Luglio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Mary Quant, rivoluzionaria della moda britannica, muore a 93 anni

Mary Quant, rivoluzionaria della moda britannica, muore a 93 anni

Mary Quant, la stilista britannica che ha rivoluzionato la moda e incarnato lo stile degli anni ’60, lo spirito giocoso della giovinezza che emanava dalle strade, non dall’atelier di Parigi, è morta giovedì nella sua casa nel Surrey, nel sud dell’Inghilterra. Conosciuta come la madre della minigonna, aveva 93 anni.

La sua famiglia ha annunciato la sua morte in un comunicato.

L’Inghilterra stava emergendo dalle privazioni del dopoguerra, quando, nel 1955, la signora Quandt e il suo amico aristocratico, Alexander Plunkett-Green, aprirono un negozio chiamato Bazaar in King’s Road a Londra, nel cuore di Chelsea. La signora Quant lo ha riempito con gli abiti che indossavano lei e le sue amiche bohémien, “una collezione di vestiti e accessori”, come ha scritto nella sua autobiografia, “Quant by Quant” (1966): gonne corte, svasate, pieghettate, -calze e calze, gioielli stravaganti e cappelli di tutti i colori.

Le giovani donne dell’epoca stavano voltando le spalle alle forme dei corsetti della madre, con vita divisa e corpetti con scollo a barchetta: il look Dior, che aveva dominato dal 1947. Disprezzavano le uniformi dell’establishment, significanti di classe ed età apposti su caschi di capelli lucidi, twin set e tacchi a spillo, e accessori abbinati… La modella che di solito era sulla trentina, non un giovanotto come la signorina Quandt.

Quando non riusciva a trovare i pezzi che voleva, la signora Quandt li creava da sé, acquistando tessuti dal rivenditore di lusso Harrods e cucendoli nel suo letto, che i suoi gatti siamesi mangiavano i modelli da cui lavorava Patrick.

I profitti erano scarsi in quei primi anni, ma il negozio fu un successo fin dall’inizio, con giovani donne che spogliavano il locale quasi ogni giorno, a volte prendendo vestiti nuovi dalle braccia della signora Quandt mentre andava al negozio. Lei e il signor Plunkett Green lo gestivano come i caffè che frequentavano: come ritrovo e festa in ogni momento, con un sottofondo jazz.

E hanno anche messo in mostra nella loro vetrina, con manichini disegnati da un amico per assomigliare alle giovani donne che facevano acquisti lì – “uccelli”, come dice la signora Quandt, usando il linguaggio dell’epoca – figure con zigomi affilati , tagli di capelli moderni e gambe stravaganti, a volte rovesciate, sui tacchi o schizzati di bianco, alcune calve e occhiali da sole rotondi, indossano costumi da bagno a righe e chitarre.

Dilettanti in contabilità, insieme a tutto il resto, la coppia conservava i conti in pile, pagando dall’alto verso il basso. I venditori spesso pagavano due volte, o per niente, a seconda del loro posto nella pila.

Un decennio dopo, Mary Quant è un marchio globale, con licenze in tutto il mondo – è stata nominata Ufficiale dell’Ordine dell’Impero Britannico nel 1966 per il suo contributo alle esportazioni britanniche – e vendite che presto avrebbero raggiunto i 20 milioni di dollari. Quando è andata in tournée negli Stati Uniti con un nuovo set, è stata accolta come il quinto Beatle; Ad un certo punto ha chiesto la protezione della polizia. I giornali stamparono con entusiasmo lei e le sue osservazioni: “Quantity si aspetta un orlo più alto”, dichiarò l’Associated Press nell’inverno del 1966, aggiungendo che la signora Quandt “ha predetto oggi che la minigonna sarebbe rimasta qui”.

READ  La serie "Quantum Leap" della NBC è stata cancellata dopo due stagioni

C’era una linea Mary Quant da JC Penney e boutique nei negozi di New York. C’era il trucco Mary quant – per le donne e Uomini – confezionati in barattoli di vernice, ciglia acquistabili in cortile, biancheria intima, calze, scarpe, capispalla e pellicce. Negli anni ’70 c’erano lenzuola, cancelleria, vernici, articoli per la casa e una bambola Mary Quant, Daisy, dal nome del logo Daisy della signora Quant.

“Una stilista di celebrità è una parte accettata del moderno sistema di moda di oggi, ma Mary era una rarità negli anni ’60 come ambasciatrice del marchio per i suoi vestiti e il suo marchio”, Jenny Lister, co-curatrice di una retrospettiva del 2019 di Ms. L’opera è al Victoria and Albert Museum di Londra, ha detto al New York Times. “Non vendeva solo stravagante moda britannica, in realtà È stato Eccentrica, splendida britannica, e la ragazza del Chelsea per eccellenza”.

La signora Kwan una volta disse: “Sono cresciuta e non voglio crescere”. “Crescere sembrava orribile. Per me, è stato orribile. I bambini erano liberi e sani di mente, e gli adulti erano orribili”.

Barbara Marie Quant è nata l’11 febbraio 1930 a Blackheath, a sud-est di Londra. I suoi genitori, John e Mildred (Jones) Quandt, erano educatori gallesi che provenivano da famiglie di minatori ed erano determinati che i loro due figli, Mary e Tony, seguissero percorsi di carriera tradizionali.

Ma Marie voleva studiare moda. Quando ha vinto una borsa di studio per il Goldsmiths College (ora Goldsmiths, University of London), i suoi genitori sono giunti a un compromesso: avrebbe potuto partecipare se si fosse laureata in educazione artistica (ha studiato illustrazione). Lì conobbe il signor Plunkett Green, un eccentrico nato (il filosofo Bertrand Russell era suo cugino, così come lo era il duca di Bedford) che indossava il pigiama di seta shantung dorato di sua madre da portare in classe nelle rare occasioni in cui lo faceva e suonava jazz su loro. Tromba – Un personaggio direttamente ispirato al romanzo di Evelyn Waugh (Waugh era un amico di famiglia).

