Agosto 14, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Politica cinese senza Covid: la censura ripulisce Internet dopo il discorso di un alto funzionario sulla cronologia di Pechino

Politica cinese senza Covid: la censura ripulisce Internet dopo il discorso di un alto funzionario sulla cronologia di Pechino



CNN

Gli osservatori cinesi si sono affrettati a cancellare quella che sembrava essere una citazione fuorviante di un alto funzionario del Partito Comunista pubblicato lunedì sui media statali, che affermava che “zero covidRimarrà la politica in vigore a Pechino “per i prossimi cinque anni”, nel tentativo di domare il contraccolpo online.

Il Beijing Daily, il quotidiano ufficiale del Partito Comunista della capitale cinese, ha riferito in precedenza che il capo del partito cittadino, Cai Zhi, ha dichiarato lunedì che “nei prossimi cinque anni, Pechino attuerà risolutamente le misure di controllo dell’epidemia di Covid-19 e sostenere il principio della “politica zero-Covid per impedire l’arrivo di casi importati e il rimbalzo delle questioni interne.

Il riferimento di Tsai, stretto alleato del presidente cinese Xi Jinping, ai “prossimi cinque anni” ha scatenato una massiccia reazione sui social media cinesi. In risposta, il Beijing Daily ha rimosso la linea, definendolo un “errore di modifica” pur lasciando intatte le sue altre osservazioni sui controlli dell’epidemia.

La CNN ha esaminato l’intero discorso e, sebbene la citazione pubblicata dal Beijing Daily fosse fuorviante, Tsai ha discusso a lungo della possibilità di mantenere politiche non Covid-19 nella capitale nel prossimo quinquennio.

I controlli sull’epidemia che rimarranno in vigore includono test PCR di routine, regole di ingresso rigorose, controlli sanitari regolari nei quartieri residenziali e nei luoghi pubblici, nonché un rigoroso monitoraggio e test delle persone che entrano e escono da Pechino, secondo quanto affermato dai media statali.

“Dovrei riconsiderare se dovrei continuare a rimanere a Pechino a lungo termine”, ha scritto un utente su Weibo, la piattaforma cinese simile a Twitter.

Un altro utente ha detto “nei prossimi cinque anni… che senso ha anche sopravvivere”.

Da allora, Weibo ha bandito l’hashtag “per i prossimi cinque anni” dalla sua piattaforma.

All’inizio di maggio, Xi ha raddoppiato la politica zero-Covid in una riunione del Comitato permanente del Politburo, il massimo organo decisionale del Paese, ordinando ai funzionari e a tutti i settori della società di attenersi alle “decisioni e ai piani” del comando.

L’ambasciatore degli Stati Uniti in Cina Nicholas Burns ha dichiarato in un evento online della Brookings Institution il 16 giugno che si aspettava che la Cina mantenga la sua politica di non proliferazione fino ai “primi mesi del 2023”, sulla base delle indicazioni del governo cinese.

Per mesi, le città di tutta la Cina, comprese Pechino e Shanghai, sono state poste sotto blocco totale o parziale a causa di una rigida politica zero-Covid, che ha devastato l’attività economica e danneggiato il mercato del lavoro. A maggio, il tasso di disoccupazione per le persone tra i 16 ei 24 anni ha raggiunto il massimo storico del 18,4%.

La Cina continua a bloccare intere comunità e città in un piccolo numero di casi di Covid. Tutti i casi positivi e i contatti stretti vengono inviati alla quarantena del governo.

La Cina ha segnalato 23 casi locali di Covid-19 a livello nazionale domenica, e Pechino e Shanghai ne hanno registrati quattro ciascuno, secondo la Commissione sanitaria nazionale del paese.

READ  Tensioni Usa-Cina, l'improvviso ritiro di Kiribati getta un'ombra sull'incontro dei leader del Pacifico