Agosto 14, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L'Ucraina sequestra una nave russa carica di grano nel porto del Mar Nero

L’Ucraina sequestra una nave russa carica di grano nel porto del Mar Nero

La nave è una nave portarinfuse, Emmakris III, ed è attualmente al porto di Chornomorsk, uno dei tre porti dove il grano viene caricato per l’esportazione sotto Accordo firmato da Russia e Ucraina A Istanbul il 22 luglio.

La CNN ha ottenuto una decisione da un tribunale di Kiev il 20 luglio che concede alle autorità il permesso di sequestrare la nave. L’ufficio del procuratore generale ucraino ha chiesto al tribunale di “impedire ai rappresentanti del proprietario registrato, del proprietario effettivo, dell’operatore, del locatario e di qualsiasi altra persona di adottare misure per disporre, utilizzare o alienare la proprietà specificata, anche impedendo loro di lasciare il porto di Chornomorsk”.

Non è stato immediatamente chiaro quando le autorità ucraine si siano mosse per sequestrare le navi, ma fonti del settore marittimo hanno detto alla CNN che è successo la scorsa settimana. Una fonte marittima, che ha rifiutato di essere registrata nel registro a causa della delicatezza della questione, ha affermato che le autorità ucraine si sono mosse per sequestrare la nave perché volevano sequestrare qualsiasi potenziale risorsa russa.

“La nave è agli arresti e non può lasciare il porto”, ha confermato venerdì alla CNN un funzionario ucraino. Il funzionario non è stato identificato perché non autorizzato a parlare pubblicamente. Una seconda fonte a conoscenza delle operazioni a Chornomorsk ha confermato che la nave era stata sequestrata.

Una fonte del settore marittimo ha detto alla Galileus Web che l’Emakris III era caricato con circa 60.000 tonnellate di grano già acquistate dal governo egiziano. La nave è rimasta bloccata a Chornomorsk dall’inizio dell’invasione russa a febbraio.

READ  Le ultime notizie della guerra ucraino-russa: aggiornamenti in tempo reale

Nei mesi successivi all’invasione, l’Ucraina si è costantemente lamentata del fatto che l’aggressione russa nel Mar Nero avesse paralizzato la navigazione commerciale e i funzionari ucraini si riferivano specificamente all’Emmakris III. “La Russia sta bloccando una nave diretta in Egitto carica di grano ucraino acquistato dall’Egitto”, ha dichiarato ad aprile l’ambasciata ucraina al Cairo su Facebook.

La Russia ha affermato che l’estrazione mineraria ucraina delle acque costiere è stata responsabile dell’arresto delle spedizioni.

Ora gli ucraini stanno impedendo alla nave di partire. L’accusa ha affermato nel caso giudiziario di Kiev che mentre Emmakris III è apparentemente di proprietà di una società a Dubai, il suo “proprietario effettivo” è una compagnia di navigazione russa con sede a Rostov sul Don chiamata Leinter.

La CNN ha contattato Linter e il Ministero della Difesa russo. Al momento della pubblicazione, nessuno dei due aveva risposto.

Linter è anche incluso nei database di spedizione come proprietario di Emmakris II, che è presumibilmente coinvolta nel trasporto di grano rubato dalle parti occupate dell’Ucraina. Il sito web di Linter include immagini di Emmakris II nel Mar Nero.

Un’indagine della CNN durata una settimana basata su immagini satellitari, foto e dati di spedizione ha mostrato che l’Emmakris II ha trascorso diversi giorni ormeggiato al largo del porto di Sebastopoli in Crimea, che la Russia ha annesso alla fine di giugno.

Ha ricevuto diverse visite da una nave più piccola che aveva trasportato il grano nel porto e che sembra aver trasportato il suo carico a Emmakris II.

La nave più piccola, la M Andreev, anch’essa registrata presso Linter, è stata fotografata mentre trasportava a Sebastopoli pochi giorni prima che andasse a lato dell’Emmakris II, secondo una fonte di spedizione a Sebastopoli.

READ  Cardinale cattolico e altri arrestati ai sensi della legge sulla sicurezza di Hong Kong

La fonte ha parlato in condizione di anonimato per motivi di sicurezza.

Le immagini satellitari mostrano navi russe cariche di grano ucraino in Crimea

Fonti di spedizione hanno detto alla CNN che ci sono stati frequenti ricariche di grano verso navi portarinfuse che erano state sotto Sebastopoli per diversi mesi.

L’Emmakris II è partito dall’ancoraggio il 6 luglio ed è stato fotografato mentre attraversava il Bosforo quattro giorni dopo.

Il servizio di localizzazione delle navi di MarineTraffic lo mostra mentre attraversa il Mar Rosso fino al Golfo di Oman, con destinazione identificata come il porto iracheno di Umm Qasr. Ma il suo ricetrasmettitore, o tracker, è stato spento il 22 luglio.

La CNN ha riferito in precedenza Trasporto illegale di grano ucraino da Kherson e Mykolaiv Attraverso il porto di Crimea di Sebastopoli. Piccole navi salpavano direttamente da Sebastopoli nel tentativo di vendere grano sul mercato internazionale.

In diversi casi, ha riferito la CNN, i porti in Egitto e Libano hanno rifiutato di accettare il grano su richiesta del governo ucraino. Almeno due spedizioni sono finite in un porto siriano.

Le autorità russe in Crimea hanno riconosciuto questo commercio ma hanno insistito affinché il grano fosse acquistato legalmente. A giugno, il capo dell’amministrazione della Crimea, Sergei Aksyonov, ha affermato che “il grano delle terre liberate va alla Repubblica di Crimea e poi a Sebastopoli in vendita”.

Il mese scorso, le autorità ucraine hanno stimato che almeno mezzo milione di tonnellate di grano ucraino sono state spedite illegalmente dai russi.

Nick Robertson, Josh Pennington, Gianluca Mezofiori e Katie Polglass hanno contribuito a questo rapporto.