Novembre 29, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Mohammed bin Salman nominato primo ministro prima del processo a Khashoggi | Regno Arabia Saudita

Mohammed bin Salman è stato nominato primo ministro dell’Arabia Saudita con una mossa che secondo gli esperti avrebbe probabilmente protetto il principe ereditario da una causa potenzialmente dannosa negli Stati Uniti per il suo presunto ruolo nell’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi.

Martedì, il Regno dell’Arabia Saudita ha annunciato l’eccezione di re Salman alla legge saudita e la nomina di suo figlio primo ministro, rinunciando ufficialmente al doppio titolo di re e primo ministro che aveva occupato personalmente fino ad ora.

È improbabile che questo sviluppo cambi gli equilibri di potere in Arabia Saudita, dove il principe 37enne è già visto come il sovrano de facto del regno ed erede al trono.

Ma i critici del governo saudita hanno visto i tempi della decisione quasi certamente legati a una scadenza incombente ordinata dal tribunale la prossima settimana. Era l’amministrazione Biden Ha chiesto a un giudice americano di riflettere attentamente Se il principe Mohammed debba essere protetto con l’immunità sovrana in un caso promosso dalla fidanzata di Khashoggi, Hatice Cengiz. Questa protezione è solitamente concessa a un leader mondiale, come un primo ministro o un re.

A luglio, l’amministrazione ha cercato di ritardare la presentazione della sua risposta al tribunale, che aveva inizialmente richiesto entro il 1 agosto. Il giudice distrettuale degli Stati Uniti John Bates ha deciso di prorogare la scadenza al 3 ottobre. Tra le altre questioni, ha invitato l’amministrazione a determinare se ritenesse che al principe Mohammed dovesse essere concessa l’immunità ai sensi delle norme a tutela del capo di stato.

“Sembra [Prince Mohammed] “Gli è stato consigliato di fare questo passo prima che l’amministrazione Biden potesse rispondere il 3 ottobre”, ha affermato Abdullah Al-Odah, direttore del Golfo di Dawn, un gruppo pro-democrazia con sede a Washington che è parte del caso Khashoggi. [becoming prime minister] Non fa differenza”.

READ  I produttori di semiconduttori spingono il Congresso per nuovi finanziamenti

La Casa Bianca non ha subito commentato. Il principe Mohammed ha negato il suo coinvolgimento personale nell’omicidio di Khashoggi. Una valutazione dell’intelligence americana ha rilevato che il futuro re lo era Potrebbe aver ordinato l’omicidio.

È probabile che la decisione di nominare il principe Mohammed primo ministro allevierà le preoccupazioni residue in Arabia Saudita sul fatto che il principe ereditario possa essere arrestato o affrontare sfide legali mentre viaggia all’estero.

La causa civile contro il principe Mohammed, che Cengiz ha intentato presso il tribunale distrettuale federale di Washington, DC nell’ottobre 2020, sostiene che lui e altri funzionari sauditi hanno agito in una “cospirazione premeditata” quando agenti sauditi hanno rapito, ammanettato, drogato e torturato. Khashoggi è stato ucciso all’interno del consolato saudita a Istanbul nel 2018.

Khashoggi, un ex saudita ben informato che è fuggito dal regno e risiedeva in Virginia, nel sud-est degli Stati Uniti, era un esplicito critico del principe ereditario e stava attivamente cercando di contrastare la propaganda saudita online quando è stato ucciso.

“La lotta per la giustizia deve avere successo – non si fermerà perché Mohammed bin Salman si sta dando un altro titolo”, ha detto Cengiz in una dichiarazione al Guardian.

I critici del regime saudita, compresi gli attivisti che vivono in esilio negli Stati Uniti e in Europa, hanno avvertito che la repressione del dissenso da parte del principe ereditario si è intensificata negli ultimi mesi.

Il Guardian ha appreso che il governo del Regno Unito ha cercato di intervenire in almeno un caso di alto profilo, Presentava Salma Al-Shehab, una studentessa di dottorato all’Università di Leeds, che è stata arrestata, accusata, condannata e condannata a 34 anni di carcere. Dopo essere tornata a casa dal Regno Unito per le vacanze. Il suo crimine, secondo la legge saudita, era usare Twitter per seguire, mettere mi piace o, talvolta, ritwittare i tweet di oppositori e attivisti.

READ  La regina Elisabetta risulta positiva al coronavirus

Una fonte, che ha chiesto di non essere nominata, ha detto al Guardian che i funzionari dell’ambasciata britannica a Riyadh avevano sollevato preoccupazioni sul caso di Shehab con le autorità saudite. La fonte ha affermato che anche Tariq Ahmed, una controparte conservatrice, ha sollevato la questione nell’incontro del 25 agosto con l’ambasciatore saudita nel Regno Unito.

Il governo del Regno Unito dovrà affrontare maggiori pressioni per agire questa settimana con il previsto rilascio di una lettera di 400 accademici, compreso il personale e gli studenti ricercatori delle università e dei college britannici che chiedono un’azione urgente sul caso Chehab.

La lettera invita il primo ministro Liz Truss e il segretario di Stato James Cleverly a “condannare pubblicamente la condanna di Salma Al-Shehab e presentare dichiarazioni alle loro controparti saudite per il suo rilascio immediato”. Sponsorizzato dal gruppo pro-democrazia ALQST, che difende i diritti umani in Arabia Saudita. “Salma, come noi, dovrebbe aspettare con impazienza il nuovo anno scolastico, piuttosto che languire dietro le sbarre per il” crimine “di aver twittato le sue legittime opinioni”, ha affermato il gruppo.

La lettera afferma che Shehab, una 34enne madre di due figli che lavorava come igienista dentale e che ha ricevuto una borsa di studio per studiare nel Regno Unito, è stata arrestata il 15 gennaio 2021 mentre era in vacanza in Arabia Saudita. Gli atti del tribunale mostrano che è stata posta in isolamento, interrogata e trattenuta per 285 giorni prima del processo. Lei nega le accuse contro di lei.

Truss non ha ancora indicato che è probabile che adotti una posizione decisiva sulla sua nuova controparte. Il primo ministro britannico ha avuto una telefonata con il principe Mohammed questa settimana in cui il suo ufficio ha affermato di averlo ringraziato per aver contribuito a rilasciare cinque detenuti britannici detenuti dalle forze appoggiate dalla Russia. Ha anche offerto il “continuo sostegno e incoraggiamento del Regno Unito a compiere progressi nelle riforme interne in Arabia Saudita”.

READ  La resistenza di Ernest Shackleton, persa nel 1915, è stata ritrovata in Antartide