Novembre 28, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Putin ha incontrato proteste di piazza durante la sua visita in Armenia

Putin ha incontrato proteste di piazza durante la sua visita in Armenia

Yerevan, Armenia – Il presidente russo Vladimir Putin è stato accolto mercoledì da manifestazioni di piazza nella capitale di questa nazione del Caucaso meridionale senza sbocco sul mare quando è arrivato per colloqui con i membri di un’alleanza militare guidata da Mosca.

Centinaia di armeni e immigrati russi hanno partecipato a manifestazioni di due giorni nel centro di Yerevan per protestare contro la visita di Putin, lanciando slogan tra cui “Putin è un assassino” e “No alla guerra”.

“Dobbiamo dimostrare che non tutti i russi lo supportano”, ha detto Sergey, un lavoratore IT che si è recentemente trasferito a Yerevan, mentre prendeva parte a una manifestazione contro la guerra in Ucraina.

La chiassosa accoglienza per Putin nel suo primo viaggio in Armenia dal 2019 arriva mentre le battute d’arresto militari in Ucraina fanno apparire il leader russo sempre più isolato sulla scena mondiale e mentre la Russia fatica persino a mantenere l’influenza nei paesi dell’ex Unione Sovietica. Asia centrale e il Caucaso.

Mentre si trovava nella capitale armena, Putin ha partecipato a un vertice dei capi di stato dell’Organizzazione del trattato di sicurezza collettiva (CSTO) – un blocco militare che comprende Russia, Armenia, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan e Tagikistan – e avrebbe dovuto incontrare il primo ministro armeno Nicola. Pashinyan.

“È chiaro per noi che il nostro lavoro congiunto nel quadro dell’Organizzazione del trattato di sicurezza collettiva porta chiari risultati pratici e aiuta a proteggere gli interessi nazionali, la sovranità e l’indipendenza dei nostri paesi”, ha affermato Putin. Egli ha detto nell’assemblea.

Tuttavia, Pashinyan ha usato il suo discorso di benvenuto per attaccare la coalizione CSTO per la sua inerzia nel conflitto in corso tra Armenia e Azerbaigian.

READ  Il Canada alleggerirà i requisiti di viaggio con il calo dei casi di COVID

Ivan Lomakin

“Finora non siamo riusciti a decidere sulla reazione dell’Organizzazione del trattato di sicurezza collettiva all’aggressione dell’Azerbaigian contro l’Armenia”, ha detto Pashinyan.

“Questi fatti danneggiano gravemente l’immagine dell’Organizzazione del trattato di sicurezza collettiva”.

Al di fuori dell’incontro, armeni e russi contro la guerra che si sono trasferiti in Armenia hanno tenuto almeno tre manifestazioni per protestare contro la visita di Putin, il sostegno russo al vicino Azerbaigian e la guerra in Ucraina.

Molti armeni incolpano Mosca – che una volta consideravano uno stretto alleato – per quello che vedono come il suo fallimento nell’aiutare Yerevan nel suo conflitto con Baku.

“La Russia ha promesso di proteggerci, ma ha fatto il contrario”, ha detto martedì notte Yuri Tatevasyan, 64 anni, al Moscow Times durante una manifestazione nella capitale armena.

Tatevasian ha aggiunto: “Non abbiamo nulla contro il popolo russo, ma non vogliamo essere schiavi del Cremlino”.

“Vogliamo che l’Armenia sia un paese libero e democratico”.

Ivan Lomakin
Ivan Lomakin

Putin ha fatto pochi viaggi all’estero dall’inizio della guerra di nove mesi della Russia in Ucraina, che è stata criticata dall’Occidente e da organismi internazionali, tra cui Nazioni Unite.

Il leader russo all’inizio di questo mese ha rifiutato di partecipare a una riunione del Gruppo delle 20 principali nazioni industriali, dove i leader mondiali erano “fortemente condannato la guerra.”

Putin ha perso il suo status di “primo tra pari” alle riunioni della CSTO sulla guerra in Ucraina, secondo Andrei Kolesnikov, membro anziano del Carnegie Endowment for International Peace, sebbene i leader regionali rimangano diffidenti nei confronti del Cremlino.

“Anche i membri della CSTO hanno paura della Russia di Putin”, ha aggiunto Kolesnikov.

READ  Aggiornamenti sul tifone Hinnamnor: la tempesta si dirige verso il mare dopo aver affondato la Corea

Con la Russia che svolge un ruolo chiave di mediazione nel conflitto di lunga data tra Armenia e Azerbaigian, Yerevan è desiderosa di assicurarsi il sostegno del Cremlino.

Sessione CSTO Vladimir Smirnov / Tass / Il Cremlino
Sessione CSTO
Vladimir Smirnov / TASS / Il Cremlino

L’Armenia e l’Azerbaigian hanno combattuto due guerre per la regione del Nagorno-Karabakh popolata a maggioranza armena dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica. Sei settimane di combattimenti nell’autunno del 2020 hanno causato la morte di oltre 6.500 soldati di entrambe le parti e si sono concluse con una tregua mediata dalla Russia.

“Dobbiamo tenere presente che le forze di pace russe sono garanti della sicurezza”, ha detto al Moscow Times l’ex deputato armeno Arman Abovyan.

Anche gli emigranti russi che hanno protestato contro la visita di Putin questa settimana sapevano che Yerevan non poteva permettersi di alienarsi il leader russo.

“Putin è ancora il benvenuto in Armenia, a differenza di molti paesi”, ha detto al Moscow Times Sergei, che ha rifiutato di fornire il suo cognome.

“L’Armenia non vuole litigare con le autorità russe”.

AFP ha contribuito al rapporto.