Febbraio 2, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Questo è quello spettacolo degli anni ’90: recensione della prima stagione

Questo spettacolo degli anni ’90 è ora in streaming su Netflix.

In un’epoca di riavvii, revival e sequel di amati classici, That ’70s Show – trasmesso dal 1998 al 2006 – è rinato e, a differenza del tentativo fallito di quello show degli anni ’80, questo show degli anni ’90 ha successo come continuazione del storia della famiglia Foreman a Point Place, Wisconsin, anche se a volte si basa molto sul suo predecessore.

Ambientato 15 anni dopo la fine di That ’70s Show, questo show degli anni ’90 vede Eric Foreman (Topher Grace) e Donna Pinciotti (Laura Prepon) felicemente sposati a Chicago e genitori di una goffa giovane adulta di nome Leah (Kale Haverda). Visitano i genitori di Eric – Kitty (Debra Jo Rupp) e Red (Kurtwood Smith) – a Point Place, Wisconsin, il 4 luglio prima che Eric e Leah vadano al campo spaziale padre-figlia. Ma dopo aver stretto un legame con “riot grrrl” – Gwen della porta accanto (Ashley Aufderheide) e le sue amiche, Leah chiede di trascorrere il resto dell’estate con i suoi nonni. I suoi nuovi amici al piano di sotto sono l’amante della musica grunge Gwen; Il fratellastro di Gwen Hembaugh, Nate (Maxwell Assey Donovan); la sua ragazza controllante e intelligente Nikki (Sam Morelos); il cinico realista Ozzie (Ren Dui); E il carismatico calciatore Jay Kelso (Miss Coronel) — sì, figlio di Michael (Ashton Kutcher) e Jackie Kelso (Mila Kunis).

Questo spettacolo degli anni ’90 mantiene lo stesso aspetto e lo stesso stato d’animo della serie originale. I bambini trascorrono l’estate facendo whoops casuali, dalla partecipazione a un rave party al ritiro di roba gratis da Pennysaver alle loro discussioni esilaranti e profonde mentre si sballano. Leia è simpatica come una tappezzeria, fondamentalmente la versione femminile di suo padre adolescente. Nate e Nikki, come Michael Kelso e Jackie, sono la coppia superficiale e non corrispondente. Ozzie è l’eccentrico ragazzo asiatico che vive nel Wisconsin che è paragonabile a Fez (Wilmer Valderrama), anch’egli visto come eccentrico. Gwen è ribelle quanto il migliore amico di Eric, Stephen Hyde (Danny Masterson). E Jay è una versione stupida di Donna, l’interesse amoroso. Se la formula ha funzionato prima, dovrebbe funzionare di nuovo, giusto? In una certa misura, certo. I personaggi sono individualmente comici, specialmente Ozzie, le cui personalità sarcastiche sono divertenti, ma come gruppo mancano della chimica che sta alla base del dramma della loro relazione. Fino al finale di stagione, che si è concluso con uno shock emotivo, è sembrato piatto e non guadagnato.

READ  La coppia reale britannica intraprende un tour dei Caraibi dopo aver protestato in Belize

Lo spettacolo continua bene gli anni ’90 con la sua musica e i simpatici appelli a Glamour Shots, boy band a sorpresa, Blockbuster e persino al film Clerks, portando a un momento esilarante in cui Leah, che non ha mai visto Clerks, inventa di essere il film preferito e Kevin Smith’s era “così eccitante”. È anche divertente vedere Red e Kitty adattarsi alla società in continua evoluzione con la loro introduzione a Internet. Kitty crede, a un certo punto, che il governo possa sentire tutto attraverso un computer. Sussurragli: “Ti ho amato ad Arsenio, Bill”, riferendosi all’allora presidente, Bill Clinton, nel talk show degli anni ’90 The Arsenio Hall Show.

La catena funziona davvero grazie al suo tessuto connettivo con l’originale con la comparsa di Kitty, Red, Fez e molti altri cameo. I fan di That ’70s Show possono aspettarsi un sacco di gag e easter egg, con l’episodio pilota in particolare assolutamente ricco di riferimenti. Sarà sicuramente un piacere per coloro che si chiedono cosa sia successo agli amati personaggi tranne Hyde (a causa dei problemi legali di Masterson). Rupp, Smith e Valderrama tornano ai loro ruoli come se il tempo non fosse passato, con Valderrama che ruba ogni scena in cui si trova. Sebbene sia divertente vedere alcuni dei personaggi familiari e inaspettati della serie, i nuovi arrivati ​​potrebbero non capire le battute interne o la sua commedia. Ad esempio, diversi cameo di Leo (l’icona degli anni ’70 Tommy Chung) avevano senso in That ’70s Show, ma alcuni spettatori oggi non capirebbero il suo ruolo nella serie come qualcosa di diverso da un hippie con ostruzionismo.

Questo spettacolo degli anni ’90 è al suo meglio quando le sue gag si riferiscono alla serie originale, in particolare con il circuito alto e con Red e Kitty. Ma questo dà molto peso ai membri del cast più anziani quando lo spettacolo dovrebbe concentrarsi sui ragazzi di oggi – o in questo caso, i ragazzi degli anni ’90. Ciò non significa che se gli viene assegnata una seconda stagione, non possono migliorare sotto questo aspetto. I personaggi adolescenti hanno il potenziale per essere migliori dei loro predecessori, ma il nepotismo può portarti così lontano.