Luglio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

McDonald’s per vendere la sua attività in Russia, cercando di mantenere i lavoratori

McDonald’s per vendere la sua attività in Russia, cercando di mantenere i lavoratori

McDonald’s ha dichiarato lunedì di aver avviato il processo di vendita della sua attività in Russia, che comprende 850 ristoranti e impiega 62.000 persone, rendendola l’ultima grande azienda occidentale a lasciare la Russia da quando ha invaso l’Ucraina. a febbraio.

Il gigante del fast food ha sottolineato la crisi umanitaria causata dalla guerra, affermando che restare fedele ai suoi affari in Russia “non era più difendibile e incompatibile con i valori di McDonald’s”.

La società con sede a Chicago ha annunciato all’inizio di marzo che avrebbe chiuso temporaneamente i suoi negozi in Russia, ma avrebbe continuato a pagare i dipendenti. Lunedì, ha detto che avrebbe cercato di assumere un acquirente russo questi lavoratori e di pagarli fino alla chiusura della vendita. Il potenziale acquirente non è stato identificato.

Il CEO Chris Kempczynski ha affermato che la “dedizione e lealtà a McDonald’s” nei confronti dei dipendenti e di centinaia di fornitori russi hanno reso difficile la decisione di andarsene.

“Tuttavia, abbiamo un impegno nei confronti della nostra comunità globale e dobbiamo rimanere saldi nei nostri valori, e il nostro impegno nei confronti dei nostri valori significa che non possiamo più mantenere la luminosità degli archi lì”, ha affermato Kempczynski in una nota.

McDonald’s, mentre cerca di vendere i suoi ristoranti, ha detto che prevede di iniziare a rimuovere gli archi dorati e altri simboli e segnaletica che portano il nome dell’azienda. Ha detto che avrebbe mantenuto i suoi marchi in Russia.

Nel centro di Mosca è stato aperto il primo McDonald’s in Russia Più di tre decenni fa, poco dopo la caduta del muro di Berlino. Era un potente simbolo per alleviare le tensioni della Guerra Fredda tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica.

READ  I viaggiatori ora possono andare in Giappone, ma i turisti nazionali rimangono al centro dell'attenzione

McDonald’s è stato il primo fast food americano ad aprire in Unione Sovietica, che sarebbe crollato nel 1991. La decisione di McDonald’s di andarsene arriva quando altri giganti americani del cibo e delle bevande, tra cui Coca-Cola, Pepsi e Starbucks, hanno temporaneamente interrotto o chiuso le loro attività in Russia di fronte alle sanzioni occidentali.

Società dei colossi energetici britannici Shell E la BP alla casa automobilistica francese Renault si è ritirata dalla Russia, danneggiando i suoi profitti mentre cercano di vendere le loro partecipazioni lì. Altre società sono rimaste almeno in parte, con alcune che hanno dovuto affrontare una reazione negativa.

McDonald’s ha detto che prevede di registrare una commissione per i profitti compresi tra $ 1,2 miliardi e $ 1,4 miliardi dopo aver lasciato la Russia.

I suoi ristoranti in Ucraina sono stati chiusi, ma la società ha detto che continua a pagare gli stipendi pieni ai suoi dipendenti.

McDonald’s ha più di 39.000 sedi in più di 100 paesi. La maggior parte è di proprietà di franchisee: solo il 5% circa è di proprietà e gestito dalla società.

McDonald’s ha affermato che l’uscita dalla Russia non modificherebbe la sua previsione di aggiungere 1.300 ristoranti quest’anno, il che contribuirebbe per circa l’1,5% alla crescita delle vendite a livello aziendale.

Il mese scorso, McDonald’s ha riferito di aver guadagnato $ 1,1 miliardi nel primo trimestre, in calo rispetto a oltre 1,5 miliardi di dollari l’anno prima. Il fatturato è stato di circa $ 5,7 miliardi.