Luglio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Netanyahu afferma che la fase intensa della guerra israeliana con Hamas sta per finire

Netanyahu afferma che la fase intensa della guerra israeliana con Hamas sta per finire

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto domenica che la fase “intensiva” dell’attacco israeliano a Gaza finirà presto, ma ha indicato che accetterà solo un accordo di cessate il fuoco “parziale” che non porrà fine alla guerra, e che questa nuova fase consentire che l’attenzione si sposti sul furioso conflitto al confine del nord del Paese con il Libano.

Le dichiarazioni di Netanyahu sembrano fare ulteriore marcia indietro rispetto all’accordo di tregua con Hamas sostenuto dagli Stati Uniti, ponendo le basi per l’ultimo conflitto tra lui e l’amministrazione Biden e con le famiglie degli ostaggi ancora detenute a Gaza. Ha inoltre sollevato nuove preoccupazioni a livello internazionale riguardo all’escalation con il gruppo Hezbollah sostenuto dall’Iran, che potrebbe innescare un conflitto regionale più ampio.

Parlando domenica a Channel 14, in quella che sembrava essere la sua prima importante intervista con un media israeliano dal 7 ottobre, Netanyahu ha detto che l’attuale fase dei combattimenti stava per finire.

Ha detto: “La fase intensiva della guerra contro Hamas sta per finire. Ciò non significa che la guerra sta per finire, ma la sua fase intensiva sta per finire a Rafah”, riferendosi alla città che prima era considerata un zona sicura. Nel sud della Striscia palestinese.

Parlando in ebraico, Netanyahu ha detto: “Continueremo quindi a falciare l’erba e non ci arrenderemo”.

Ha aggiunto che dopo “avremo la possibilità di spostare parte delle forze verso nord. Lo faremo”.

Il leader israeliano si è inoltre detto “pronto a raggiungere un accordo parziale” che garantisca il rilascio di “alcuni ostaggi”, ma ha ribadito che Israele continuerà l’attacco a Gaza anche se ci fosse un cessate il fuoco “per raggiungere la pace”. L’obiettivo è eliminare Hamas.

READ  I conservatori si affrettano a sostituire Liz Truss come leader del Regno Unito

Hamas ha sfruttato le dichiarazioni di Netanyahu, affermando che il suo tentativo di raggiungere un accordo parziale rappresenta un “chiaro rifiuto” della proposta presentata dal presidente Joe Biden di raggiungere un accordo globale in tre fasi per liberare gli ostaggi e porre fine ai combattimenti a Gaza.

L’ufficio di Netanyahu ha risposto domenica sera, affermando che Hamas “è contrario all’accordo, non Israele”.

“Il primo ministro Netanyahu ha chiarito che non lasceremo Gaza finché non avremo restituito tutti i 120 ostaggi, vivi e morti”, si legge nella dichiarazione.

Washington aveva anche confermato in precedenza che Hamas sta ostacolando i negoziati per raggiungere un accordo.

Ma anche le famiglie degli ostaggi rimasti hanno criticato Netanyahu, suggerendo che si sarebbe tirato indietro rispetto alla proposta americana.

Un gruppo che li rappresenta ha condannato la sua dichiarazione, secondo cui “ha abbandonato 120 ostaggi e ha violato gli obblighi morali dello Stato nei confronti dei suoi cittadini”.

Il leader israeliano ha continuato a ignorare le pressioni interne ed esterne per raggiungere un accordo di cessate il fuoco con Hamas, nonché per allentare le tensioni sul confine settentrionale di Israele con il Libano per evitare una guerra totale con Hezbollah.

I suoi commenti hanno suscitato preoccupazione a livello internazionale, con il capo diplomatico dell’Unione Europea, Josep Borrell, che ha avvertito che “il rischio di un conflitto totale che coinvolga Hezbollah è reale”.

Domenica il massimo ufficiale militare statunitense ha anche avvertito che qualsiasi attacco militare israeliano al Libano rischierebbe di provocare una risposta iraniana che potrebbe mettere a rischio le forze statunitensi nella regione.

Il generale dell’aeronautica militare C. Q. Brown, presidente dei capi di stato maggiore congiunti, ha detto ai giornalisti che, sebbene Teheran sostenga già i combattenti di Hamas a Gaza, probabilmente fornirebbe un maggiore sostegno al gruppo con sede in Libano “in particolare se ritengono che Hezbollah sia seriamente minacciato. ” “. “.

READ  L'apertura della Francia alla Cina evidenzia il divario tra Europa e Stati Uniti
Una colonna di fumo si è alzata domenica durante il bombardamento israeliano del villaggio di Khiam, nel sud del Libano.Rabie Daher/AFP tramite Getty Images

Questi commenti sono arrivati ​​in un momento in cui continuano i disaccordi tra Israele e Stati Uniti sulle spedizioni di armi.

Intervenendo domenica durante una visita a Washington, il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha sottolineato che i funzionari israeliani sono “impegnati a garantire una forte alleanza tra Stati Uniti e Israele” e ha sottolineato che gli Stati Uniti sono “l’alleato più importante di Israele – e più centrale di mai.” “

Tuttavia, domenica Netanyahu ha ripetuto le accuse secondo cui gli Stati Uniti stanno trattenendo armi a Israele, affermazione respinta dall’amministrazione Biden.

Secondo i funzionari sanitari locali, più di 37.000 persone sono state uccise a Gaza, tra cui molti bambini, da quando Israele ha lanciato la sua offensiva mortale in seguito agli attacchi di Hamas del 7 ottobre, in cui circa 1.200 persone sono state uccise e circa 250 prese in ostaggio. Israele. Funzionari. Si ritiene che più di 100 di loro siano rimasti prigionieri a Gaza e che almeno un terzo di loro sia morto.

L’organizzazione umanitaria Save the Children ha avvertito lunedì che la situazione sta peggiorando sempre più per i giovani palestinesi, rivelando stime secondo cui fino a 21.000 bambini a Gaza sono “persi nel caos della guerra”.

L’organizzazione ha affermato che si temeva che molti di loro fossero “intrappolati sotto le macerie, detenuti, sepolti in tombe anonime o scomparsi dalle loro famiglie” durante l’attacco israeliano.