Luglio 2, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L'Oms condanna l'aggressione russa in Ucraina con un voto raro, respinge la controproposta di Mosca

L’Oms condanna l’aggressione russa in Ucraina con un voto raro, respinge la controproposta di Mosca

  • La prima risoluzione condanna l’aggressione russa
  • La Russia risponde con reciprocità diplomatica
  • La Cina sostiene Mosca nel voto dell’OMS
  • L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha segnalato 235 attacchi all’assistenza sanitaria in Ucraina

GINEVRA (Reuters) – L’assemblea dell’Organizzazione mondiale della sanità ha approvato giovedì una mozione di condanna dell’emergenza sanitaria regionale causata dall’invasione russa dell’Ucraina e di rigetto di una risoluzione rivale di Mosca che non menzionava il suo ruolo nella crisi.

Il proposta originaleportato dagli Stati Uniti e da circa 50 altri, ha condannato le azioni della Russia ma si è fermato prima di sospendere immediatamente i suoi diritti di voto presso l’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite, come alcuni avevano chiesto in precedenza.

Entrambe le risoluzioni hanno espresso “gravi preoccupazioni per l’emergenza sanitaria in corso in Ucraina e dintorni”, ma l’unica proposta guidata dall’Occidente afferma che l’emergenza è “causata dall’aggressione della Federazione Russa contro l’Ucraina”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

L’ambasciatore dell’Ucraina presso le Nazioni Unite a Ginevra, Yevnija Filipenko, ha descritto la controproposta russa come “una realtà alternativa contorta”. “La Federazione Russa ha fallito nel suo ridicolo tentativo di ingannare questo forum”, ha detto a proposito del risultato. Leggi di più

Il vice ambasciatore russo alle Nazioni Unite a Ginevra, Alexander Alimov, ha descritto la proposta occidentale come “politicizzata, parziale e parziale” contro la propria. Suggerimenti “costruire”. “La manipolazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità è inaccettabile”, ha detto del risultato.

La Cina ha sostenuto Mosca in entrambi i voti, con il suo inviato Yang Qilun che ha affermato che l’OMS era il forum sbagliato per discutere dei problemi di salute dell’Ucraina. Leggi di più

molte assenze

È improbabile che i doppi voti, una rarità alle riunioni dell’OMS, abbiano un impatto immediato sul conflitto, ma sono visti come un’approvazione multilaterale sempre più rara della posizione di Kiev più di tre mesi dopo l’inizio dell’invasione russa il 24 febbraio.

Ma mentre la mozione sostenuta dall’Occidente è stata approvata con 88 voti favorevoli e 12 contrari, non ha avuto risonanza e ci sono state dozzine di astensioni e assenze tra i 194 membri dell’OMS.

Gli stati membri dell’OMS in Europa hanno già approvato una decisione che potrebbe portare alla chiusura dell’ufficio regionale per la Russia. Leggi di più

Questa volta, i diplomatici hanno affermato di essere preoccupati di spingere la Russia troppo oltre, data la necessità di collaborare con l’Organizzazione mondiale della sanità nella sorveglianza delle malattie. Anche il sostegno alle condanne politiche della Russia, hanno affermato, è svanito, con alcuni che hanno visto i paesi occidentali troppo concentrati sul prendere di mira la Russia a scapito di altre questioni.

Le decisioni arrivano insieme a un rapporto del direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus, che mette in evidenza le conseguenze “devastanti” per la salute dell’invasione russa, inclusi 235 attacchi all’assistenza sanitaria, nonché un maggior numero di vittime e interruzioni della salute potenzialmente letali Servizi.

Mosca descrive le sue azioni come una “operazione militare speciale” per disarmare l’Ucraina e liberarla da quello che chiama nazionalismo anti-russo alimentato dall’Occidente. L’Ucraina e l’Occidente affermano che la Russia ha lanciato una guerra di aggressione ingiustificata.

Scritto da Emma Farge. Montaggio di Frank Jack Daniel e Jonathan Otis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.