Luglio 14, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Perché Jonathan Kuminga lasciare la panchina dei Warriors è la mossa giusta in questo momento: NBC Sports Bay Area e CA

Perché Jonathan Kuminga lasciare la panchina dei Warriors è la mossa giusta in questo momento: NBC Sports Bay Area e CA

SAN FRANCISCO – Il Chase Center era un ambiente a basso stress per i Warriors nel tardo pomeriggio di domenica. Hanno già deciso di mettere Stephen Curry contro una pessima squadra degli Utah Jazz, e un posto nella partita del campionato NBA è bloccato prima della palla a due.

I Warriors hanno vinto sui Jazz, 118-110. La partita non è stata equilibrata, ma ha rappresentato l'occasione perfetta per facilitare il ritorno in campo di Jonathan Kuminga.

Kuminga era il playmaker titolare della squadra prima di saltare sei partite a causa di una tendinite al tendine del ginocchio, ma in sua assenza i Warriors vengono battuti 5-1. Pertanto, l'allenatore Steve Kerr ha deciso che Kuminga sarebbe uscito dalla panchina al suo ritorno.

Con Andrew Wiggins e Curry in disparte, Kerr ha installato Brandin Podzemski e Chris Paul come titolari insieme a Trayce Jackson-Davis, Draymond Green e Klay Thompson.

“La decisione di avviare Branden si è basata sui gruppi”, ha detto Kerr. “Con Steph fuori, vogliamo continuare a schierare Draymond e Trice per ragioni difensive. Sembrava una combinazione migliore se avessimo schierato Branden e avessimo Jonathan in panchina.

Kuminga rispose come avevano desiderato i guerrieri. È entrato in campo con 6:14 rimanenti nel primo quarto ed è subito andato in attacco, correndo costantemente su e giù per il campo. Era energico, produttivo ed efficiente.

“JK ha fatto un ottimo lavoro stasera”, ha detto Kerr. “Sembrava elastico e forte. L'ho visto allenarsi ieri e si stava allenando alla grande.”

Con 21 punti in 27 minuti, Kuminga sembrava un uomo determinato a dimostrare che le sue ginocchia erano in buona forma e che voleva riconquistare il suo posto nella formazione titolare.

READ  Benvenuto al Mullet Stadium con la storia delle squadre NHL che giocano in luoghi esotici

Non c’è motivo in questo momento di credere che lo farà. O dovrebbe.

La migliore formazione titolare dei Warriors non include Kuminga. Con Jackson Davis al centro e Green Wiggins in attacco, con Thompson che si unisce a Curry nella zona di difesa, forniscono il livello di difesa interna necessario per mantenerli nella maggior parte delle partite.

“Portare Jonathan fuori dalla panchina, guardarlo correre sul campo e attaccare il canestro, è una grande dinamica quando sei in panchina”, ha detto Kerr. “Ma dovremo vedere. Quando Steph tornerà, dovremo trovare esattamente come vogliamo farlo, perché sai che ci siamo sentiti davvero bene con JK che ha giocato circa 30 partite di fila, con Draymond al numero 1. 5.”

“Ma visto quello che è successo nelle ultime due settimane, voglio continuare a titolare Trayce. Se JK esce dalla panchina e gioca come ha giocato stasera, bene. Troveremo una soluzione”.

Allora, cosa fare con Kuminga? Può fornire la carica che Klay Thompson ha fornito durante il suo mese come riserva. Sono sicuramente due giocatori diversi, ma entrambi hanno la capacità di pretendere molta attenzione dalla difesa avversaria.

È stata la sesta partita consecutiva da 20 punti di Kuminga uscendo dalla panchina. È capace. Sembrava che non gli importasse.

“Non ero preoccupato di salire in panchina”, ha detto Kuminga. “È come dice sempre l'allenatore, non importa. Finché esci e dai il massimo, sarai lì”.

“Ero più interessato ad andare là fuori e ad avere un impatto sulla vittoria.”

I 21 punti di Kuminga sono arrivati ​​con 9 su 11 tiri dal campo, con un mix impressionante di sorprendente e banale. I suoi quattro assist sono stati apprezzati, ma forse il dato statistico più divertente sono stati i 10 rimbalzi della squadra.

READ  Risultati della lotteria del Draft NBA 2022: Magic prende la prima scelta assoluta, Thunder Land seconda, Kings salta tra i primi quattro

Ciò è degno di nota perché il rimbalzo è stato l'aspetto meno coerente del gioco di Kuminga. Lo sa perché lo ha sentito dai suoi allenatori e compagni di squadra.

Avrà minuti, non importa come o quando. La panchina è la scelta giusta, almeno per ora.

Scarica e segui il podcast Dubs Talk