilson, che è alto un metro e settanta e pesa 140 libbre, avrebbe potuto svanire in semifinale. Alla curva finale era al quinto posto con molto margine di recupero. A quel punto ha detto che “il piano di gara è andato in fumo” e ha dovuto scavare a fondo.

“Stai calmo”, si disse in quel momento. “Non sono uscito come volevo, ma come ha detto il mio allenatore, la gara inizia a 300 metri, passare dal quinto al terzo significa molto. Se mi guardi, non sono forte, quindi sono 100 % cuore dentro.