Agosto 14, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Lockheed Martin gestisce Artemis 2 Orion, aggiorna lo stato di altre capsule

Lockheed Martin gestisce Artemis 2 Orion, aggiorna lo stato di altre capsule

Lockheed Martin ha completato la prima corsa della capsula Orion per la missione Artemis 2, la prima capsula Orion a essere incaricata di trasportare esseri umani.

Mentre il lavoro su quella capsula continua, Lockheed Martin – l’appaltatore principale della navicella Orion – ha fornito aggiornamenti alle altre tre capsule e tre unità di servizio europee, attualmente in varie fasi dei rispettivi flussi per le missioni Artemis 1, 2 e 3.

Orion Boost Artemis 2

Il risultato significativo di tutti i veicoli spaziali è il primo alimentatore: una pietra miliare Capsula di Orione per Artemis 2 Raggiunto nella settimana del 23 maggio.

“L’abbiamo appena fatto funzionare per la prima volta ed è un enorme risultato per noi perché ci stiamo lavorando ormai da diversi anni”, ha affermato Jules Schneider, direttore delle operazioni di assemblaggio, test e lancio di Orion presso Lockheed Martin. Una posizione responsabile della supervisione dell’assemblaggio e del collaudo del veicolo spaziale fino al punto in cui viene consegnato alla NASA.

Lo stesso Schneider è stato con il programma Orion sin dal suo inizio e faceva parte del team che ha redatto la proposta iniziale per il veicolo spaziale quando faceva parte del programma Constellation, ora cancellato.

La capsula Artemis 2 Orion si trova attualmente nell’edificio Operations and Checkout (O&C) presso il Kennedy Space Center, dove gli Orion vengono assemblati e in qualche modo testati.

Un missile Artemis II Orion all’interno del Neil Armstrong Operations and Checkout Building. (credito: NASA)

“Finalmente abbiamo ottenuto abbastanza avionica, elettronica, tutti i cablaggi e tutto il resto necessario sull’aereo e l’abbiamo integrato in modo da poterlo mettere in funzione per la prima volta, caricare il software di volo, ecc.” imparentato con Schneider.

Sono attualmente in corso alcuni controlli funzionali sullo stato nascente della capsula, con Schneider che osserva che c’è ancora una quantità significativa di lavoro di assemblaggio e integrazione per questa capsula, anche se è lontana nel ciclo di vita complessivo della costruzione.

Intanto questo Anche l’European Service Module (ESM) di Orion si trova al Kennedy Space Center Sono in corso i preparativi per i test integrati e il volo.

Modello di servizio europeoe è integrato nel Crew Module Adapter, che fa parte del Service Module [Lockheed Martin] Costruisce e testa”, ha osservato Schneider. “Il tutto è perfettamente integrato. Quindi, se stai andando al piano del negozio, vedrai un’unità di servizio che è quasi completamente assemblata e ha ancora del lavoro da fare e alcuni test a livello di unità”.

READ  Sono stati identificati due geni critici per le piante che hanno colonizzato la Terra 470 milioni di anni fa

Ha continuato: “La fase in cui ci troviamo ora per Artemis 2 è che stiamo entrando in una fase più centrale dei test rispetto alla fase di assemblaggio o costruzione. Abbiamo ancora alcuni test ambientali da fare, abbiamo un ciclo termico”. [tests] A livello di unità sia per l’unità dell’equipaggio che per l’unità di servizio. Abbiamo un’acustica dal vivo che deve essere eseguita a livello di unità sia per l’unità dell’equipaggio che per l’unità di servizio”.

Quindi, il passo successivo sarà testare il vuoto sull’array integrato Orion (che include il modulo di servizio) prima di consegnare il sistema alla NASA per lo stacking e il volo. Razzo Space Launch System (SLS)..

Il sistema di lancio fallito si stacca dalla capsula di Orione durante l’ascesa in orbita di Asmi. Dopo aver staccato il Solid Rocket Booster, i motori del modulo di servizio europeo di Orion hanno potenza sufficiente per spingere in sicurezza Orion lontano dallo stadio SLS primario o dallo stadio di spinta raffreddato temporaneo. (credito: Mac Crawford per NSF)

Questa consegna alla NASA è attualmente prevista per il quarto trimestre del 2023.

Orione per Artemide 1

Nel frattempo, il fratello maggiore di Artemis 1, Orion, ha finora superato la sua parte delle prove sui vestiti bagnati della spedizione a pieni voti.

“La mia comprensione è che l’Orion per Artemis 1 ha funzionato molto bene durante il test di trattamento del pavimento e il test di prova con i vestiti bagnati”, ha osservato Schneider. “E supportiamo tutto ciò perché Orion è attivo e funzionante mentre tutti i sistemi vengono monitorati. Orion sta andando davvero bene”.

dopo, dopo Lockheed Martin Artemis 1 Orion consegnato a Nasal’agenzia spaziale statunitense ha spostato l’assemblea in una struttura di lavorazione pericolosa dove è stata rifornita di carburante per la missione ed è stato installato il suo sistema inerte di contrasto al lancio.

La catasta Orion completata è stata quindi spostata nel Vehicle Assembly Building (VAB) e issata sopra l’SLS nella High Bay 3 dell’edificio. Il suo impilamento ha segnato la prima volta che un missile SLS completo è stato assemblato e testato come sistema completamente integrato.

Questo potente manca di alcune cose, in particolare Il sistema di controllo ambientale e di supporto vitale (ECLSS) è completamente funzionante – Questo sarà richiesto durante lo streaming di Orion in futuro per Artemis 2 e oltre.

