Luglio 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Nigel Farage è stato criticato per aver affermato che è stato l’Occidente a provocare la guerra in Ucraina

Nigel Farage è stato criticato per aver affermato che è stato l’Occidente a provocare la guerra in Ucraina

Spiegazione video, Nigel Farage: Abbiamo provocato la guerra in Ucraina

  • autore, Becky Morton
  • Ruolo, Reporter politico

Nigel Farage è stato criticato per aver insinuato che l’Occidente avesse “provocato” l’invasione russa dell’Ucraina espandendo l’alleanza militare UE-NATO verso est.

Il leader riformista britannico ha dichiarato alla BBC che la guerra è stata “ovviamente” colpa del presidente Vladimir Putin.

Ma ha aggiunto che l’allargamento dell’Unione Europea e della NATO gli ha dato una “ragione” per dire al popolo russo che “stanno venendo di nuovo a prenderci”.

L’ex segretario conservatore della Difesa Ben Wallace, che non si candiderà alle elezioni, ha detto al programma Today di BBC Radio 4 che Farage era come un “pub noioso che incontravamo tutti in fondo al pub”.

Il ministro dell’Interno conservatore James Cleverly ha detto che Farage stava facendo eco alla “spregevole giustificazione” di Putin per la guerra, e il partito laburista lo ha descritto come “inadatto” a qualsiasi carica politica.

L’ex leader dell’UKIP ha poi affermato di essere una delle “poche figure” che sono state “coerenti e oneste” sulla questione.

“Ho detto che non mi piaceva come persona, ma lo ammiravo come attore politico perché è riuscito a controllare l’amministrazione della Russia”, ha detto Farage.

Farage ha affermato di aver sostenuto fin dagli anni ’90 che la “continua espansione verso est” della NATO e dell’Unione Europea ha dato al presidente Putin “una ragione per agire”. [give to] “Il suo popolo russo dice che verranno di nuovo per noi e andranno in guerra.”

Ha aggiunto: “Abbiamo provocato questa guerra, certo che lo è [President Putin’s] difetto.”

Wallace – che ha supervisionato la risposta del Regno Unito all’invasione russa dell’Ucraina nel 2022 – ha affermato che Farage è “un po’ come quel pub che tutti abbiamo incontrato in fondo al pub” e spesso dà “risposte eccessivamente semplificate” a domande complesse. i problemi.

Ha anche detto che il leader riformista del Regno Unito aveva “costantemente torto” sulla questione, aggiungendo: “Putin non sta davvero invadendo l’Ucraina a causa dell’espansione della NATO”.

Wallace ha sottolineato che un articolo di 7.000 parole scritto dal leader russo prima dell’inizio dell’invasione – e che in seguito è stato visto come un’esposizione delle ragioni per cui aveva iniziato la guerra – menzionava la NATO solo in un paragrafo.

Il portavoce della difesa del partito laburista, John Healey, ha detto che i commenti di Farage lo rendono “inadatto a qualsiasi carica politica nel nostro paese, per non parlare di guidare un partito serio in Parlamento”.

L’ex segretario generale della NATO Lord Robertson ha accusato Farage di “imitare la linea del Cremlino” e di “offrire nuove scuse per l’attacco brutale e immotivato”.

Durante l’intervista, il leader riformista del Regno Unito ha affermato che Lord Robertson era d’accordo nel ritenere che la guerra riguardasse l’espansione dell’UE.

Lord Robertson ha dichiarato al programma The World Tonight di Radio 4: “Dire che abbiamo provocato la Russia è come dire che se compri un antifurto, in qualche modo stai provocando i ladri”.

Dopo l’intervista andata in onda venerdì, Farage ha dichiarato su X (ex Twitter) di essere “una delle poche figure che è stata coerente e onesta riguardo alla guerra con la Russia”.

Insieme alla nuova dichiarazione, ha ripubblicato un discorso al Parlamento europeo del 2014 in cui invitava l’Occidente a “smettere di fare giochi di guerra con Putin”.

La Russia ha lanciato un’invasione su larga scala dell’Ucraina nel febbraio 2022, a seguito dell’occupazione delle regioni della Crimea e del Donbass nel 2014.

