Luglio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Più di 550 pellegrini sono morti alla Mecca a causa del caldo estremo che si avvicinava ai 52 gradi

Più di 550 pellegrini sono morti alla Mecca a causa del caldo estremo che si avvicinava ai 52 gradi

Questi nuovi decessi portano il numero totale dei decessi segnalati finora da diversi paesi a 577, secondo un conteggio dell’Agence France-Presse.

Gerusalemme:

I diplomatici hanno detto martedì che almeno 550 pellegrini sono morti durante l’Hajj, sottolineando la natura estenuante del pellegrinaggio, che anche quest’anno si è svolto a temperature soffocanti.

Due diplomatici arabi che coordinano le risposte dei loro paesi hanno detto all’AFP che almeno 323 di coloro che sono morti erano egiziani, la maggior parte dei quali sono morti per malattie legate al caldo.

“Tutti loro (gli egiziani) sono morti a causa del caldo”, ha detto uno dei diplomatici, tranne uno che è stato ferito a morte durante una semplice fuga tra una folla di persone, aggiungendo che il numero totale proveniva dall’obitorio dell’ospedale di Al -Quartiere Muaisem alla Mecca.

I diplomatici hanno detto che almeno 60 giordani sono stati uccisi, in aumento rispetto al bilancio ufficiale annunciato martedì da Amman, che era di 41 morti.

Questi nuovi decessi portano il numero totale dei decessi segnalati finora da diversi paesi a 577, secondo un conteggio dell’Agence France-Presse.

I diplomatici hanno affermato che il numero totale dei corpi nell’obitorio di Al-Muaisem, uno dei più grandi della Mecca, ha raggiunto i 550 corpi.

L’Hajj è uno dei cinque pilastri dell’Islam e tutti i musulmani che ne hanno i mezzi devono compierlo almeno una volta.

L’Hajj è sempre più influenzato dai cambiamenti climatici, secondo uno studio saudita pubblicato il mese scorso, secondo cui le temperature nella regione in cui si tiene il rituale aumentano di 0,4 gradi Celsius (0,72 gradi Fahrenheit) ogni decennio.

READ  Gli Stati Uniti vincono la causa per il sequestro di uno yacht di lusso russo alle Fiji, salpa

Il Centro meteorologico nazionale saudita ha dichiarato che lunedì la temperatura ha raggiunto i 51,8 gradi Celsius (125 Fahrenheit) nella Grande Moschea della Mecca.

Stress da caldo

Martedì scorso, il ministero degli Esteri egiziano ha affermato che il Cairo sta collaborando con le autorità saudite nella ricerca degli egiziani scomparsi durante la stagione dell’Hajj.

Anche se una dichiarazione del ministero affermava che c’era stato “un certo numero di morti”, non specificava se gli egiziani fossero tra questi.

Le autorità saudite hanno riferito di aver curato più di 2.000 pellegrini colpiti da colpi di calore, ma non hanno aggiornato quel numero da domenica e non hanno fornito informazioni sui decessi.

Diversi paesi hanno segnalato la morte di almeno 240 pellegrini lo scorso anno, la maggior parte dei quali indonesiani.

Lunedì i giornalisti dell’AFP a Mina, fuori La Mecca, hanno visto i pellegrini versarsi bottiglie d’acqua in testa mentre i volontari distribuivano bevande fredde e gelato al cioccolato istantaneo per aiutarli a rimanere freschi.

Le autorità saudite hanno consigliato ai pellegrini di usare gli ombrelli, bere molta acqua ed evitare l’esposizione al sole durante le ore più calde della giornata.

Ma molti rituali dell’Hajj, comprese le preghiere sul Monte Arafat tenutesi il sabato, prevedono di stare all’aperto per ore durante il giorno.

Alcuni pellegrini hanno riferito di aver visto corpi immobili sul lato della strada, e i servizi di ambulanza a volte sembravano sopraffatti.

Secondo le autorità saudite quest’anno hanno partecipato ai rituali dell’Hajj circa 1,8 milioni di pellegrini, di cui 1,6 milioni provenienti dall’estero.

Pellegrini non registrati

Ogni anno, decine di migliaia di pellegrini tentano di compiere l’Hajj attraverso canali irregolari perché non possono permettersi le procedure, spesso costose, per ottenere i visti ufficiali dell’Hajj.

READ  3 fratelli vivono nell'entroterra australiano per 55 ore dopo che un incidente automobilistico ha ucciso i loro genitori

Ciò mette a rischio i pellegrini non registrati perché non possono accedere alle strutture climatizzate fornite dalle autorità saudite lungo il percorso dell’Hajj.

Un diplomatico che ha parlato martedì con l’AFP ha detto che il bilancio delle vittime egiziane è “certamente” aumentato a causa del gran numero di pellegrini egiziani non registrati.

Un funzionario egiziano che supervisionava la delegazione dell’Hajj nel paese ha dichiarato: “I pellegrini irregolari hanno causato un grande caos nei campi dei pellegrini egiziani, che ha portato al collasso dei servizi”.

“I pellegrini sono rimasti senza cibo, acqua e aria condizionata per molto tempo”.

Sono morti “per il caldo perché la maggior parte delle persone non aveva un posto” dove rifugiarsi.

All’inizio di questo mese, i funzionari sauditi hanno affermato di aver evacuato centinaia di migliaia di pellegrini non registrati dalla Mecca prima di celebrare l’Hajj.

Altri paesi che hanno segnalato morti durante la stagione dell’Hajj di quest’anno includono Indonesia, Iran e Senegal.

La maggior parte dei paesi non ha specificato il numero di decessi legati al caldo.

Il ministro della Sanità saudita Fahd bin Abdul Rahman Al-Jalajel ha dichiarato martedì che i piani sanitari per l’Hajj sono stati “implementati con successo”, prevenendo gravi epidemie e altre minacce alla salute pubblica, ha riferito l’agenzia di stampa ufficiale saudita.

L’agenzia di stampa saudita ha affermato che i funzionari sanitari “hanno fornito consultazioni virtuali a più di 5.800 pellegrini, in particolare per quanto riguarda le malattie legate al caldo, consentendo un intervento immediato e mitigando la possibilità di un aumento dei casi”.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

READ  Il sindaco afferma che l'immigrazione occidentale potrebbe costare 200.000 posti di lavoro a Mosca