Schneider ha osservato: “In Artemis 1, non ci muoviamo in tutti i sottosistemi ECLSS ma in parte”. “I sottosistemi coinvolti nel mantenere in vita gli esseri umani o nella comunicazione con gli umani, non vengono trasportati a bordo dell’Artemis 1, quindi non otterrai alcun dato fino a quando l’Artemis 2 non vola”.

READ  Una gigantesca nuvola di detriti individuata da un telescopio della NASA dopo la collisione di corpi celesti

“Quindi anche Artemis 2 sarà un viaggio di sviluppo perché questa è la prima volta che una navicella spaziale Orion completamente equipaggiata vola”.

Sulla stessa linea, Il Launch Abort System (LAS) di Orion, costruito da Northrop Grumman, è inerte per Artemis 1. Poiché non c’è equipaggio per la missione, e poiché è previsto il riutilizzo solo di alcuni assemblaggi e sedili dell’avionica Artemis 1 Orion (con il rivolo totale del veicolo non pianificato), non è necessario un sistema di interruzione attivo sul primo volo poiché La ripresa di Orion è in corso Un fallimento del lancio non accelererà – in pratica – l’orario per il ritorno al volo.

Pertanto, il LAS sarà inattivo per Artemis 1 ma pienamente attivo per Artemis 2 e versioni successive.

A questo, Schneider ha osservato: “Abbiamo già testato il sistema di interruzione del lancio, sia da Una vista del foglio di alluminio Il punto di vista dell’ascensione dell’aborto. Quindi abbiamo già verificato, se vuoi, che il sistema Launch Abort funzioni”.

Orion per Artemis 3…il primo ad essere riutilizzato

Sebbene non sia previsto il riutilizzo di Orion per Artemis 1 e 2, Questo cambierà con Orion attualmente in costruzione per Artemis 3, la missione pianificata per riportare gli esseri umani sulla superficie lunare per la prima volta in oltre 50 anni dopo la partenza dell’Apollo 17 il 14 dicembre 1972..

Dopo aver riportato l’equipaggio di Artemis 3 sulla Terra, il piano attuale è quello di prendere la capsula, rinnovarla e riportarla su Artemis 6.

Ma prima, la capsula deve essere completamente costruita, testata e preparata per il suo primo volo.

READ  Il suolo lunare può essere utilizzato per generare ossigeno e carburante per gli astronauti sulla luna

Guscio di pressione dell’unità dell’equipaggio [has been] ha detto Schneider. “Sta andando bene.”

Tutti gli assiemi della struttura di base sono completi in questa capsula così come i test di prova sulla sua struttura.

I team stanno attualmente installando centinaia di staffe e vari elementi della struttura secondaria che terranno cavi, scatole dell’avionica, sistemi, ecc. Queste sono note come strutture secondarie.

“Questo è il punto in cui siamo in questo momento”, ha osservato Schneider. “E poi, una volta completata questa estate, andremo nella camera bianca e inizieremo a integrare i sistemi di propulsione e l’ECLSS”.

Il corpo principale dell’Artemis 3 Service Module 3 arriva presso la sala di integrazione di Airbus a Brema, in Germania, per la messa in servizio dopo la sua costruzione strutturale iniziale a Torino, in Italia. (credito: ESA)

“Saremo in camera bianca per mesi a farlo. E poi, quando usciamo, iniziamo a fare l’integrazione elettrica. Stesso ciclo di vita di Artemis 2, ma Artemis 3, dico, siamo ancora nelle prime fasi di esso.”

Anche l’adattatore del modulo equipaggio per questo volo è ben avviato.

“Lo stiamo costruendo da zero. È una struttura meccanicamente composita”, ha aggiunto Schneider. “Ed è su questo che stiamo lavorando ora, la sua parte strutturale”.

“E ha un ciclo di vita simile a quello della nuova unità in quanto una volta eseguita l’integrazione strutturale, eseguiamo il sistema di propulsione e l’integrazione ECLSS e poi passiamo all’integrazione elettrica. Quindi non è complicato come il modello dell’equipaggio”.

Sono in corso lavori sull’adattatore Crew Module in parallelo con la costruzione del modulo di servizio europeo per questo volo. L’ESM-3 è attualmente a Brema, in Germania, dove è in fase di costruzione e propulsione prima della spedizione al Kennedy Space Center il prossimo anno.

“Una volta che avremo l’ESU, uniremo i due”.

Una panoramica della struttura e della funzione dell’Unità europea dei servizi. (credito: ESA)

Vengono finanziate le unità di servizio europee e Costruito dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA) In un accordo di baratto con la NASA per il tempo dell’equipaggio Stazione Spaziale Internazionale (Unità di servizio per Artemis 1, 2, 3 e 6) nonché per il tempo e il contributo dell’ESA a Porta della Luna (Unità di servizio per Artemis 4 e 5).

Capsule Orion di Artemis 4 e 5: gli ultimi design Orion attualmente pianificati

Nel complesso, Orion per Artemis 4 è attualmente in fase di costruzione di recipienti a pressione presso la struttura dell’Assemblea Michoud a New Orleans, in Louisiana.

Dovrebbe essere consegnato a Centro Spaziale Kennedy Nel febbraio 2023 per la realizzazione di edifici primari e secondari.

Seguirà quindi il recipiente a pressione dell’Artemis 5 Orion.

In base all’attuale contratto con la NASA, Lockheed Martin è responsabile della costruzione e della consegna di Orions tramite Artemis 5.

A partire da Artemis 6, il piano è di riutilizzare i tre Orion completamente funzionanti per le future missioni dell’equipaggio di Artemis.

(Immagine principale: la visione di Orione dello spazio lunare. Credito: Mack Crawford per NSF)