Tuttavia, il paese ha chiesto di aderire ad entrambi i blocchi dopo l’invasione russa.

La NATO è stata costituita nel 1949 da 12 paesi, tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Canada e Francia.

Dopo il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991, aderirono molti paesi dell’Europa orientale, tra cui Ungheria, Polonia ed Estonia.

Anche l’Unione Europea si è espansa a partire dagli anni ’90, con l’adesione di numerosi paesi dell’Europa orientale nel 2004.

Nell’intervista, Farage ha anche accusato i conservatori di non riuscire a realizzare la Brexit.

Come leader del Partito per l’Indipendenza del Regno Unito, è stato una figura chiave nella campagna per lasciare l’Unione Europea.

Sebbene la questione abbia dominato le elezioni generali del 2019, con la campagna di Boris Johnson sotto lo slogan “Get Brexit Done”, non ha avuto un posto di rilievo nella campagna attuale.

Alla domanda se fosse rimasto fedele alla sua precedente affermazione secondo cui la Brexit era fallita, Farage ha risposto: “No, non è un fallimento ma non siamo riusciti a raggiungerlo”.

“Non può essere un fallimento. Abbiamo lasciato l’Unione europea. Ora ci autogoverniamo”, ha aggiunto.

Ma ha aggiunto: “La Brexit ha deluso coloro che l’hanno votata, credendo che il numero dei migranti sarebbe diminuito”.

La migrazione netta – la differenza tra il numero di persone che vengono a vivere nel Regno Unito e quelle che se ne vanno – è aumentata notevolmente dal 2021, quando il Regno Unito ha lasciato l’Unione Europea.

Ciò è stato determinato dai cittadini extra-UE che sono arrivati ​​nel Regno Unito.

Il saldo migratorio ha raggiunto livelli record nel 2022 prima di diminuire leggermente l’anno successivo.

Quando gli è stato chiesto se attribuisse la colpa esclusivamente agli altri, Farage ha detto: “Se mi affidassi la responsabilità, sarebbe molto, molto diverso. Ovviamente non lo hanno fatto”.

“Il Partito conservatore non ha mai creduto nella Brexit… L’ha colta come un’opportunità politica e non è riuscita a realizzarla”.

Farage ha anche dovuto affrontare domande sulla sua posizione sul cambiamento climatico e se crede che non si tratti davvero di una “crisi”.

“Penso che dalla fine degli anni ’80 ci sia stata un po’ di pubblicità intorno a questo, e penso che probabilmente sia un errore”, ha detto.

“Tutto ciò di cui parliamo è paura, non soluzioni.”

“Passiamo molto tempo a pensare al problema invece di pensare in modo pratico e logico a ciò che possiamo fare”, ha aggiunto.

Farage ha descritto le politiche di zero emissioni di carbonio dei laburisti e dei conservatori come “una sciocchezza”, sostenendo che 30 miliardi di sterline all’anno potrebbero essere risparmiati abbandonando i loro impegni sul clima.

Il partito ha incolpato una società assunta per condurre controlli sui precedenti dei potenziali candidati, sostenendo di non aver condotto l’audit prima di indire le elezioni.

Alla domanda sul perché alcune persone con opinioni estreme si sono mobilitate per la sua causa, Farage ha detto: “Non sono venuti lì a causa mia”.

Nonostante la sua partecipazione alla fondazione del partito e la sua presidenza onoraria, ha insistito sul fatto che “non sono stato coinvolto nella gestione quotidiana del partito per più di tre anni.

“Questi candidati sono stati reclutati prima che io dicessi che avrei svolto un ruolo attivo nel partito”.

Farage è succeduto a Richard Tice come leader della riforma solo nella seconda settimana intera di campagna elettorale.

La BBC intervista i leader dei principali partiti alla vigilia delle elezioni in Panorama Interviews with Nick Robinson. L’intervista con Nigel Farage è stata trasmessa venerdì alle 19:00 su BBC One ed è disponibile Su BBC iPlayer.

È possibile trovare un elenco completo dei candidati nella circoscrizione elettorale di Clacton Qui.

READ  Xi Jinping affronta la sfida più dura per il governo mentre la rabbia di Covid scatena proteste di massa