Luglio 14, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’uragano Beryl sta colpendo le isole con un pericolo di vita di categoria 4 in un inizio di stagione pericolosamente anticipato

L’uragano Beryl sta colpendo le isole con un pericolo di vita di categoria 4 in un inizio di stagione pericolosamente anticipato



CNN

L’uragano Beryl si è nuovamente intensificato lunedì mattina fino a raggiungere la categoria 4 mentre ruggiva attraverso le Isole Sopravvento, mettendo a rischio molte comunità insulari con tempeste potenzialmente letali, venti violenti e inondazioni improvvise.

Barbados, Grenada e Trinidad e Tobago sono state solo alcune delle aree che hanno avvertito l’ira di Beryl all’inizio di lunedì. Saint Vincent e Grenadine e Grenada sono quelle che rischiano maggiormente di essere colpite dall’occhio del ciclone. Il vero approdo potrebbe non verificarsi – con lo sguardo che passa sulla costa – ma nonostante ciò, Beryl sferrerà un colpo devastante alle isole più vicine.

Beryl è la tempesta più forte che le Isole Sopravvento abbiano mai visto dall’uragano Ivan del settembre 2004.

L’arrivo di Beryl segna un inizio eccezionalmente anticipato – e potenzialmente devastante – della stagione degli uragani nell’Atlantico. Domenica è diventato il primo uragano di categoria 4 mai avvenuto nell’Atlantico e l’unico uragano di categoria 4 nel mese di giugno. Vasca da bagno: acqua calda dell’oceano I fattori che hanno facilitato l’allarmante rafforzamento di Beryl sono una chiara indicazione che questa stagione degli uragani sarà tutt’altro che normale alla luce del riscaldamento globale dovuto all’inquinamento da combustibili fossili.

Guarda questo contenuto interattivo su CNN.com

Lunedì la tempesta si è brevemente indebolita fino alla categoria 3 mentre subiva un ciclo di sostituzione della barriera oculare, un processo in cui gli uragani più forti possono perdere la barriera oculare – l’anello di venti più intensi che circonda l’occhio calmo di un uragano – mentre costruisce un occhio più grande. L’uragano si indebolisce durante questo processo ma alla fine emerge come una tempesta più potente.

Gli isolani si stavano affrettando per terminare i preparativi finali per l’emergenza domenica sera, anche se si avvicinavano venti di tempesta tropicale. I funzionari locali hanno avvertito di impatti potenzialmente catastrofici, inclusi danni alle case, diffuse interruzioni di corrente e minacce alla sicurezza dei residenti.

“Voglio che tutti a St. Vincent e Grenadine prendano questa cosa sul serio. Ci sono alcune persone che sperano per il meglio, e tutti dobbiamo farlo, ma dobbiamo tutti prepararci al peggio”, ha detto il primo ministro Ralph Gonsalves .

READ  Il tribunale pakistano vieta il voto per mettere sotto accusa il primo ministro Imran Khan | Notizie di Imran Khan

L’aeroporto internazionale Grantley Adams delle Barbados ha segnalato venti sostenuti da 40 a 45 mph con una raffica di circa 70 mph lunedì mattina.

Beryl è un uragano pericoloso: La tempesta si trova a circa 70 miglia a est di Grenada, con venti di 130 mph e si muove verso ovest a 20 mph. I venti di forza di uragano di Beryl si estendono per 35 miglia dal centro mentre i venti di tempesta tropicale si estendono per circa 125 miglia.

Tempeste e inondazioni potenzialmente letali: Centro nazionale degli uragani alla cautela Quella “tempesta pericolosa per la vita aumenterà il livello dell’acqua da 6 a 9 piedi sopra i normali livelli di marea” se Beryl dovesse approdare. Onde imponenti possono anche creare onde pericolose per la vita e correnti di strappo che minacciano piccole imbarcazioni e pescatori. Le inondazioni improvvise sono una preoccupazione anche in alcune parti delle Isole Sopravvento e delle Barbados, dove fino a lunedì sono previsti dai 3 ai 6 pollici di pioggia – e fino a 10 pollici di pioggia sono possibili in alcune località, specialmente nelle Grenadine e nelle Isole Grenada. Il primo ministro delle Barbados Mia Amor Mottley ha consigliato ai cittadini di essere “estremamente vigili”.

• Avvisi sugli uragani: Santa Lucia, Martinica e Trinidad. Gli orologi di tempesta tropicale sono in vigore per la costa meridionale della Repubblica Dominicana da Punta Palenque a ovest fino al confine con Haiti, e per la costa meridionale di Haiti dal confine con la Repubblica Dominicana ad Anse Daignault.

