Luglio 15, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Ora rilasciato, un ostaggio israeliano descrive “l’inferno” di un terribile attacco di Hamas

Ora rilasciato, un ostaggio israeliano descrive “l’inferno” di un terribile attacco di Hamas

Suo marito, Oded, 83 anni, rimane in ostaggio a Gaza.

Lifshitz, membro del Kibbutz Nir Oz, era tra gli oltre 200 israeliani e stranieri catturati dopo che militanti di Hamas pesantemente armati avevano violato la recinzione di confine multimiliardaria di Israele e si erano diffusi nel sud di Israele, invadendo quasi due dozzine di comunità, basi militari e il deserto. Delirio. Più di 1.400 persone morirono nelle successive uccisioni di massa, che continuarono per tutta la giornata.

L’esercito israeliano ha lanciato una guerra devastante contro Gaza nel tentativo di schiacciare Hamas e i suoi attacchi aerei su Gaza dopo l’attacco del 7 ottobre che ha ucciso più di 5.000 persone, secondo il Ministero della Sanità di Gaza guidato da Hamas. Ha detto che i rapitori di Lifshitz l’hanno spinta su una motocicletta, le hanno tolto l’orologio e i gioielli e l’hanno picchiata con dei bastoni, ferendole le costole e rendendole difficile respirare.

Una volta a Gaza, ha camminato per diversi chilometri fino a raggiungere una rete di tunnel che ha descritto come “simili alla tela di un ragno”. Arrivò in una grande stanza dove venivano portate 25 persone, ma successivamente furono separate in un gruppo più piccolo con altre quattro.

“Le persone incaricate di custodirlo ci hanno detto che sono persone che credono nel Corano e non ci faranno del male”.

Lifshitz ha detto che i prigionieri vengono trattati bene e ricevono cure mediche, compresi i farmaci. Ha detto che le guardie tenevano il posto pulito. Ha detto che agli ostaggi veniva dato un pasto al giorno a base di formaggio, cetriolo e pita, aggiungendo che i suoi rapitori mangiavano la stessa cosa.

READ  Terremoto Taiwan: allerta tsunami dopo terremoto di magnitudo 6,9

Lifshitz e suo marito erano attivisti pacifisti che trasportavano regolarmente pazienti palestinesi da Gaza per cure mediche negli ospedali israeliani. Ma durante la prigionia, gli ostaggi hanno detto ai loro rapitori: “Non vogliamo parlare di politica”.

Lifshitz e Cooper furono la seconda coppia di ostaggi ad essere liberata. Venerdì Hamas ha rilasciato due donne americano-israeliane di Evanston, Illinois. Il governo israeliano ha affermato che il ritorno sicuro di tutti gli ostaggi è la massima priorità.

Lifshitz ha detto che Israele ha ignorato gli avvertimenti che qualcosa era in corso prima dell’attacco.

“Siamo diventati il ​​capro espiatorio del governo”, ha aggiunto. “Essi [Hamas] Ci hanno avvertito tre settimane fa di darci una lezione. Una grande folla raggiunse la strada. Hanno bruciato i campi. “Hanno inviato palloncini incendiari per bruciare i campi e l’esercito non ha preso la cosa sul serio”.