Luglio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Nell’accordo da 175 milioni di dollari stipulato dall’AG con Uber e Lyft, le società ora pagheranno agli autisti un minimo di 32,50 dollari l’ora.  Paga mentre guidi

Nell’accordo da 175 milioni di dollari stipulato dall’AG con Uber e Lyft, le società ora pagheranno agli autisti un minimo di 32,50 dollari l’ora. Paga mentre guidi

Uber e Lyft pagheranno agli autisti del Massachusetts alcuni dei salari garantiti più alti del paese in base a un accordo storico con i procuratori generali dello stato che ha anche fermato una campagna durata anni che cercava di riscrivere il modo in cui la legge statale definisce questi lavoratori.

Il procuratore generale Andrea Campbell e le società hanno concordato giovedì sera un accordo da 175 milioni di dollari che si è concluso… La causa ha quasi quattro anni Un nuovo disegno di legge contro Uber e Lyft introduce una serie di nuovi requisiti su salari, benefici e tutele del lavoro, ed elude la questione legale al centro del caso.

L’accordo garantisce un significativo aumento salariale per decine di migliaia di conducenti e garantisce che presto potranno accedere al congedo per malattia retribuito, all’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e ad un certo grado di benefici sanitari – che secondo i ricorrenti le società non hanno ingiustamente fornito. Anni.

Uber e Lyft non dovranno più affrontare la possibilità che un giudice dichiari illegali gli accordi sullo status quo con gli autisti in Massachusetts e potranno continuare a definire i loro autisti come appaltatori indipendenti.

Le due compagnie intendono continuare a offrire voli in Massachusetts e hanno indicato che non prevedono alcun impatto rilevante sulle operazioni. Un funzionario di Uber ha affermato che le tariffe per i passeggeri potrebbero aumentare leggermente, ma ha aggiunto che la società ha ridotto al minimo i disagi in altri stati come New York, dove alle app popolari è stato chiesto di iniziare a pagare salari più alti ai conducenti.

“Per anni, queste aziende hanno sottopagato i loro autisti e li hanno privati ​​dei benefici di base”, ha affermato Campbell in una nota. “L’accordo di oggi ritiene Uber e Lyft responsabili e fornisce ai loro autisti, per la prima volta in Massachusetts, un salario minimo garantito. assenze per malattia retribuite, assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e bonus sanitari.

L’accordo ha cambiato il panorama politico quest’estate e autunno, e ha anche spinto i soggetti temporanei del potere economico a sospendere la campagna per un quesito elettorale che avrebbe definito gli autisti come lavoratori indipendenti piuttosto che come dipendenti.

Uber e Lyft hanno concordato nell’accordo di “cessare la partecipazione a qualsiasi finanziamento o sostegno” della questione elettorale.

Anche Instacart e DoorDash facevano parte di una coalizione che lavorava per modificare lo status di conducente nella legge statale e avrebbero potuto provare a continuare la lotta da soli. Tuttavia, un portavoce della campagna ha confermato giovedì sera che i sostenitori non intendono più presentare una domanda al voto del 5 novembre.

READ  Mentre Fox e News Corp valutano la fusione, l'attivista ha la sua visione

Si è trattato di un’inversione di rotta sorprendente per una campagna sostenuta dall’industria che aveva già speso circa 45 milioni di dollari per convincere gli elettori a modificare la legge statale a loro favore. Giovedì mattina, la più alta corte dello stato Scansiona il provvedimento per comparire sulla scheda elettoraleNove ore e mezza dopo, la procedura era ufficialmente morta.

In base all’accordo, Uber e Lyft devono pagare ai propri autisti almeno 32,50 dollari l’ora quando i lavoratori sono in viaggio per prendere passeggeri o trasportano attivamente passeggeri in un luogo. Le aziende non sono tenute a pagare per il tempo in cui i conducenti accedono all’app, ma non hanno un passeggero nella propria auto e non stanno viaggiando per andare a prendere qualcuno. Questi salari dovranno iniziare il 15 agosto e saranno adeguati annualmente all’inflazione.

Il tasso è molto più alto che in alcuni altri stati. A New York, gli autisti fuori New York City guadagnano almeno $ 26 l’ora per il tempo che intercorre tra l’accettazione di una corsa e il completamento della corsa (lo stesso intervallo di tempo che verrebbe rimborsato in Massachusetts).

Qui gli autisti inizieranno anche ad accumulare fino a 40 ore all’anno di congedo per malattia retribuito, a una tariffa di 20 dollari l’ora, e Uber e Lyft hanno anche concordato di stipulare un’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro per gli autisti.

Le aziende offriranno anche “fondi sanitari portatili”, sovvenzioni in contanti che gli autisti potranno utilizzare per pagare piani di assicurazione sanitaria idonei, a partire dal prossimo anno. Uber lo ha descritto come “il primo fondo di assicurazione sanitaria mobile del paese”. Fornirà inoltre agli autisti sovvenzioni per partecipare al programma statale di congedo familiare e medico retribuito.

Altre parti dell’accordo richiedono che Uber e Lyft forniscano agli autisti maggiori informazioni sulle corse e sui guadagni attesi prima di accettare una corsa, supporto tramite chat in-app in più lingue e una procedura di ricorso per contestare le disattivazioni.