Presto si sono incontrati Archie McNair, un avvocato diventato fotografo ritrattista che gestiva un caffè sotto il suo studio a Chelsea. I tre decidono di aprire un’attività insieme. Ogni uomo ha messo 5.000 sterline e hanno comprato un edificio al 138a di King’s Road. La signora Quandt, che lavorava per una modista, lascia il lavoro.

Grazie a Bazaar, King’s Road è diventata il centro della moda britannica, e Londra è l’epicentro del cosiddetto terremoto giovanile, come lo chiamava all’epoca Vogue. La signora Quant era il suo avatar, vestita con la sua tutina e scarpe tipiche, con enormi occhi dipinti, un viso pallido punteggiato di lentiggini finte e un caschetto caratteristico che avrebbe reso il suo creatore, Vidal Sassoon, famoso quanto lei. Il suo taglio wash-and-wear è stato un successo micidiale per il bouffant spigoloso come la minigonna a doppio ensemble. “Vidal ci ha messo il massimo”, amava dire la signora Quandt.

All’inizio, la signora Quant ha abbracciato la produzione di massa, i materiali sintetici e il fast fashion che potevano essere acquistati e gettati via dalle giovani donne per le quali era stata progettata.

Affascinato dal cotone rivestito in PVC, ho realizzato impermeabili che sembravano scivolosi con l’acqua. Ha creato scarpe di plastica stampata dai colori vivaci con tacchi alti e top con cerniera.

“Perché le persone non possono vedere cosa può fare una macchina con se stessa invece di farle imitare ciò che fa una mano?” La signora Quandt disse al New York Times Magazine nel 1967. “Quello che dobbiamo fare è prendere le sostanze chimiche e rendere il tessuto semplice. Dovremmo soffiare i vestiti come si soffia il vetro. È piuttosto ironico che il tessuto debba essere tagliato per creare qualcosa di piatto da avvolgere intorno a una persona tonda.

Ha aggiunto: “È così ironico, in questa epoca di macchinari, che i vestiti continuino a essere fatti a mano. La moda più estrema deve essere molto, molto economica. Primo, perché solo i giovani hanno il coraggio di indossarlo; secondo, perché i giovani ci stanno meglio; e in terzo luogo perché se è abbastanza estremo, non dovrebbe continuare.”

La signora Quandt e il signor Plunkett Green si sono sposati nel 1957; Morì nel 1990. La signora Quandt lascia il figlio, Orlando Plunkett Green. suo fratello, Tony Quandt; e tre nipoti.

Nel 2000, la signora Quandt si è dimessa da direttore di Mary Quantt Ltd Io comproO spingerlo fuori, come hanno affermato alcuni rapporti – Dal direttore generale della società. Nel 2009, è stata onorata dalla Royal Mail con il proprio francobollo, raffigurante una modella che indossava una piccola giacca nera Mary Quant svasata. Nel 2015, la signora Quandt è diventata una Dame. La vetrina che un tempo era occupata da un bazar ora ha sopra un juice bar pittura Ora è celebrato in memoria di Lady Mary Quant.

READ  Una faida familiare per uno spot cinematografico di Disney World finisce in una scazzottata, divieto

Nella primavera del 2019, quando il Victoria and Albert Museum ha presentato la sua retrospettiva del suo lavoro, una vivace mostra di 120 pezzi del suo periodo di massimo splendore, i curatori hanno incluso un montaggio di fotografie e ricordi delle migliaia di donne che hanno risposto alla loro chiamata a partecipare. I pezzi amati di Mary Quant, insieme ai racconti di come li indossavano da giovani donne dallo spirito libero che si dirigevano a colloqui di lavoro e primi appuntamenti, un potente tributo all’eredità della signora Quant e al femminismo emergente del suo tempo.

“Ho dimenticato tutti i miei vestiti, ma ricordo ancora la prima Mary Quant”, ha detto Joan Juliette Buck, autrice ed ex direttrice di Vogue Francia, cresciuta nella Londra degli anni ’60, in un’intervista in occasione del necrologio nel 2021. Il maglione zucca, la minigonna color acqua e il mini abito in finta crepe beige con maniche a sbuffo e motivi floreali schizzati lungo la fascia affusolata sotto il seno hanno fatto impazzire gli uomini, mentre io non ne avevo idea. Ha mantenuto lo spirito di una donna da bambina che ha reso la minigonna inevitabile e indiscutibile”.

Ma l’hai inventato tu? André Courrèges, il designer francese dell’era spaziale, ha da tempo rivendicato il merito della sua creazione, ed è vero che stava costantemente migliorando le sue linee nei primi anni ’60. Ma la signora Quandt, come sottolinea la storica della moda Valerie Steele, si è tagliata gli arti dal momento in cui Bazaar ha aperto nel 1955, principalmente in risposta ai suoi clienti, che chiedevano gonne più corte che mai.

“Eravamo all’inizio di un enorme rinascimento nella moda”, ha scritto la signora Quandt nella sua autobiografia del 1966. “Non stava accadendo a causa nostra. Era semplicemente, come si è scoperto, che ne facevamo parte.”

Ha scritto: “I bravi designer, come i giornalisti intelligenti, sanno che per avere un impatto devono stare al passo con le esigenze del pubblico e quel” qualcosa di intangibile “. Mi è capitato di iniziare quando” qualcosa nell’aria “ha iniziato a bollire”.

Amanda Holbusch ha contribuito alla segnalazione.