Dicembre 9, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

‘Non eravamo pronti per questo’: obitorio della regione di Kiev al punto di rottura | Ucraina

TIl suo primo corpo è arrivato alla fine di febbraio, pochi giorni dopo l’invasione russa di Ucraina sembrare. Il giorno dopo, altri due. All’inizio di marzo, l’obitorio alla periferia di Kiev non aveva più spazio per i morti, che arrivavano ogni giorno con decine di morti dalle città di Bucha e Borodinka – all’epoca era occupato dalle truppe russe.

Quando il ritiro di Mosca dalle aree a nord della capitale all’inizio di aprile ha messo in luce la brutalità delle fosse comuni, con centinaia di corpi di civili sepolti in quartieri residenziali, ogni camera mortuaria in Kiev La zona era già sull’orlo del collasso.

Oggi, a più di due mesi dall’inizio della guerra, i cadaveri vengono stipati in camion refrigerati davanti agli obitori, mentre le autorità lottano per far fronte al bilancio delle vittime.

Personale mortuario all'interno di un camion che immagazzina i cadaveri.
Personale mortuario all’interno di un camion che immagazzina i cadaveri. Foto: Alessio Mamo/The Guardian

Non eravamo preparati per questo”, ha detto un medico legale di un villaggio a pochi chilometri dalla capitale. “Nessuno avrebbe immaginato che sarebbe arrivato così lontano”.

I sopravvissuti di Bucha, Borodinka, Irpin e Hostomil, dove i russi sono accusati di crimini di guerra contro civili, non si sono fermati a celebrare la loro liberazione e hanno subito iniziato a contare e identificare i loro morti. Ogni giorno decine di persone ora si avvicinano ai camion frigo per apporre i nomi dei loro cari sui corpi chiusi in sacchi neri e accatastati uno sopra l’altro.

“A partire da domenica, nella sola regione di Kiev sono stati recuperati 1.123 corpi, tra cui 35 bambini”, ha affermato Oleh Tkalenko, procuratore della regione di Kiev. Questi sono i corpi che abbiamo recuperato dalle fosse comuni o trovati nelle strade. Abbiamo trovato persone che sono state brutalizzate. Tutti i 1.123 casi sono documentati ed esaminati dagli investigatori. E ogni giorno continuiamo a scoprire più corpi. Non posso fornire informazioni più accurate perché ci sono migliaia di rapporti che vengono scritti”.

Vladislav Perovsky, un medico legale ucraino che, insieme a un team di investigatori forensi, ha condotto dozzine di autopsie su persone di Bucha, Irpin e Borodinka morte durante l’occupazione russa della regione durata un mese, spiega che il processo di identificazione dei corpi è complicato per lo stato di decomposizione dei corpi rinvenuti, nelle fosse comuni e per l’alto livello di brutalità cui sono sottoposte le vittime anche dopo essere state uccise.

Racconta di persone che sono state uccise e poi schiacciate dai carri armati. “Ci sono così tanti corpi carbonizzati e mutilati che è impossibile identificare”, ha detto. “Una faccia può essere fatta a pezzi. Non puoi rimetterla insieme. A volte, non c’è affatto la testa. “

La sua squadra, che lavora in una camera mortuaria la cui identità non può essere determinata per motivi di sicurezza, sta esaminando circa 15 corpi al giorno, molti dei quali mutilati.

Una vecchia coppia si avvicina alle porte posteriori di un’auto. Con le lacrime passano l’identificazione della vittima agli uomini in piedi all’interno della roulotte tra almeno 30 corpi. Era il loro figlio che prestava servizio nella resistenza civile. La coppia dice di essere stato tradito da una donna quando i soldati russi hanno occupato la loro città alla periferia della capitale e stavano dando la caccia a combattenti ed ex soldati ucraini che hanno preso parte alla guerra nel Donbass.

Nella nuova sezione del cimitero di Erben sono sepolte le vittime della guerra.
Nella nuova sezione del cimitero di Erben sono sepolte le vittime della guerra. Fotografia: Alessio Mamo/The Guardian

Il loro figlio era uno di loro. I russi lo arrestarono, lo torturarono, gli ruppero braccia e gambe e gli misero un sacchetto di plastica sulla testa. Poi gli hanno sparato alla testa e hanno scaricato il suo corpo sul ciglio della strada. Il suo corpo è rimasto lì per giorni finché i volontari non lo hanno trovato.

Quando gli uomini all’interno dell’auto le mostrano il corpo di suo figlio, la donna scoppia in grida e grida insopportabili, maledicendo i soldati russi, augurando loro la stessa sorte.

Il tatuaggio sulla spalla è l’unico segno distintivo di un corpo quasi irriconoscibile, caratterizzato da decomposizione e brutalità. Quando la donna la vede, annuisce con la testa e l’accompagna piangendo.

Prima che il suo corpo possa essere sepolto, deve prima essere esaminato dalla squadra di Perovsky, che, insieme a 18 esperti del dipartimento forense della Gendarmeria nazionale francese, ha iniziato a documentare il terrore inflitto ai civili durante il mese di occupazione.

Iscriviti alla 1a edizione, la nostra newsletter giornaliera gratuita – ogni mattina nei giorni feriali alle 7:00

“Stiamo vedendo molti corpi mutilati”, ha detto Perovsky. “Molti di loro avevano le mani legate dietro la schiena e colpi di arma da fuoco alla testa da dietro. C’erano anche casi di fuoco automatico, come da sei a otto buchi nella schiena delle vittime. Abbiamo diversi casi di bombe a grappolo incorporate nei corpi delle vittime”.

La Russia ha ripetutamente negato di prendere di mira i civili e ha affermato che le accuse ucraine e occidentali di crimini di guerra sono state fabbricate. Le prove di morte e distruzione nelle aree occupate dalle forze russe sembrano suggerire il contrario.

READ  Dalla Russia con soldi: la Georgia prospera mentre i russi fuggono dalla guerra di Putin