Uber pagherà 148 milioni di dollari allo stato del Massachusetts e Lyft pagherà 27 milioni di dollari allo stato, la maggior parte dei quali andrà agli autisti attuali ed ex come risarcimento. L’ufficio di Campbell ha detto che annuncerà i dettagli su chi ha diritto ai pagamenti e come presentare domanda nelle prossime settimane.

READ  Petrolio in calo su dati di fabbrica cinesi deboli, timori sulla domanda

I leader laburisti hanno celebrato l’accordo. In un comunicato diffuso dall’ufficio di Campbell, Chrissy Lynch, presidente della Federazione americana del lavoro del Massachusetts, ha annunciato: “Le corse gratuite offerte da Uber e Lyft sono terminate”.

“Questo accordo include un pacchetto completo di forti salari, benefici e tutele per gli autisti che sono stati sfruttati da queste società per anni”, ha affermato Lynch. “Apprezziamo molto il duro lavoro svolto da AG Campbell nel ritenere queste società legalmente responsabili nei confronti delle leggi sul lavoro del Massachusetts .”

Le due parti hanno presentato l’accordo transattivo prima delle 17 di giovedì sera, alla vigilia della discussione conclusiva del processo. Il suo deposito pone immediatamente fine al procedimento giudiziario, impedendo al giudice Peter Krupp di emettere una decisione che avrebbe potuto dichiarare Uber e Lyft in violazione o in conformità con il diritto del lavoro esistente.

L’accordo non prende posizione su come dovrebbero essere classificati i conducenti, consentendo di fatto alle aziende di continuare a trattare i conducenti come appaltatori ma con nuovi requisiti di retribuzione e benefici.

“Questo accordo è un esempio di come dovrebbe essere il lavoro indipendente, flessibile e dignitoso nel 21° secolo”, ha affermato Tony West, responsabile legale di Uber, in una nota. “Siamo entusiasti di vedere sempre più politici che sostengono vantaggi mobili e innovativi quadri per migliorare il lavoro indipendente”. Post sul blog. “Cogliendo questa opportunità, abbiamo risolto passività storiche costruendo un nuovo modello operativo che bilancia flessibilità e vantaggi. Ciò consente sia a Uber che al Massachusetts di andare avanti in un modo che rifletta ciò che vogliono i conducenti e mostri agli altri stati cosa si può ottenere.”

Il vicepresidente esecutivo dell’esperienza di guida di Lyft, Jeremy Byrd, ha definito l’accordo “una grande vittoria per gli automobilisti del Massachusetts che garantisce loro la libertà di guadagnare quando, dove e quando vogliono”.

Il Massachusetts è diventato l’ultimo stato a raggiungere un accordo legale o legislativo con Uber e Lyft, che per anni hanno speso ingenti somme in lobbying e campagne politiche cercando di rimodellare le leggi statali a loro favore.

READ  Futures azionari oggi: aggiornamenti in tempo reale

Nel 2022, Uber Pagò al New Jersey 100 milioni di dollari di tasse arretrate dopo che i funzionari hanno affermato che la società aveva classificato erroneamente i suoi autisti come appaltatori indipendenti. Alla fine dell’anno scorso, entrambe le società Complessivamente sono stati pagati 328 milioni di dollari In un accordo per furto salariale a New York, che richiedeva anche a Uber e Lyft di fornire agli autisti congedi per malattia retribuiti e nuovi standard salariali minimi. E a Mayo, nel Minnesota Ha emanato una nuova legge Ciò richiederebbe che Uber e Lyft aumentino il compenso pagato agli autisti e introducano nuove protezioni, un compromesso dopo che Minneapolis ha cercato di imporre maggiori aumenti di prezzo alle società.

L’ex procuratore generale Maura Healey, che ora è governatore dello stato, ha citato in giudizio Uber e Lyft nel 2020, sostenendo di aver gonfiato i loro profitti per anni trattando gli autisti come appaltatori e negando loro salari e benefici dovuti ai dipendenti.

“La nostra causa contro Uber e Lyft ha sempre riguardato l’equità per gli autisti”, ha detto Healey giovedì, aggiungendo che l’accordo “fornisce salari e benefici storici per correggere gli errori del passato e garantire che gli autisti ricevano salari equi in futuro”.

Il caso è rimasto dietro le quinte per quasi quattro anni prima che il processo iniziasse il mese scorso.

Le parti interessate nel dibattito su salari e benefici per gli autisti basati su app non sono riuscite per anni a promuovere misure di riforma attraverso la legislatura, o a modificare la legge statale sugli appaltatori indipendenti, portando i partiti a cercare di conciliare le differenze nei tribunali o attraverso domande elettorali.

Il presidente del Senato Karen Spilka ha elogiato la squadra di Campbell per la sua “perseveranza” nel negoziare l’accordo, e ha detto di essere “felice di vedere milioni di dollari saranno pagati agli ex conducenti a cui sono stati negati questi benefici di base per anni”.

“Per troppo tempo, agli autisti delle TNC è stato negato l’accesso alle politiche adottate per proteggere i nostri residenti che lavorano”, ha affermato Spilka. “Sono lieto di vedere che gli sforzi instancabili del Procuratore Generale hanno portato a questo accordo storico per estendere queste protezioni a Uber e Lyft. autisti.” . .