Centinaia evacuati: Più di 400 persone sono state riparate nei rifugi contro gli uragani nelle Barbados domenica sera, ha detto Ramona Archer-Bradshaw, capo guardiano dei rifugi del paese, all’affiliata della CNN CBC News. “Sono felice che le persone utilizzino i rifugi e, se non si sentono a proprio agio nelle loro case, è meglio andare in un rifugio”, ha detto.

Stato di emergenza a Grenada: Il governatore generale di Grenada, Cécile LaGrenade, ha dichiarato lo stato di emergenza che resterà in vigore da domenica sera fino a martedì mattina. Tutte le attività dovranno chiudere tranne le forze di polizia, gli ospedali, le carceri, le discariche e i porti.

Aeroporti chiusi: Gli aeroporti di Barbados, Grenada e St. Lucia sono stati chiusi domenica sera mentre Beryl si avvicinava. Un portavoce dell’aeroporto internazionale Maurice Bishop di Grenada ha detto che la riapertura è prevista martedì mattina. Anche l’aeroporto internazionale Grantley Adams di Barbados, l’aeroporto internazionale di Hewanorra a Santa Lucia e l’aeroporto George Charles hanno sospeso le operazioni.

I fan della Coppa del mondo di cricket sono bloccati: Barbados ospita ancora tifosi di cricket provenienti da tutto il mondo che si sono recati sull’isola per la Coppa del Mondo T20, alcuni dei quali non potranno evacuare prima dell’arrivo di Birrell. “I nostri visitatori sono qui con noi”, ha detto il primo ministro delle Barbados Mia Amor Mottley. “Alcuni di loro non partiranno prima di lunedì e martedì, e alcuni di loro non hanno mai attraversato un uragano o una tempesta prima.” Ha fatto appello ai residenti affinché forniscano supporto ai visitatori, se possibile.

Chandan Khanna/AFP/Getty Images

Un edificio chiuso sabato a Bridgetown, Barbados.

Beryl preannuncia un inizio allarmante per una stagione degli uragani che i meteorologi hanno avvertito sarà iperattiva – e l’attività da record di Beryl potrebbe essere un segno di ciò che verrà.

Questa stagione è già iniziata in modo intenso poiché la seconda tempesta, la tempesta tropicale Chris, si è abbattuta vicino a Tuxpan, in Messico, al largo della costa del Golfo, lunedì scorso.

Beryl è il primo grande uragano – definito come uragano di categoria 3 o superiore – nell’Oceano Atlantico in 58 anni. Secondo il direttore del National Hurricane Center Mike Brennan, la rapida intensificazione di una tempesta è molto insolita all’inizio della stagione degli uragani. I sistemi tropicali nell’Atlantico centrale orientale delle Piccole Antille a giugno sono sistemi rari, particolarmente forti, poiché si sono formati solo pochi sistemi tropicali. Secondo i registri della National Oceanic and Atmospheric Administration.

READ  Il Premio Nobel per la Pace è stato assegnato ai difensori dei diritti umani in Ucraina, Russia e Bielorussia

Non solo la tempesta è stata anticipata per la stagione, ma ora è il terzo uragano più grande dell’Atlantico. Il primo uragano fu l’uragano Alma l’8 giugno 1966, seguito dall’uragano Audrey, che raggiunse lo status di uragano maggiore il 27 giugno 1957.

L’uragano Beryl ha anche stabilito il record per l’uragano più orientale che si è formato nell’Atlantico tropicale a giugno, battendo il precedente record stabilito nel 1933.

Guarda questo contenuto interattivo su CNN.com

L’Atlantico centrale e orientale diventa tipicamente più attivo in agosto, in parte perché le temperature dell’oceano hanno abbastanza tempo per riscaldarsi e nutrire i sistemi in via di sviluppo.

Tuttavia, quest’anno il bacino atlantico ha registrato temperature dell’acqua più elevate del normale e una diminuzione del wind shear a causa del passaggio dalla stagione di El Niño alla stagione di La Niña, entrambi fattori che alimentano lo sviluppo tropicale.

“Beryl ha trovato un ambiente con acque oceaniche molto calde per questo periodo dell’anno”, ha detto Brennan.

Questi sistemi che si formano all’inizio dell’estate in questa parte dell’Atlantico sono un segno della prossima stagione attiva degli uragani, secondo Cerca da Normalmente, le temperature oceaniche non sono abbastanza calde nei mesi di giugno e luglio per favorire la prosperità dei sistemi tropicali.

Servizio meteorologico nazionale I meteorologi lo prevedono Si prevede che in questa stagione si verificheranno tra le 17 e le 25 tempeste nominate, 13 delle quali sono diventate uragani.

“Questo è ben al di sopra della media”, ha osservato Brennan.

Monica Garrett, Jane Norman, Michael Rios, Marlon Sorto, Sandy Sidhu, Melissa Alonso, Isaac Yee, Eric Zirkle, Mary Gilbert e Brandon Miller della CNN hanno contribuito a questo rapporto.